martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
09.08.2022 La guerra è finita, per ora
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 09 agosto 2022
Pagina: 16
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Israele riparte. Un terzo dei morti uccisi dalla Jihad»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 09/08/2022, a pag.16, con il titolo "Israele  riparte. Un terzo dei morti uccisi dalla Jihad"  l'analisi di Fiamma Nirenstein.

PM Netanyahu Appoints Fiamma Nirenstein as Ambassador to Italy | Prime  Minister's Office
Fiamma Nirenstein

La guerra è finita, per il momento, o almeno si è concluso questo capitolo. Tacciono da lunedì notte i missili e le bombe. A Gaza si sgombrano le macerie, 14mila palestinesi hanno attraversato il "passaggio di Erez" vicino a Beith Hanoun, e sono tornati a lavorare in Israele; i camion riforniscono la Striscia, si organizzano interventi tecnici e umanitari. La popolazione non osa certo, a Gaza, criticare chi ha di nuovo trascinato i giovani in una guerra sanguinosa. La Jihad Islamica ha perduto, e Gaza è più stravolta e depressa di prima. Ma non se ne dispiace Hamas, l'apice del potere, invece sempre più forte, che prepara il prossimo round dopo essersi astutamente astenuta da questo. La gente del sud di Israele esce a lavorare, va alla spiaggia, siede al ristorante, i bambini giocano nei campi estivi. Le sirene non urlano, non ci sono più solo quei maledetti dieci secondi per buttarsi nel rifugio. La vita riprende il suo ritmo. In cielo non si rincorrono gli incredibili ghirigori salvifici di "kipat barzel", cupola d'acciaio, che da undici anni fa il miracolo: stavolta ha fermato in aria il 97 per cento dei quasi mille missili lanciati sopra le città israeliane, 610 invece sono stati sparati per sbaglio dalla Jihad stessa in mare o sul proprio territorio a Gaza. Dei 37 morti di questa guerra, 27 sono innocenti civili di cui 16 uccisi dalla Jihad stessa e 11 da Israele. Il resto, sono terroristi eliminati da Tzahal perché dediti alla caccia agli ebrei di Israele. Il primo, venerdì scorso, è stato il capo del Comando Nord della Jihad Taysir al-Jabari, che aveva tenuto Israele chiusa in casa per quattro giorni con la minaccia di stragi di civili, e poi è toccato a Khaled Mansour, capo del Comando Sud. Questo ha determinato la guerra. Israele ha vinto rapidamente portando lo scontro sul campo nemico, nell'West Bank a Jenin con l'arresto di un capo della Jihad, poi a Gaza, senza aspettare attacchi terroristici. Agendo in fretta e senza sbagli di persona, ha consentito che Hamas potesse tenersi in disparte. Adesso, con la vita, torna lo scontro politico: il primo di novembre ci saranno le elezioni, Netanyahu al momento è il favorito, ma il governo spera che aver dimostrato di saper combattere aumenti i suoi consensi. Yair Lapid, privo di esperienza militare ha saputo tenere in conto l'apparato militare, e tenere la guida. Bibi è sempre stato "mister sicurezza", un passato militare valoroso, un'estrema abilità nel gestire la difficile situazione di "isola nella Jungla" di Israele. Netanyahu ha sottolineato la solidarietà nazionale con un incontro amichevole con Lapid. Ma sotto, si percepisce il senso di una critica evidente alla gestione della guerra: questa puntata ha avuto un lieto fine, ma che succederà in futuro? Hamas sta allargando la sua forza anche sull'Autorità palestinese di Abu Mazen, rischia di mobilitare tutto il mondo palestinese in uno schieramento terrorista. In più, la Jihad Islamica è stata battuta, ma la strategia che l'ha guidata minuto per minuto è stata quella di Teheran: essa già dal 1981 nasce con Fathi Shikaki, e il capo ideologico Zyiad al Nakhalah ha fino a sabato segnalato la sua stretta collaborazione con il capo delle Guardie Rivoluzionarie a Teheran, Hossein Salami. La decisione iraniana è quella di infiltrarsi dentro Israele, di minacciarne la popolazione civile. Tutto il mondo lo sa, ma l'ONU o l'Unione Europea si occupano di invitare alla moderazione soltanto Israele. Gli ayatollah, come i palestinesi, non si criticano.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT