venerdi 30 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
08.07.2022 Nella 'guerra all'Occidente' i primi nemici siamo noi
Fiamma Nirenstein recensisce Douglas Murray

Testata: Il Giornale
Data: 08 luglio 2022
Pagina: 24
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Nella 'guerra all'Occidente' i primi nemici siamo noi»
Riprendiamo dal GIORNALE di ieri, 07/07/2022, con il titolo "Nella 'guerra all'Occidente' i primi nemici siamo noi   " l'analisi di Fiamma Nirenstein.

A destra: Douglas Murray

Il libro non è ancora uscito in traduzione italiana.

PM Netanyahu Appoints Fiamma Nirenstein as Ambassador to Italy | Prime  Minister's Office
Fiamma Nirenstein

"The War on the West", la guerra contro l'Occidente, ha avuto una particolare ventura: il vasto, valoroso libro di Douglas Murray autore di "The madness of the crowd" (Ed. Broadside Books Harper and Collins) parla della guerra culturale in corso, del penoso attacco che la cultura occidentale subisce senza veramente disporre di un muro di difesa, mentre sparano i cannoni veri, quelli Russi, scuotendo alle fondamenta il nostro mondo. Quei colpi, pur nella confusione generale, risuonano ovunque, interrogando il mondo politico e culturale; Murray cerca con evidente furia, passione, senso di urgenza, appena smorzati da un ironico british accent che smorza il volume, di svegliare il mondo alla crisi isterica di senso di colpa da cui il nostro mondo messo a fondamentale pericolo di vita. La guerra al nostro mondo, Murray la esamina soprattutto dal centro dell'impero, gli USA, e dalla sua Inghilterra. La lente prescelta è quella dell' ossessione razziale, la cosiddetta "Critical Race Theory" (CRT) che si sviluppa con l'orrida uccisione di George Floyd da parte della polizia americana nel 2020 e quindi con Black Lives Matter. La CRT prende come una malattia mortale possesso della società occidentale creando ramificazioni profonde: la conseguenza infatti è una forma di senso di colpa ossessivo e definitivo, racconta punto per punto Murray.

The War on the West: How to Prevail in the Age of Unreason : Murray, Douglas:  Amazon.it: Libri

La nostra civiltà è stata ridotta dai testi che riempiono ormai le librerie, i programmi scolastici, determinano le cattedre delle maggiori università come Harvard, Stanford, Columbia, ispirano le urla di manifestazioni incongrue e devastanti: vedono la nostra civiltà come un polipo avviluppato sullo schiavismo e l'odio razziale, dalle fondamenta di Gerusalemme, la religione, e di Roma, l'ordine della legge. La cultura razziale, secondo la CRT nullifica tutta la strada verso le uguaglianze la fratellanza umana regolate dalle regole postcoloniali, dalla legge, dalla democrazia: "Il progresso nelle relazioni razziali è nella maggior parte un miraggio che oscura il fatto che i bianchi continuano consciamente e inconsciamente a fare tutto ciò che è in loro potere per assicurarsi il predominio e mantenere il controllo". Questo scrive, fra mille che Murray cita, uno degli autori più importanti che ha scritto il nuovo Talmud del nostro tempo, Derrick Bell. La lista è è lunga, ci troviamo da Michael Moore che fra l'altro scrive una ser die testi al titolo "Stupido uomo bianco", a Robin Di Angelo che sostiene che "bianchi buoni non ne esistono", e una pletora di altre bibbie del nuovo credo. E al seguito, tutti i giornalisti e i politici a caccia di consenso. Questo, nonostante la sofferta e ben concreta strada dell'eguaglianza sia ormai lunga due secoli, nonostante l'America abbia votato Obama per presidente nel 2009, e che il 66 per cento degli americani lo stesso anno pensi che i rapporti razziali sono"sostanzialmente buoni". Non importa: l'accademia e di conseguenza l'educazione, i media, la buona creanza sociale americana si è inventata, racconta minutamente Murray, un intero set di concetti e termini per cui il bianco, anche i bambini piccoli (Ibram X.Kendi, How to be an antiracist), sono "suprematisti bianchi". Ed è un peccato senza remissione che chiede la rifondazione completa del mondo in cui viviamo e di cui fino a ieri siamo andati fieri, chiede l'eliminazione morale di personaggi come Winston Churchill o George Washington per una parola sbagliata, una riga in un articolo o in un discorso, chiede la distruzione dei loro testi, dei loro monumenti e della loro memoria, per sempre: è dice Murray, una crocifissione senza resurrezione, un peccato per cui non può esistere perdono, perchè il perdono è appunto parte di quella religione (Gerusalemme!) che la nuova religione antirazzista cancella, sostituendovi quella delle tribù indiane, dei paesi colonizzati, delle antica civiltà sovrastate dall'Occidente nei secoli. Non importa se gli aztechi facevano sacrifici umani, i loro dei e le loro antiche preghiere sono comunque preferibili, nei nuovi programmi per esempio delle scuole californiane, alla tradizione dell'uomo bianco. Il concetto di criminalità della cultura bianca diventa, dice Murray, senso comune: se si chiede alla gente quanti neri disarmati sono stati uccisi dalla polizia (ormai vista come schierata alla difesa del mondo razzista e schiavista) il quaranta per cento risponde "fra mille e 10mila" mentre 9 è il numero esatto.

Questa, dice Murray, è ignoranza, consapevole pigrizia nell'informarsi: per esempio, l'idea che l'uccisione di Floyd fosse razzista, insiste Murray, non è affatto provata; nel 2016 un altra morte identica a quello in questione è per esempio quella di Tony Timpa, bianco, strangolato col ginocchio per ben 13 minuti, a Dallas nel 2016, e uno dei poliziotti era nero. Il doppio standard è una regola dell'attacco all'occidente: tutto quello che facciamo noi è male, i crimini della rivoluzione nera e il razzismo del resto del mondo sono assolti. In particolare Murray prende di mira quello persecutorio della Cina e di altri paesi asiatici come la Tailandia e il Giappone, dove il bianco è spesso visto, definito, trattato come un essere inferiore. La discriminazione dei media poi è evidente: sono state poco coperte le enormi devastazioni subite da città intere, come quelle di Portland o a Seattle durante le manifestazioni di Black Lives Matter del 2020. Douglas si è fatto un orrificato giro per istituzioni e affari chiusi, e ci associa anche nel suo raccapriccio culturale per le manifestazioni di odio antibianco e antioccidente, fatte proprie dal masochismo delle stesse istituzioni che si autosmantellano e che da educatrici diventano educande da punire. Vediamo con Murray buttare per terra i monumenti di Thomas Jefferson, di Abraham Lincoln, in Inghilterra vediamo Churchill detronizzato, mentre si chiede alla Regina di chiedere scusa per l'impero britannico; vediamo grandi business e istituzioni intimare ai dipendenti di ammettere di essere razzista pena il licenziamento, le scuole che cacciano chi si rifiuta di insegnare i nuovi programmi, i genitori terrorizzati. che si riuniscono in segreto chiedendosi invano che fare per i loro figli ignoranti e traumatizzati dal senso di colpa. Chi ha amici in America sa quanto lo stupore si accompagni al continuo senso di offesa e di perdita. Ma ai miei occhi soprattutto due sono le indicazioni del volume: la prima è sul pericolo della stupidità indotta dall'ignoranza; il secondo sulla costruzione intellettuale contemporanea su cui si basa il nostro pensiero, e che adesso lo conduce alla malattia mortale dell'autodistruzione. La presa del potere di un mondo illetterato e storicamente ignaro è sulla bocca di tutti: qui viene verificata e identificata come elemento destrutturante del nostro mondo stesso. Per esempio, le accuse all'Inghilterra di colonialismo spietato e razzista franano sul fatto che l'Inghilterra ha abolito la schiavitù 250 anni fa e, anzi, per bloccarne il traffico, ha usato la sua flotta per pattugliare i mari, con dispendio enorme di forze e di denaro.

La storia di Churchill, tacciato di razzismo cancella i suoi immensi, unici, meriti democratici. Filosofi come Kant e Hume vengono inchiodati su una frasetta o una nota marginale da autori e politici che ignorano, come Murray dimostra, il loro impegno etico che lavora per un'identità umana egualitaria e antirazzista. E fin qui, l'ignoranza e la stupidità: chi blatera di suprematismo poi, mentre esalta acriticamente civiltà dai costumi feroci e discriminatori facendone un giardino dell'Eden, sembra anche ignorare lo schiavismo arabo e quello contemporaneo che conta decine di milioni di povere creature. Infine: la lista dei pensatori Occidentali che hanno portato a questo stato di cose è pauroso e sconcertante, l'odio per noi stessi conta pilastri della nostra cultura assolti solo perchè portano acqua al mulino della distruzione dell'Occidente: fra questi Marx, Edward Said, Foucalt. Per ognuno Murray ha un'analisi spietata e diretta, il suo coraggio si spinge beffardamente fino osservare che Michel Foucalt, il teorico dell'influenza del potere sulla complessità della vita dell'individuo, l'autore della "Storia della sessualità" ancora oggi supercitato dai militanti anticapitalisti e anticoloniali era un pedofilo che quando abitava a Sidi Abu Said comprava per pochi soldi bambini di sette, otto anni e li portava per il suo uso nei cimiteri di Tunisi.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT