venerdi 30 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
19.07.2022 Medio Oriente: Biden non ha convinto
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 19 luglio 2022
Pagina: 12
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Il flop di Biden rafforza lo Zar (ed Ŕ un rischio)»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 19/07/2022, a pag. 12, con il titolo " Il flop di Biden rafforza lo Zar (ed Ŕ un rischio)" l'analisi di Fiamma Nirenstein.

A destra: Joe Biden, Antony Blinken

PM Netanyahu Appoints Fiamma Nirenstein as Ambassador to Italy | Prime  Minister's Office
Fiamma Nirenstein

Ci sono pochi dubbi che la visita di Putin a Teheran per incontrare il Primo Ministro Ebrahim Raisi e Tayyp Erdogan sia un modo di guardare minacciosamente negli occhi Joe Biden subito dopo ilá tour in Medio Oriente, a Gerusalemme e a Gedda. Gioco frontale, con l'intenzione di aprire un largo confronto geopolitico che si somma a quello fatale del faccia a faccia Russia-Occidente liberale. E' solo la seconda volta che Putin lascia i suoi confini dall'inizio della guerra. Da questo, si capisce che importanza dia al potere in Medio Oriente dopo l'isolamento e le sanzioni della guerra. Non ha futuro in Occidente, cerca spazio altrove, forza energia, territorio, controllo sul mondo islamico, apertura geografica verso il Sud globale. Grande strategia, nuova storia che gli americani cercano di fronteggiare in difesa: pu˛ portare a scontri immensi, ben oltre la capacitÓ politica e perfino l'immaginazione dei leader occidentali attuali. Lo si Ŕ visto adesso dalla maniera fragile e sostanzialmente inerte, nonostante lo sforzo, con cui Biden ha pilotato i suoi incontri a Gerusalemme e a Gedda. Ha detto: "Siamo in Medio Oriente e non abbiamo nessuna intenzione di andarcene". Ma non ha convinto.

I due scopi del viaggio erano il petrolio saudita, che Biden avrebbe voluto in maggiore misura data la crisi americana indotta dalla chiusura dei rubinetti russi; eá un'apertura strategica dell'Arabia Saudita, il maggiore Paese mediorientale, ampia, sancita chiaramente con un'adesione ai Patti di Abramo, e non sotto il tavolo. Ma l'Arabia Saudita, non si Ŕ sentita rassicurata nŔ liberata pubblicamente dal disprezzo di Biden per il principe Muhammed Bin Salman; non si Ŕ sentita dire, come del resto nemmeno Israele, che il nemico iraniano adesso deve temere un'alleanza d'acciaio, pronta ad agire con le armi iná pugno e non con chiacchiere diplomatiche, alla prospettiva ormai immediata dell'arma atomica degli ayatollah. Biden, un gentiluomo pieno di buona volontÓ e di affetto, ha fallito la regola fondamentale della cultura mediorientale: qui, chi si mostra debole non ottiene rispetto, nŔ obbedienza, nŔ alleanza. Putin di certo Ŕ meno gentile in queste ore coi suoi onorati interlocutori musulmani, uno sciita e l'altro della Fratellanza Musulmana: da tempo ha giÓ stabilito un rapporto di preminenza sulla Siria, seguitando a investire nella presenza militare nonostante le forze dislocate in Ucraina; conosce bene le regole del rapporto con l'Iran, con cui Ŕ stato in guerra cinque volte dal 1600, e con Erdogan, che gioca troppo astutamente con lui una partita fatale e pretende il ruolo di mediatore in Ucraina. Putin mostra al mondo oggi l'arma iraniana e turca pretendendo di riassettare la povera Siria fatta a pezzi, consente ad Erdogan di farsi grande col mercato del grano, non disdegna la vendita di armi, nega che l'Iran gli venda i droni cheá possono evitare che i suoi aviatori vengano colpiti nei cieli Ucraini. Si posiziona. Ieri il capo di Stato Maggiore israeliano Aviv Kohavi ha detto quello non Ŕ stato detto in pubblico: "L'esercito continua a prepararsi vigorosamente… Preparare l'opzione militare contro il programma nucleare iraniano Ŕ un'obbligo morale e una necessitÓ per la sicurezza nazionale". Un commento pronunciato subito dopo che l'Ayatollah Khamenei aveva detto a Al-Jazeera che la Repubblica Islamica Ŕ capace di produrre la bomba atomica, ma non ha ancora deciso di procedere. Ovvero, come ha precisato un alto ufficiale iraniano Kamal Kharrazi: "In pochi giorni saremo in grado di passare dall'uranio arricchito al 60 per cento giÓ raggiunto, al 90. Possiamo giÓ produrre la bomba, dobbiamo solo decidere". Si tratta di giorni? Di ore? Biden ha ripetuto che per lui l'opzione militare esiste in casi estremi, ma che punta alla diplomazia. Il fatto Ŕ che l'uranio arricchito al 90% non pu˛ servire a niente altro al mondo che per la bomba, e Kharrazi ha detto che aspetta solo il via. Biden sa che le condizioni poste dall'Iran, l'incancellabilitÓ dell'accordo, la cancellazione della guardia rivoluzionaria dalla lista terrorista e di tutte le sanzioni, sono condizioni impossibili. Un suicidio confermato dalla storia e dall'ideologia iraniana. Putin oggi a Teheran ha in mano un pistola carica. Israele, sola, resta il punto di riferimento pi¨ affidabile per i Paesi mediorientali che non sanno se gli USA saranno con loro nel momento cruciale.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT