giovedi` 23 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Un piccolo ripasso di storia di Gaza con Naftali Bennett 22/05/2024

Un piccolo ripasso di storia di Gaza con Naftali Bennett
Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello

Ecco il video:
http://www.informazionecorretta.com/video/naftalibennet.mp4


Naftalì Bennett



Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
27.05.2022 La piaga armi e il dilemma della libertà
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 27 maggio 2022
Pagina: 1
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «La piaga armi e il dilemma della libertà»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 27/05/2022, a pag.1, l'analisi di Fiamma Nirenstein, dal titolo "La piaga armi e il dilemma della libertà"

fiamma nirenstein - Protagonisti - la Repubblica
Fiamma Nirenstein

Live: Updates on Uvalde, Texas school shooting victims, shooter

Il massacro di Uvalde è un coacervo di grandi questioni irrisolte che chiedono risposta immediata: non è sopportabile a una mente e a un cuore normale "la strage degli innocenti". È un eponimo di ciò che, anche secondo la Torah e secondo il Vangelo, è il segnale del picco dell'orrore sociale. La sua possibilità è immanente, ma è proprio superandola che si costruisce la civiltà. I bambini venivano sacrificati, per esempio e non solo, nelle società precolombiane, e ci pensiamo con un misto di interesse archeologico e di orrore. Forse un giorno quando racconteremo che in poche settimane le scuole di Buffalo e di Uvalde hanno sofferto un attacco letale multiplo a colpi di mitra da parte di giovani di diciotto anni, potremo dire anche come questo orribile fenomeno è stato battuto. Per ora, non si sa: si guarda anche al fatto che in Texas solo nel 2022 ci sono stati 21 attacchi armati come a un fenomeno inevitabile, confusi: si parla di lobby delle armi, di repubblicani e democratici, di giovani problematici... ma qui c'è molto di più. Che cosa dovrebbe fare l'America per battere questo disastroso stato di cose? Come ha scritto il direttore di JNS, Jonathan Cobin, non bastano ritocchi, si dovrebbe rivedere proprio il Secondo Emendamento della Costituzione che garantisce a ogni americano il possesso di armi. Finché questo diritto sarà garantito, criminali e menti disturbate le avranno.

Texas shooting: Police accused of delay in storming Uvalde school - BBC News

Certo, si potrebbe bloccare l'accesso a chi ha meno di 21 anni e a chi ha problemi di droga e di alcool (una ricerca dimostra che negli USA il 17 per cento di chi ha aggredito con armi non avrebbe potuto secondo questi criteri), ma per il resto, che ne sappiamo dei loro squilibri? Quanti, come l'assassino di Uvalde, passano gran parte del tempo a giocare con videogiochi orribili, carichi di influenza diabolica, che per altro vediamo sovente in mano di figli e nipoti (lui preferiva "Fortnite" e "Call of Duty") e che era stravolto perché la mamma se n'era andata da casa? Poverino, è molto disturbato, avrebbe detto uno psicologo e avrebbe anche notato come il ragazzo balbettava e non parlava: ma non era "poverino", era un potenziale serial killer che avrebbe dovuto essere scrutato nel suo atteggiamento asociale e minaccioso; e la polizia vedendo un giovane estraneo con un peso in mano, il mitra e i caricatori, che entrava nella scuola elementare, non avrebbe dovuto permettergli l'accesso; e poi, ai primi spari, avrebbe dovuto immediatamente cercare con un gesto furioso e temerario di fermarlo. Qui una serie di comportamenti disegna una cultura incurante e permissiva; certo, vediamo prima di tutto la massima libertà di fornirsi di armi di distruzione, e questo deve essere bloccato: in Israele l'accesso privato è limitatissimo e specifico, e anche se tutti hanno le armi dell'esercito con sé nei tre anni di fermo, non c'è mai stato un episodio del genere. Il terrorismo ha la stessa caratteristica di strage degli innocenti. Il suo mercato di armi è clandestino, ma si nutre della normalizzazione della violenza come luogo preferito della fantasia, della legittimazione sociale, dell'incitamento su internet, della famiglia assente o troppo pigra, dell'assenza di un comportamento preventivo che limiti la libertà di movimento. Così è la nostra società postmoderna, come quella precolombiana.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT