lunedi` 03 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
30.03.2022 La strategia del dittatore Erdogan
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 30 marzo 2022
Pagina: 3
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «La partita di Erdogan, l'altro tiranno»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 30/03/2022, a pag. 3, l'analisi di Fiamma Nirenstein dal titolo "La partita di Erdogan, l'altro tiranno".

Mo, Nirenstein:
Fiamma Nirenstein

Chi è Erdogan, il Sultano di Ankara che ha invaso la Siria e guarda alla  Libia
Recep T. Erdogan

Prima di iniziare i colloqui di martedì, Erdogan ha organizzato la cerimonia in modo che le delegazioni russa e ucraina lo omaggiassero con sfarzo pubblico: l'ospite prescelto fra i tanti mediatori che si offrono per risolvere il conflitto russo-ucraino, già una vittoria in sé. Un omaggio all'uomo che vuole disegnarsi adesso come possibile mallevadore di pace, e che tuttavia, per il mondo è davvero difficile cessare di identificare come il novello Sultano di un Impero Ottomano rivisitato. Tuttavia Erdogan mette molto impegno sul tavolo della difficile trattativa, ed è solo l'ultima di una serie di mosse: il presidente turco tenta il tutto per tutto, adesso, per indossare una veste da agnello, per conquistare un profilo internazionale diverso da quello consueto. Le caratteristiche politiche che ne possano fare una figura capace di ospitare le delegazioni nemiche alla ricerca della quadra pacifista, sono un puzzle esoterico che lo rendono praticabile nonostante il suo ruggito si oda molto chiaramente sullo sfondo. La Turchia è una potenza della zona interessata, il Mar Nero, quindi ha le carte per parlare specie della questione umanitaria avendo gestito da anni la questione dei profughi siriani, su cui ha anche ricavato notevolissimi interessi. Vende i droni all'Ucraina (cosa di cui Putin ha protestato) e non fa passare le sue navi da guerra, e approfitta del fatto che Putin sulla questione siriana comunque non vuole scontrasi con lui, cointeressato a Assad. E d'altra parte però Erdogan può vantarsi di non aver accettato di sanzionare la Russia né chiuso i cieli con l'Europa e la Nato, eppure è un membro della Nato, e non solo, ma è anche l'unico ponte fra la Nato e il mondo musulmano. In tempi in cui la globalizzazione impone che l'Oriente e l'Occidente collaborino oltre i vecchi schemi, Erdogan gode di un lasciapassare speciale, preteso ponte col mondo islamico di cui è un leader, ma della Fratellanza Musulmana, e quindi inviso a molti. I russi non eccepiscono: una quantità di magnifici yacht di amici di Putin sono all'ancora a Budrun e in altri bei porti turchi e gli americani sembrano soddisfatti del ruolo turco, non hanno mai chiesto di unirsi alle sanzioni. Ma è ragionevole pensare che fra le enormi difficoltà che si frappongono al raggiungimento della pace, c' anche la personalità di Erdogan, comunque si muova. La sua figura internazionale è quella di un dittatore che impone di nuovo l'Islam al suo Paese in modo sempre più aggressivo e se ne fa colonna nel mondo. La sua esagerazione aggressiva verso l'Occidente, il ruolo giocato a carte scoperte nella pulizia etnica dei curdi e degli Yazidi,l'uso impari del "Sirian National Army", la sua foga contro gli Accordi di Abramo e alcuni Paesi sunniti, la presenza militare ormai diffusa, l'odio antisemita per Israele condito di accuse infamanti e di minacce mortali, il sostegno dichiarato a Hamas, ospitato a Istanbul, cono entrati negli anni in cocente contrasto con la sua ambizione a apparire come un statista a cavallo fra oriente e occidente, fra mondo musulmano e cristiano. Erdogan, mentre aumentava in modo esponenziale il numero di giornalisti e dissidenti imprigionati, ha subito un crescente logoramento personale e il declino di un'economia sofferente. Adesso, la chiave della mediazione del conflitto segue di pochi giorni alla scelta di invitare il presidente di Israele Itzhak Herzog per una spettacolare riconciliazione, gestita con affettato gelo da parte turca. Ma Erdogan ci prova, c'è stato il viaggio negli Emirati, riapre all'Egitto.. e sotto tutto questo, la benedizione degli Stati Uniti: la chiave della strategia turca. Ma la trattativa di questi giorni non gode di una facilitazione morale da parte della personalità del mallevadore: la passione per la libertà liberaldemocratica che Zelensky rappresenta e lontanissima dal suo universo; il suo rapporto con Putin deve tenersi lontano dal misurarsi sulla storia del Russia e della Turchia, 13 guerre l'una contro contro l'altra armate.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT