lunedi` 03 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
06.03.2022 Solita piazza 'pacifista': un buffetto a Putin e insulti a Usa e Nato
Cronaca di Laura Cesaretti

Testata: Il Giornale
Data: 06 marzo 2022
Pagina: 13
Autore: Laura Cesaretti
Titolo: «Solita piazza pacifista: un buffetto a Putin e insulti a Usa e Nato»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 06/03/2022, a pag. 13, con il titolo 'Solita piazza pacifista: un buffetto a Putin e insulti a Usa e Nato' la cronaca di Laura Cesaretti.

Sedi sindacato CGIL a Cesena

La manifestazione «per la pace» si chiude, le truppe Cgil e satelliti sfollano da piazza San Giovanni, e dagli altoparlanti parte una canzone dei Nomadi. Le parole dicono: «Contro le inique sanzioni, contro le crociate americane». Basta questa scelta musicale (che sarebbe ridicola se non fosse profondamente infelice, visto il momento) per inquadrare lo spirito della manifestazione, voluta dal sindacato di Landini - con la Cisl che si è clamorosamente sfilata - e da svariate associazioni pacifiste e della sinistra estrema, inclusa l'Anpi. Il succo della manifestazione è: né con Putin, né con le democrazie occidentali. La guerra è brutta, la pace è bella e gli ucraini si devono arrangiare. Quanto a Europa, Nato e governo italiano hanno - ovviamente - sbagliato tutto, l'invasione di Putin è colpa loro e mandare le armi ai partigiani ucraini che cercano di resistere all'invasore è un peccato mortale contro «la pace» e «il dialogo». Quale e con chi, non è dato sapere, e certo non ne hanno idea i rappresentanti delle diverse sigle promotrici che sfilano sul palco, dando vita ad un happening che spesso raggiunge livelli (involontariamente) comici da Alto Gradimento. «L'obiettivo deve essere quello di abrogare la guerra», annuncia Landini alla piazza. Vaste programme, avrebbe detto il generale De Gaulle, ma Landini non teme certo le sfide difficili: non a caso è stato fiancheggiatore del governo che ha annunciato di aver «abolito la povertà». E infatti il prode condottiero di una Cgil sempre più ripiegata sulle bandiere rosse del passato non si fa sfuggire l'occasione: «Essere contro la guerra, per il sindacato, vuol dire anche essere per un nuovo modello di sviluppo che metta al centro la qualità del lavoro e che superi la precarietà». Attacca Draghi e il Pd, colpevoli di avere (con la Ue) deciso l'invio di armi alla resistenza ucraina perché «le armi non portano la pace» (Putin invece sì, si immagina). Poi invoca l'intervento dell'Onu che va «inviato in Ucraina». Dimostrando di non sapere neppure che la Russia (e la Cina) hanno diritto di veto nel Consiglio di sicurezza Onu. Dopo l'intervento del capo Cgil inizia la sfilata surreale degli oratori. La rappresentante di Libera (alias Don Ciotti) invita a «costruire ponti dove danzi la pace, perché i bambini che abbassano lo sguardo non vedano armi ma solo matite colorate e aquiloni». Maura Cossutta annuncia che «tra uccidere e morire c'è una terza via: vivere» e spiega che «non serve la guerra, violenza del patriarcato, ma una rivoluzione della cura che ribalti il paradigma del profitto». In un crescendo rossiniano, salgono al podio due studenti del «movimento La Lupa».

Gianfranco Pagliarulo, Autore a Patria Indipendente
Gianfranco Pagliarulo

Quella di Putin, annunciano, è «la diretta reazione alla campagna di aggressiva espansione della Nato». Gridano che i giovani in Italia sono «oppressi, sfruttati, violentati per strada», altro che ucraini. Poi proclamano lo «sciopero transfemminista contro la guerra». Sale al microfono l'oratrice di «Un Ponte per»: «I conflitti vanno curati - esorta - e questa guerra è figlia della ricerca di supremazia della Nato che non ha voluto riconoscere le sorelle russe». Se sia un riferimento alle «Tre sorelle» di Checov non è chiaro. A Mosca, a Mosca! Il successivo oratore lancia un grido di sfida: «Ma davvero il governo non capisce che l'alternativa alla guerra è la pace?». Poi ne arriva uno che sventola un fazzoletto bianco: «Lo ho portato per segnalare da che parte voglio stare. Portatelo anche voi», dice, con sprezzo del ridicolo. Chiude Pagliarulo dell'Anpi che se la prende con la Ue che «finanzia le armi invece di mediare», suggerisce agli ucraini di «provare la pace che è meglio della guerra», difende la Russia che «non si è mai allargata, mentre la Nato sì» e - mentre i partigiani si rigirano nella tomba - lancia il suo appello: «Deponiamo le armi, apriamo una grande discussione nel paese, pensiamo positivo». E bella ciao, ciao, ciao.

Per inviare al Giornale la propia opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT