venerdi 20 maggio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I musulmani sono infelici nei paesi in cui vivono, in uno solo sono felici, quale? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
14.05.2022 Se la colpa di ogni crimine viene data sempre a Israele
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 14 maggio 2022
Pagina: 15
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Se la colpa di ogni crimine viene data sempre a Israele»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 14/05/2022, a pag.15  l'analisi di Fiamma Nirenstein.

fiamma nirenstein - Protagonisti - la Repubblica
Fiamma Nirenstein

Chi era Shireen Abu Akleh, la giornalista uccisa nello scontro a fuoco in  Cisgiordania
Shirin Abu Akleh

Il tragico momento di guerra fra arabi e israeliani ha causato un'altra morte nella battaglia di Jenin, la capitale del terrorismo: un membro dell'unità antiterrorismo israeliano di 43 anni, Noam Raz, infermiere coraggioso, padre di sei bambini, ha perso la vita in una pioggia di fuoco, uno scontro con vari terroristi che non hanno niente a che fare con la vicenda che domina le cronache in questi giorni. Anche Shirin Abu Akleh è stata uccisa a Jenin mentre le forze israeliane cercavano di fermare i terroristi che a decine vi si annidano, fra loro quelli che hanno compiuto gli ultimi attacchi con 19 civili morti. Shirin, sulla linea del fuoco, è stata colpita, e non si può affermare con certezza da chi. I palestinesi accusano Israele, e la loro versione, nonostante i comprovati spari indiscriminati in zona dei loro miliziani, viene accolta e ripetuta dai giornali, mentre Israele nega e chiede che si possa esaminare il proiettile in un'azione congiunta. Chi tuttavia si chiede perché i palestinesi rifiutino questa semplice richiesta per venire a capo della morte di Shirin Abu Akleh, la risposta è del tutto evidente: la dà il funerale di massa tenuto ieri a Gerusalemme e la risposta della stampa internazionale. Perché mai infatti andare a cercare risposte oggettive, quando quella soggettiva dell'entusiasmo della folla e l'adesione della stampa alla causa palestinese, la fede totale nell'accusa di perfidia e di omicidio nei confronti di Israele e dei suoi soldati è stata già accettata creando una situazione insopportabile e temibile per Israele, la sua gente, il suo governo, le sue forze dell'ordine? Mentre si approfondisce l'aggressività araba e internazionale contro Israele?

Ieri per onorare la giornalista di al-Jazeera che aveva fatto della lotta palestinese la sua battaglia di vita, hanno suonato tutte le campane della città (Abu Akleh era cristiana, nata a Betlemme), le strade della capitale di Israele si sono riempite di bandiere palestinesi (mentre sventolare una bandiera israeliana sarebbe stato certo letale), la folla in massa ha gridato slogan di distruzione di Israele e di morte agli ebrei. Ma il titolo più diffuso da ieri è quello per cui si biasima, dal New York Times al Guardian, il fatto che i poliziotti israeliani, anche loro investiti dalla rabbia della folla, hanno cercato di togliere la bandiera palestinese dalla bara della giornalista uccisa e di mantenere l'ordine allontanando gli attivisti più agitati. I poliziotti hanno voluto bloccare l'uso della bandiera palestinese come vessillo pubblico di lotta sul territorio israeliano e così facendo sono venuti a uno scontro che ha sconvolto il corteo e quasi rovesciato la bara. Uno spettacolo molto spiacevole e triste, la bara è oggetto sacro che deve restare a disposizione solo del dolore e non della politica e tantomeno della violenza. Ma è stata gigantesca l'utilizzazione della morte della giornalista come bandiera strategica di odio anti-israeliano da Gerusalemme a Jenin, mentre le autorità palestinesi rifiutano di condividere una ricerca effettiva. La richiesta viene fatta con umiltà fin troppo evidente da parte delle autorità israeliane. Ma, appunto, perché mai i palestinesi dovrebbero accettare, dato che la battaglia l'hanno già vinta sui media e sul territorio? Tutti i dati di fatto vengono rifiutati dal giornalismo che accetta la narrativa anti-israeliana, ignora quanti terroristi sono usciti da Jenin e la necessità di agire per garantire la sicurezza dei cittadini israeliani. La giornalista di al-Jazeera è caduta come molti altri purtroppo, sulla linea del fuoco, ed è terribile. Israele è il Paese che più di ogni altro vuole sapere la verità, dato che tutti comunque lo accusano, e anche eventualmente, se per caso fosse colpevole, userebbe, giusto o sbagliato che sia,, le sue leggi e i suoi severi tribunali, come ha sempre fatto, persino contro i suoi soldati. I palestinesi, certamente no. In ogni caso, la povera giornalista è stata uccisa, e quello che abbiamo visto ieri più che un funerale è stato l'inizio di una guerra di immagine e di forza.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT