martedi` 31 gennaio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco l'Israele che non ti aspetti (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
05.12.2022 Il regime iraniano scricchiola
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 05 dicembre 2022
Pagina: 11
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «La polizia morale e l'inizio della resa»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 05/12/2022, a pag.11, con il titolo" La polizia morale e l'inizio della resa" l'analisi di Fiamma Nirenstein.

PM Netanyahu Appoints Fiamma Nirenstein as Ambassador to Italy | Prime  Minister's Office
Fiamma Nirenstein

Se fosse degna di fede, la notizia sarebbe molto importante, e in ogni caso divulgarla segna un cambio della scena, mostrando un regime impaurito, a caccia di consensi dentro e fuori i confini: il procuratore generale iraniano Mohamad Jafar Montazeri ha annunciato lo scioglimento della funesta “Polizia della morale” che dopo aver sequestrato il 16 settembre scorso Mahsa Amini perché non indossava il velo secondo le regole del regime degli Ayatollah, ne ha poi riconsegnato il corpo torturato e ormai senza vita alla sua disperata famiglia. Da quel momento una protesta guidata dalle donne, sempre più coraggiosa e determinata a liberare a ogni costo la sua gente, ha tenuto le piazze e le strade nonostante ormai si contino ormai quasi cinquecento morti fra i dimostranti. L’Iran non vuole più vedere donne, dissidenti, gay imprigionati e uccisi solo per ciò che sono. La resa sulla “Polizia della morale” però di fatto allarga semplicemente che il regime sia nei guai e non che cerchi soluzioni: alla notizia infatti si aggiungono molte “chiarificazioni” per cui il sistema giudiziario dichiara di non “perseguire dichiaratamente” il suo scioglimento, ma è la polizia stessa che “cerca una soluzione prudente” , mentre il presidente Raisi annuncia che “è allo studio” una legge per modificare l’uso obbligatorio del velo. Mahsi Alinejad una protagonista delle rivolta al femminile, di recente ricevuto all’Eliseo dal Presidente Macron, ha già detto che si tratta di “disinformazione, una tattica per fermare la rivolta”.

Mahsa Amini, quella vita racchiusa anche nel nome: in curdo si chiamava  Jîna - Luce
Mahsa Amini


Perché la rivolta è ormai diventata una strada possibile verso un cambiamento fondamentale, ed è la prima volta dopo le tante rivolte che si susseguono dal 2017. È il mondo intero stavolta, come per l’Ucraina, che non può tacere alla violazione di ogni norma etica e che chiede insieme agli iraniani un altro domani. Un esempio italiano: Antonio Tajani, ministro degli Esteri italiano, il primo di dicembre ha cancellato l’incontro bilaterale col ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian. Un gesto di coraggio da parte di un ministro di prima fila del secondo Paese dell’UE. Avveniva quando l’appassionato pubblico del calcio iraniano ha festeggiato nelle vie delle sue città, pagandolo con botte, fermi e spari e persino con la vita di un giovane di 26 anni non la vittoria, ma la sconfitta della sua squadra ai Mondiali subita dalla squadra del Grande Satana, gli USA. Quanto deve ormai non poterne più il popolo e quanto ormai il consesso internazionale riconosce l’impresentabilità di un Paese che solo fino a tre mesi fa si baloccava con la speranza americana e europea degli incontri di Vienna del “P5 più uno”spronati da Biden a rinnovare il JCPOA, ovvero, l’accordo sul nucleare. Le cose sono cambiate, le colossali violenze e violazioni dei diritti umani, le donne senza paura e senza velo in piazza, non consentono più la gestione del rapporto con l’Iran secondo “business as usual”. Come dice l’ambasciatore Ron Dermer nel podcast JINSA “Politically Incorrect”, due cose sono accadute: il regime di paura che teneva la gente a casa si è infranto e la richiesta di cambiamento, di “regime change” è totale. In secondo luogo, che si sta formando un nuovo fronte internazionale dagli USA, all’UE ai Paesi sunniti contrapposti all’Iran, alle istituzioni dell’ONU, su un atteggiamento comune, che non ne può più della prepotenza interna e esterna del regime. Il presidente Biden, che ci ha sempre tenuto a dimostrare sensibilità sui diritti, sembra focalizzato sulla rivolta in corso e i suoi orrori, e non più sulla ricerca di un accordo a Vienna, e così restituisce spazio agli Stati sunniti; Obama ha dichiarato di essersi sbagliato a non sostenere le proteste del 2009, il presidente Macron ha ricevuto all’Eliseo Masih Alinejad insieme a altre due donne combattenti, e il 24 novembre si stabiliva una commissione d’indagine della Commissione per i Diritti Umani alle Nazioni Unite. Putin usa droni iraniani e l’Iran non smette di minacciare gran parte del Medio Oriente e del mondo intero che lamenta le sue incursioni terroristiche (per esempio l’Inghilterra): capirlo insieme rende promettente per la pace nel mondo l’aiuto collettivo al popolo iraniano a trovare la libertà. La gente da Teheran sente il nuovo sostegno, e ne ricava forza. Al tempo della caduta del Comunismo, l’Unione Sovietica che sembrava immortale, si spezzò di fronte alla immensa disapprovazione interna e esterna, quando ai refusenik e al biasimo morale si unì la voce americana e l’azione concreta internazionale.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT