lunedi` 05 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
02.11.2022 Israele, elezioni: vince Netanyahu
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 02 novembre 2022
Pagina: 14
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «La zampata dell'eterno Bibi. E' maggioranza per un seggio»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 02/11/2022, l'analisi di Fiamma Nirenstein, a pag.14 con il titolo "La zampata dell'eterno Bibi. E' maggioranza per un seggio"

PM Netanyahu Appoints Fiamma Nirenstein as Ambassador to Italy | Prime  Minister's Office
Fiamma Nirenstein

Benjamin Netanyahu, secondo gli exit poll, è il miracoloso vincitore, almeno per il momento di questa tornata elettorale in Israele. Il suo Likud con 31 seggi, raggiunge insieme al resto dei suoi alleati il numero magico di 62, un seggio in più di quelli necessari a formare il governo. Yair Lapid, oggi primo ministro e suo principale antagonista, con "C'è un futuro" raggiunge i 24 eletti e la sua coalizione raggiunge i 54 seggi. Benny Gantz, visto come un possibile auto della bilancia capace di formare un governo centrista, ha raggiunto solo gli 11 seggi. Il partito di destra estrema "Partito Sionista Religioso" di Itamar Ben Gvir diventa il terzo partito con 14 seggi, un risultato del fitto susseguirsi della minaccia terroristica di questi mesi e del conseguenze bisogno di maggiore sicurezza della gente minacciata ogni giorno. Ma la nuova vittoria di Netanyahu è invece un segno di desiderio di stabilità e di fiducia nel futuro: è la prima volta che un primo ministro torna nel suo ruolo dopo esserne stato espulso e dopo un assedio crudele da ogni parte, dal lato giudiziario, dei media, della piazza e delle congiure di palazzo.


Bibi resta il leader più votato dalla gente: la sua figura ancora incarna l'epica resistenza di Israele che ne apprezza la determinazione e l'orgoglio di fronte a tutto il mondo,persino agli Stati Uniti, e si sente incoraggiato dal suo ribadito entusiasmo per la miracolosa costruzione della patria del popolo ebraico dopo tante persecuzioni. Il riconoscimento della sua esperienza e del suo carisma è degno del carattere formatosi nella famiglia laica e conservatrice dello storico Ben Tzion Netanyahu allievo di Jabotinsky, con una cultura americana che fece decollare l'economia e la scienza di Israele, e nella Sayeret Matchal, l'unità speciale contro il terrorismo. Il nuovo governo, se e quando Bibi riuscirà a formarlo,dovrà tenere conto del nuovo alleato senza però lasciar scalfire l'equilibrio della sua figura laica e conservatrice, del tessitore degli accordi di Abramo che però non fa sconti alla battaglia contro l'Iran nucleare e contro i terroristi. Netanyahu si è dedicato fino al successo alla distruzione del governo di centro sinistra guidato da Yair Lapid, il suo duro e abile antagonista. Vi si era si era aggregato un paradossale accumulo di partiti, dalla "Destra" fino a Raam, il partito arabo della Fratellanza Musulmana. Bennet e Lapid hanno gestito l'idea che il puro antagonismo a Bibi, misto a gesti di politica internazionale molto discussi, come quello della firma dell'accordo col Libano potesse funzionare come collante. Ha funzionato. Lapid è stato una figura di primo ministro accattivante, una tecnica che gli funzionerà bene anche dall'opposizione; perché d'altra parte Netanyahu adesso deve badare a non diventare l'alibi e l'arma di Smotrich e di Ben Gvir, il cui estremismo non sconfina dai confini costituzionali, ma li cavalca pericolosamente. I votanti, nella percentuale del 66, 3 per cento, la più alta dal 1996 si è riversata nei 12 600 seggi con sentimenti molto antagonisti. Da una parte il Likud e i suoi alleati di destra che difendono la propria casa dall'accresciuto terrorismo, dalla distruzione della tradizione, dalla dipendenza dagli USA; e dall'altra una bandiera progressista, super laica, desiderosa di approvazione, che disegna Netanyahu come minaccioso per le istituzioni democratiche a causa dei suoi alleati Betzalel Smotrich, e Itamar Ben Gvir. Adesso inizia la liturgia della scelta del primo ministro. Il presidente Herzog affida l'incarico di formare il governo: l'incaricato secondo le indicazioni di partiti avrà 28 giorni e può richiederne altri 14. Da quel momento Netanyahu, se sarà lui come sembra, può contare sui partiti tradizionali degli haredim; su Shas, da 8 a 10 mandati,il cui leader Arieh Deri, religioso orientale,si uni al governo Rabin negli anni 90, e soprattutto il Partito Religioso Sionista che può avanzare richieste così pesanti da indebolire il peso del Likud. Bibi ha basato la sua forza e il suo carisma sul fatto di essere un patriota conservatore non religioso, capace di appoggiarsi al centro mantenendo l'identità sionista. Lapid col suo "C'è un futuro" aveva ben progettato, con il governo a rotazione, la gestione della campagna dal ruolo di primo ministro. È probabile che abbia anche previsto di iniziare adesso una guerra di posizione che lo porti a profittare delle difficoltà di Netanyahu con i suoi, mentre lui tesse nuove alleanze, magari con Benny Gantz. Che però potrebbe tornare utile al governo di BIbi per controbilanciare il peso della destra. Intanto, comunque Netanyahu, cui certo si prospettano giorni complicati, ha vinto, e Israele può sognare che i toni si plachino.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT