sabato 02 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
10.05.2023 Operazione 'Scudo e freccia'
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 10 maggio 2023
Pagina: 12
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Razzi su Gaza: uccisi tre capi della Jihad»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi 10/05/2023, apag.12,l'analisi di Fiamma Nirenstein, con il titolo "Razzi su Gaza: uccisi tre capi della Jihad"

PM Netanyahu Appoints Fiamma Nirenstein as Ambassador to Italy | Prime  Minister's Office
Fiamma Nirenstein

Si chiama “Scudo e freccia” l’operazione intrapresa alle due della notte di domenica con tre eliminazioni mirate, contornate da una decina di morti e feriti, e proseguita nella giornata di ieri con altri due morti. Anche questi terroristi della Jihad Islamica, presi di mira nella loro auto mentre stavano per sparare un missili teleguidato. Tutti gli obiettivi sono membri dell’organizzazione che dopo la morte in carcere di un jihadista, Khaled Arnan, di sciopero della fame, ha lanciato il 2 maggio 104 missili sul sud di Israele. I due eliminati ieri tentavano una delle possibili vendette per la morte tre capi islamisti: Khalil al Bahtini, responsabile del lancio dei missili contro le cittadine israeliane; Tarek Izeldin, capo del terrore contro il West Bank; e Jihad Ghannam, capo del consiglio militare della Jihad. Fra i membri delle loro famiglie uccisi nell’attacco, anche purtroppo due bambini. Bahtini aveva nel suo curriculum l’organizzazione di innumerevoli attacchi suicidi, lanci di missili, bombe. Coordinava gli attacchi della fazione terrorista. Izerdin era il responsabile degli attacchi nell’West Bank, era lo stratega del terrore che usciva da Gaza. Condannato a vita, era stato rilasciato nello scambio per Gilad Shalit nel 2011. Gannam era un assassino seriale: fra l’altro nel 2004 ammazzò a fucilate una donna incinta di otto mesi, Tali Hatuel, con i suoi 4 bambini dai due agli undici anni. Così sono le operazioni della Jihad Islamica sin dagli anni 80: il loro scopo, eliminare più ebrei possibile. L’operazione di ieri è stata preparata a lungo con determinazione e precisione dopo un periodo di silenzio dall’attacco del 2 maggio: Netanyahu sembra aver voluto con questo rassicurare i cittadini che hanno sofferto, specie nel sud del Paese, nelle settimane delle manifestazioni nelle strade insieme alle violenze delle giornate di Ramadan; la decisione dell’operazione risponde alla Jihad e a Hamas che con gli attacchi terroristici e i missili volevano dimostrare di essere i padroni delle Moschee. Duole pensare che in questi attacchi anche sangue innocente sia stato versato: ma l’operazione è una scelta di salvaguardia ritenuta necessaria, senza accenti bellicistici, per altro compiuta senza che mai, fra le sue proteste, fosse invitato il ministro Ben Gvir alle sedute sul tema. È stata la continua minaccia, ripetuta, in cui è stato proibito uscire, lavorare, andare a scuola nel sud che l’ha causata. Adesso Israele ha il fiato sospeso: a parte le condanne internazionali (ma gli USA non si son sentiti) e le criminalizzazioni (Abu Mazen in volo verso Washington al Nakba Day, Erdogan, l’Egitto, la Giordania, il Qatar...) che ignorano che Israele abbia dovuto difendere la popolazione esasperata, e ha tenuto fuori Hamas. Per ora c’è solo una presa di posizione di Khaled Mashal, che dichiara che parteciperà alla grande vendetta. Nel sud del Paese le scuole sono chiuse, gli autobus e i treni fermi, i negozi chiusi, i rifugi aperti: ma la gente di Sderot, di Netivot, di Ashkelon, dei kibbutz, dice che è pronta a qualsiasi sacrificio per il cambiamento. Non ne può più. Il Gabinetto di Sicurezza che si è riunito ieri, il fuoco di Hamas non brucia solo sul suo confine meridionale, che l’Iran ha interessi prima di tutto legati alla Jihad Islamica, che Hamas siede oggi anche sul confine del Libano con Hezbollah. Ma il guanto è stato lanciato dopo averci pensato bene, scegliendo il nemico, solo la Jihad Islamica. Netanyahu ha detto: “Alla violenza, noi risponderemo tutti uniti. Sappiamo affrontare ogni rischio e vincere. Non ci mettete alla prova”. Ma qualsiasi cosa può accadere nelle prossime ore. Di sicuro Israele ha cercato con con questa operazione molto severa ma delimitata di ristabilire la deterrenza perduta nella supposizione del nemico che Israele fosse indebolita dallo scontro interno. I soldati delle riserve sono stati in parte richiamate, 200 famiglie sono state evacuate. Israele è pronta, può darsi che Hamas stia chiedendosi se stavolta la strada prescelta sia, nel caso, quella delle eliminazioni dei grandi capi.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT