lunedi` 03 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
13.07.2022 Biden in Medio Oriente e i droni dall'Iran per Putin
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 13 luglio 2022
Pagina: 12
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Putin in Iran per i droni e Mosca alza il tiro 'scontro atomico vicino'»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 13/07/2022, a pag.11, con il titolo "Putin in Iran per i droni e Mosca alza il tiro 'scontro atomico vicino'  " l'analisi di Fiamma Nirenstein.

A destra: dietro i terroristi di Hezbollah, l'Iran

PM Netanyahu Appoints Fiamma Nirenstein as Ambassador to Italy | Prime  Minister's Office
Fiamma Nirenstein

Se non è Guerra Fredda, ci somiglia. Putin va all'attacco in Medio Oriente e disegna alleanze alternative a quelle che gli Stati Uniti cercano di cementare in questi giorni. Mentre Israele chiude le strade centrali e blocca l'intera capitale per ricevere il presidente americano Biden, Putin impacchetta il suo potere per volare il 19 a Teheran. Pochi giorni perchè le telecamere si spostino da Gerusalemme e poi da Riyadh dove Biden farà tappa cercando di cementare un nuovo bastione mediorientale, e i giornalisti potranno fotografare nella capitale dell'Iran quello che Reagan avrebbe definito forse come il nuovo "asse del male"; Putin, Erdogan saranno ospiti di Ebrahim Raisi, un primo ministro che nel passato ha condannato a morte decine di migliaia di persone a nome del regime degli Ayatollah. L'occasione è un summit per la pacificazione degli 11 anni di conflitto della Siria, il cosiddetto "Astana peace process", ma difficile pensare che Putin vi avrebbe dedicato la sua seconda visita all'estero (dopo il Tagikistan in giugno) dall'inizio della guerra in Ucraina senza la rinnovata azione americana, con la prospettiva di un accordo sul petrolio del Golfo, il sostegno del rapporto fra Israele e i Paesi arabi di un Accordo di Abramo allargato, e anche di una "Nato" araba di cui anche Israele farebbe parte.

Will President Biden play an active role in Israel's election campaign?
Joe Biden - Yair Lapid

Oramai è tanto che se ne discute in segreto, gli arabi bene armati anche nei singoli Stati, insieme e in alleanza con Israele non avrebbero più da temere l'aggressività iraniana sempre più diffusa. Per questo Putin si muove: per cercare di spaventare lo schieramento dell'asse che minaccia la sua ambizione egemonica rispetto al mondo occidentale e orientale, specie con lo sviluppo ucraino. È per questo che ieri a fronte delle ottimiste anticipazioni di Biden sul suo viaggio, mentre il presidente comunicava il semplice messaggio: "Gli USA sono nel futuro del Medio Oriente, da cui ci aspettiamo aiuto energetico e strategico; non ce ne siamo andati " e anche "non siamo deboli, ma forti", Putin ha dato il via alla propaganda. Maria Zakharova portavoce del ministero degli esteri ha lanciato un attacco alla richiesta di Biden ai Paesi dell'OPEC di aumentare la produzione del petrolio definendola una violazione della promessa agli elettori americani di un mondo più pulito e decarbonizzato già nel 2035. La Zakharova ha unito subito alla critica una minaccia letale: Washington e i suoi alleati ci stanno portando diritti verso un conflitto nucleare, cerca di terrorizzare il mondo la Russia di Putin. Sulla Nato araba è intervenuto con minacce dirette, dall'Iran, il vicecapo delle Guardie Rivoluzionarie Yadollah Yavani minacciando una "risposta decisiva" contro le minacce americane e del regime sionista e dell'Arabia Saudita, in cui si spendono "trilioni di dollari","mentre la resistenza è sempre più forte". Nella marea di notizie tossiche di queste ore che precedono l'atterraggio di Biden, plana anche la notizia per cui l'Iran fornirà alla Russia centinaia di droni e addestrerà la forze russe a usarli. Per ora, sono soprattutto gli Hezbollah che li lanciano senza successo contro Israele. Adesso possiamo cominciare a immaginarne l'uso sull'Ucraina: sempre droni iraniani saranno. La Turchia che invece i suoi droni li fornisce all'Ucraina sarà al summit voluto da Putin; il ministro degli esteri iraniano Amir Abdollahian ha visitato recentemente la Turchia che ha condannato le sanzioni americane all'Iran. Sergei Lavrov, il ministro degli esteri russo, dopo l'incontro di Teheran di giugno con la sua controparte ha detto di essere dalla parte dell'Iran nel richiedere la rimozione completa di tutte le sanzioni e il ripristino dei patti del 2015. Un punto centrale per Teheran è la rimozione della Guardie Rivoluzionarie dalla lista delle organizzazioni terroriste, e Putin ha dichiarato di non volere accettare questo punto. I motivi di frizione si moltiplicano. Dietro le quinte, la Cina allarga la sua presenza sul Medio Oriente e l'Africa. La partita più che aperta, è una voragine: e non è pacifica.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT