martedi` 18 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
24.03.2023 Israele: ciascuna delle due parti si sente padrona della parola 'democrazia'
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 24 marzo 2023
Pagina: 16
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «La mano tesa di Netanyahu: niente fratture»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 24/03/2023, a pag.16, l'analisi di Fiamma Nirenstein., dal titolo "La mano tesa di Netanyahu: niente fratture"
A destra: Benjamin Netanyahu

PM Netanyahu Appoints Fiamma Nirenstein as Ambassador to Italy | Prime  Minister's Office
Fiamma Nirenstein

Benjamin Netanyahu, dopo che è passata la legge che lo difende dalla possibilità per cui se avesse trattato della legge sulla Giustizia avrebbe potuto essere destituito perché la Corte Suprema glielo aveva proibito, ha ripreso il palcoscenico. È rientrato sulla scena con un breve discorso di richiesta d’ordine: ho promesso di essere il Primo Ministro di tutti i cittadini, e manterrò ha detto. E dopo aver riaffermato la fede di tutto il Paese, a destra e a sinistra,nella democrazia (“qui non ci sono né traditori né fascisti”) ha da una parte difeso la sostanza della proposta di legge, che ha dichiarato identica quanto a composizione del Giudiziario agli USA, alla Nuova Zelanda, al Canada, ovvero con una composizione mista in cui “giudice non elegge giudice” ma il sistema è misto con la politica: qui non ci sono né traditori, dice, né fascisti. Siamo tutti appassionati della nostra democrazia e di Israele. E poi con i toni dei grandi discorsi ha ripetuto più volte che non si toccheranno i diritti di nessuno “ebrei e non ebrei, uomini donne Lgtbq… di qualsiasi idea e etnia” e che prendeva su questo un impegno personale. Ha invitato anche a riprendere la discussione e ha segnalato diversi punti su cui c’è spazio per incontrarsi. Se accadrà, è difficile dire. Ci sono folle infuriate che vedono adesso il loro momento e più di questo lo hanno convinto a parlare a tutta Israele le riunioni col ministro della Difesa Johav Gallant, deciso a chiedere un intervallo nella discussione sulla legge, e più ancora coi capi di Stato Maggiore e dei Servizi segreti. Un Paese assediato come Israele non può permettersi crepe nell’unità sostanziale di popolo e di esercito mentre si profilano pericoli imminenti e gravi. L’assedio Netanyahu deve averlo sofferto perché Israele è un forte nel contrapporsi al nemico come nei contrasti interni, polemico come nella tradizione ebraica antica. Ognuna delle due parti si sente padrone della parola “democrazia” e da settimana essa è stata usata come una clava: chi ha perso le elezioni è forte della immensa presa sulla piazza,fiera dell’elitismo della venerabile tradizione askenazita del kibbutz; chi ha la maggioranza rivendica la forza parlamentare e quella ideologica popolare sefardita e conservatrice. La spaccatura è oggi un abisso pauroso e Bibi ha tentato il recupero senza arrendersi: una resa gli procurerebbe una grande spaccatura anche nel suo schieramento. Bibi ha fatto un passo verso l’opposizione perché ha le carte per farlo: anche questa da segni di stanchezza e di perplessità,non tutti concordano sul fatto che il “Bagaz”, il Consiglio Superiore sia diventato il simbolo della “resistenza”, parola molto usata insieme alla accuse di “fascismo”. Troppo. Bibi deve difendere tuttavia la sua maggioranza quando la parte più conservatrice dei ministri Bezalel Smotrich e Ben Gvir viene disegnata dalla sinistra come una specie di nemico pubblico che secondo i dimostranti vuole colpire al cuore i diritti delle donne, dei gay, delle minoranze. Smotrich e Ben Gvir ci mettono del loro, come quando Smotrich, ministro delle finanze, ha detto a Parigi che i palestinesi non esistono e ha parlato davanti a una mappa in cui territori giordani erano compresi nell’Israele storica e è quasi riuscito a mandare in crisi il trattato di pace col reame. La conseguenza è stata anche un messaggio di allarme da parte degli Emirati Arabi, protagonisti dei Patti d’Abramo.Anche il riemergere dal nulla del progetto di legge dell’importante capo del “Partito della Torah” Moshe Gafni che proibisce di propalare in Israele la figura di Gesù ha creato una fama di intolleranza che crea non pochi guai. Il problema maggiore è quello dell’invito all’ambasciatore d’Israele negli USA a giustificare la legge che permette di tornare a vivere in un insediamento sgomberato. Biden, l’alleato più importante per Israele, che ha già detto più volte che il governo deve ripristinare la fiducia popolare. Una critica pesante a Bibi che deve fronteggiare i rischi per la vita dei cittadini prima di tutto. Il mese di Ramadan che inizia è lo spazio ideale per una terza Intifada e forse una guerra: nelle ultime 24 ore si sono avute tre attacchi a fuoco, e così è continuamente, gli Hezbollah tornano a minacciare in nome dell’Iran e Nasrallah ride della debolezza di Israele. Lo sciopero dei piloti degli aerei da combattimento e di altre unità scelto ha certo colpito più di ogni altra cosa. Questo mentre frale manifestazioni che bloccano il Paese, si sono visti assedi alle case dei leader conservatori. Netanyahu ha giocato ieri sera la carta della sua leadership: senza di lui, il Paese è certo privo di una guida sicura. Molte uscite pazzesche tipo quella di Olmert ex primo ministro che chiede ai capi di stato straniero di cancellare ogni rapporto con Israele, o Lapid che non smette di prevedere l’avvento del fascismo, non sono condivise da gran parte dei manifestanti. La porta è aperta.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT