venerdi 01 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
14.05.2023 Erdogan, che fa di tutto per riportare il mondo al tempo dell’Impero Ottomano
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 14 maggio 2023
Pagina: 13
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Nato, guerra e migranti,nella partita di Ankara»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi 14/05/2023, pag.13, l'analisi di Fiamma Nirenstein, dal titolo " Nato, guerra e migranti, nella partita di Ankara".

A destra: Recep T. Erdogan

PM Netanyahu Appoints Fiamma Nirenstein as Ambassador to Italy | Prime  Minister's Office
Fiamma Nirenstein

Sono elezioni fatali quelle che coinvolgono 75 milioni di turchi oggi. Per loro e per il mondo. Ma può cambiare tutto e nulla se Erdogan come ripetono gli esperti, perderà le elezioni: perché la realtà non è solo nella cruda evidenza degli eventi, ma negli occhi e negli interessi di chi guarda. E così, se questo dittatore che fa di tutto per riportare il mondo al tempo dell’Impero Ottomano (per convinzione patriottica, per religione, per carattere sopraffattore, per grandi interessi) dovesse cadere oggi, forse gli Stati Uniti e l’Europa che l’hanno sostanziale nemico e, dall’altra parte, la Russia, l’Iran, le organizzazioni integraliste che lo hanno amico, cercheranno una strategia cauta, perché ormai la grande Turchia è legata da mille lacci. Intanto, tutto il mondo ripete che il suo antagonista Kemal Kilicdaroglu è un uomo grigio: proprio questo, però, forse libererà il mondo da un boss che si vede come il restauratore del sultanato. Le ragioni del rischio elettorale sono mille: l’ombra recente, immensa, dei 51mila morti del terremoto per la colpevole fragilità edilizia e i cattivi soccorsi; e negli anni lo stile di dittatore onnipotente. Nel 2010 e nel 2017 ha espanso il potere esecutivo della presidenza a spese del giudiziario e del parlamento; sempre di più, ha represso la stampa e ogni critica; l’inflazione ha creato un effetto che aveva già prodotto rivolte soffocate nella violenza (a Gezi Park nel 2013; poi la caccia ai “cospiratori” di Fetullah Gulen nel 2016). L’uomo ha creato una dura testuggine di potere anche all’estero. Le varianti sono il suo rapporto con la Nato, con l’Europa, con gli USA, con la Russia, con stati e organizzazioni terroriste come Hamas o la siriana Hayat Tehrir al Shams.

Turkish election: Who is Kemal Kilicdaroglu, a top challenger to Erdogan? :  NPR
Kemal Kilicdaroglu

Hamas ha condotto una quantità di traffici terroristi da Istanbul. Erdogan apparve all’inizio come un leader che poteva mediare con l’Europa la grande questione giudaico-cristiana-islamica. Le cose si complicano quando la Turchia decide di impegnarsi in Siria contro l’YPG ( legata al PKK curdo,in Siria) proprio quando gli USA, riabilitandolo, decidono di farne un alleato contro l’ISIS e lo inseriscono nelle Syrian Democratic Forces. E’ qui che si salda l’alleanza di Erdogan, infuriato con gli USA, con la Russia. Da allora la Turchia compra il sistema missilistico S400, consolida un grande rapporto strategico e economico, specie nell’ambito dell’energia e del turismo; gli USA allora non lo inseriscono nel programma per i fighter F35, Erdogan molto irato, prima rifiuta l’ingresso nella Nato sia della Finlandia che della Svezia, poi concede la Finlandia, ma tiene la carta Svedese in mano, così come detiene lo strumento di pressione sull’Europa dei quattro milioni di rifugiati siriani. Si accorda per farli rientrare in Siria, ma lo tratta con i russi e con Assad. Intanto le navi russe sanzionate passano dai suoi porti cariche di grano; promette all’Europa di farla finita di minacciare Cipro, ma poi lo minaccia con la Grecia, specie dopo l’accordo East Med anche con Israele. Gli Stati Uniti ha tentato di offrire a Erdogan un accordo favorevole all’Ucraina, chiedendogli di passare a Zelensky gli S400 in cambio di un inserimento nel sistema F16. Ma l’asse russo iraniano nonostante gli equilibrismo di Erdogan, è solido. Inoltre, al presidente iraniano Raisi, Erdogan ha detto che tutti i Paesi islamici si uniscano contro Israele. Su questo punto, Erdogan mostra una furia particolare: comincia con l’assalto a Shimon Peres nel 2009 quando gli urlò a Davos: “Sapete bene come uccidere, voialtri!” e poi l’anno dopo fu quello della Flottilla e della rottura della diplomazia, sempre incitando alla guerra per le moschee. Ora, l’eventuale nuovo presidente, come dice nel programma, vuole creare un Paese normale. Ma che ne farà di tutti gli accordi energetici firmati coi Russi? Dell’alleanza sulla Libia? Come risolverà la questione dei profughi? E il disastro economico? Il 72 per cento dei turchi vede gli USA come una minaccia, e solo il 54 vede così i russi. Dato e non concesso che Erdogan apra le mani nel caso sia battuto, il domani non è chiaro.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT