lunedi` 05 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
02.10.2022 Le democrazie contro l’Iran, Italia compresa
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 02 ottobre 2022
Pagina: 12
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Giorgia sostenga le proteste contro l'Iran»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 02/10/2022, a pag.12,  l'analisi di Fiamma Nirenstein dal titolo "Giorgia sostenga le proteste contro l'Iran"

A destra: Giorgia Meloni

PM Netanyahu Appoints Fiamma Nirenstein as Ambassador to Italy | Prime  Minister's Office
Fiamma Nirenstein

La più convincente delle rassicurazioni di democrazia che Giorgia Meloni presenta al mondo, e che infatti nei commenti viene preceduta da un "tuttavia" e da un "d'altra parte" a fronte di un passato sospetto, è la chiarezza con cui la leader ha difeso la libertà dell'Ucraina e attaccato l'aggressività russa. Anche dopo il referendum e il discorso che ha aggiunto colonne al tempio antioccidentale e autarchico di Putin, la Meloni non si è tirata indietro. Se questa scelta è fatta in nome della difesa di quell'Occidente che per Putin è sinonimo di colonialismo, di imperialismo, di satanismo etc, e la Meloni, donna e leader, invece punta a una politica occidentale, atlantista,democratica, la strada è segnata. Accanto alla guerra nell'Europa cristiana, ha luogo in queste ore una rivoluzione oltremodo significativa in Iran, dove quello che Bernard Lewis considerava il maggiore problema dell'Islam, l'oppressione delle donne, fa tremare il regime degli Ayatollah e dei Basiji. La rivoluzione, diversa da quelle precedenti, larga e persino a tratti vincente, potrebbe tuttavia essere spenta nel sangue come accadde nel 2009 con 1500 morti; ma dobbiamo fare di tutto perché questo non avvenga, perché questo è essenziale per il mondo intero. Non lo si è scritto molto, ma l'Ucraina ha tagliato intorno al 20 settembre i rapporti diplomatici con l'Iran perché l'unica arma effettiva di Putin sono droni forniti dal regime iraniano. Lo sono anche quelli che usano gli hezbollah e gli uomini di Hamas in Israele. A proposito, Ismail Haniyeh, capo di Hamas, ha una sede a Mosca, oltre che a Teheran, ed era di recente in visita da Lavrov. Putin sta creando una nuova asse di autocrati antioccidentali: al vertice con lui, la Cina, il Nord Corea, l'Iran e in posizione un po’ discostata, Erdogan. Il 20 di luglio, in una rara visita all'estero, Putin si è incontrato a Teheran con il presidente Ibrahim Raisi e con Erdogan. Le foto mostrano un rapporto molto caloroso; e più ancora lo sono gli accordi, fra cui un patto di 40 miliardi di dollari fra la Compagnia Iraniana del Petrolio e Gazprom. Inoltre le brame di Putin comprendono progetti militari e terroristici e accordi egemonici definitivi per la Siria, il Libano, lo Yemen… Le forze che lo affiancano, come l'Iran, sono fra i promotori internazionali di violenza. All'ONU i veti dei suoi alleati bloccano le risoluzioni contrarie a Putin. I loro nessi neutralizzano le sanzioni.

Iran protests Western stance on mass protests over woman's death
Proteste in Iran

Lo scontro nelle piazze iraniane a seguito della morte di Mahsa Amini, ormai esteso a tutte le province, è una occasione molto importante per una donna al potere di lanciare la sua potente offa a una battaglia sacrosanta e di larga gittata, perché chiude le porte all'ingerenza nella vita privata, nelle comunicazioni e nelle opinioni, si oppone alla condanna a morte dei gay e delle adultere. C'è un fronte che è antioccidentale e antiatlantico, che vuol vivere nel passato, quello atlantico appartiene all'oggi. L'Iran è un'ottima occasione per varare un atlantismo attivo.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT