martedi` 28 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
11.03.2023 Per il futuro un ponte tra Italia e Israele
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 11 marzo 2023
Pagina: 6
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Importare energia e archiviare l'antisionismo, l'Italia ponte fra lo Stato ebraico e l'Europa»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 11/03/2023,a pag.6, l'analisi di Fiamma Nirenstein, dal titolo "Importare energia e archiviare l'antisionismo, l'Italia ponte fra lo Stato ebraico e l'Europa"

A destra: Benjamin Netanyahu

PM Netanyahu Appoints Fiamma Nirenstein as Ambassador to Italy | Prime  Minister's Office
Fiamma Nirenstein

Quando si dice Israele e lo si osserva sulla scena mondiale, si percepisce sempre qualcosa in più rispetto alla dinamica della diplomazia. Pace, guerra, tempeste e aurore, il popolo ebraico che diventa Stato nazione, la tragedia, la vittoria, l’antisemitismo che alza la testa e poi viene messo a tacere. Anche stavolta la visita di Benjamin Netanyahu a Roma, la bandiera bianca e celeste con la stella di David accanto a quella tricolore hanno possibili significati che trascendono la politica quotidiana. Lo si è intuito nelle parole dei due Primi Ministri, Netanyahu e Meloni, che si sono incontrati ieri: in Israele, fra le continue accuse che inseguono il Primo Ministro in queste settimane della grande rivolta contro la riforma giudiziaria, c’è anche quella del viaggio in un Paese che secondo i giornalisti, è minore e non decisivo. Ma parlando della collaborazione energetica e contro la siccità e delle molte altre possibilità (come ha detto Meloni) che si aprono in un rapporto ravvicinato fra i due Paesi, è ritornata sempre la parola Europa. È un segnale non solo pragmatico e di business quando Bibi annuncia che Israele sceglie l’Italia come strada maestra dell’esportazione del suo gas, la questione energetica è ormai cruciale da quando la Russia è una potenza avversa, il progetto EastMed può spostare dinamiche che darebbero all’Italia un ruolo fondamentale dell’approvvigionamento europeo.

Migranti, scontro tra Meloni e Salvini sui poteri di Piantedosi - la  Repubblica
Giorgia Meloni

Mentre in centro si svolgeva una manifestazione di circa 400 israeliani a Roma (così si riporta) con parole d’ordine molto dure contro Bibi e il governo, il Forum Economico per le Imprese presieduta da Bibi e dal Ministro Adolfo Urso per le Imprese e il Made in Italy, raccoglieva una cinquantina di Amministratori Delegati delle maggiori imprese, da Eni a Leonardo a Fincantieri a Ita e Fs, fra cui Francesco Starace di Enel, Matteo Del Fante di Poste Italiane, e per ore hanno discusso di collaborazione futura. È importante? In questo momento in cui il mondo è diviso in due, e le forze dell’Occidente si coalizzano mentre l’Iran, alleato di Mosca, si avvicina alla bomba atomica con cui vuole distruggere Israele e minacciare tutto il nostro mondo e ancora l’Europa sonnecchia di fronte a questa realtà; mentre i Paesi del Patto di Abramo aprono nuovi spazi ai Paesi democratici e tecnologici compreso Israele facendo sperando nella pace anche con i palestinesi.. l’Italia può assumere un ruolo importante, ovvero quello di un autentico cambiamento dell’atteggiamento dell’UE. Nel 2011 Netanyahu dette il benvenuto alla decisione di Berlusconi, finalmente, di dire no a una delle tante risoluzioni di condanna contro Israele dell’ONU e cercò di spostare anche l’UE da quel “politically correct”. Fu Berlusconi a inaugurare il cambiamento di un’Italia andreottiana filoaraba dai tempi della crisi energetica con un viaggio nel 2010 di cui Shimon Peres disse che “gli aveva scaldato il cuore”. Ma negli anni l’ atteggiamento impersonato da Federica Mogherini a suo tempo e ora da Joseph Borrell torna, alla ricerca di un’unità difficile da trovare, ad accusare Israele di violazioni continue e spesso inesistenti. Negli anni ‘70 che il radicalismo terzomondista guidato da Olof Palme, Willy Brandt, Bruno Kreiskyrese l’Europa sostenitrice dell’OLP, fino al silenzio sul terrorismo e i finanziamenti incontrollati; nel 1993 con gli accordi di Oslo, l’Europa ha reso il suo punto di vista su Israele dipendente da quello dei Palestinesi. Il fallimento del pacifismo per i rifiuti palestinesi è stato addossato allo Stato Ebraico. L’Europa così, mentre nei settori medici, scientifici, tecnologici, di sicurezza,ha potenti rapporti di scambio con Israele, ha adottato una narrazione ideologica flebile, che ignora la storia condannando sempre Israele. L’Italia dinamica di Meloni forse sa che per affrontare un futuro ormai incerto per tutti, segnato anche dal nuovo antisemitismo, occorre un ponte fra l’Europa e Israele.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT