martedi` 17 maggio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I musulmani sono infelici nei paesi in cui vivono, in uno solo sono felici, quale? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
31.12.2021 Gli Stati Uniti di Biden: ecco gli sconfitti del 2021
Commento di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 31 dicembre 2021
Pagina: 3
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «In Afghanistan la vergogna di un'America che si ritira dalla Storia»
Riprendiamo dal GIORNALE - Speciale 2021 di oggi, 31/12/2021, a pag. 3, l'analisi di Fiamma Nirenstein dal titolo "In Afghanistan la vergogna di un'America che si ritira dalla Storia".

A destra: Joe Biden

Mo, Nirenstein:

Fiamma Nirenstein

Dopo sette decadi di «grand strategy» e leadership democratica mondiale, il 2021 ha visto crollare la rassicurazione che ci davano gli Usa di essere la nostra salvaguardia dalla prepotenza e dal terrorismo. Perché certo l'imperialismo è stato vituperato da molti, ma Bob Dylan e Clint Eastwood hanno protetto i giovani di tutto l'Occidente. Ed ecco il 2021: la brutalità della disperazione inflitta alla popolazione afghana col ritiro subitaneo e incurante di agosto segna una svolta storica. Le persone che si appendono al carrello degli aerei per poi caderne e morire, e i bambini gettati oltre l'orrore terrorista verso il niente, mentre Biden va a casa, indicano che gli Usa si ritirano dalla storia. Il Medioriente resta preda degli appetiti turchi, della ferocia di Assad in Siria, delle mire iraniane in Irak, Libano, Yemen. Il terrorismo si ringalluzzisce e prepara nuovi piani, Israele l'unico bastione per l'Occidente, resta solo. Cuba, Venezuela, Cile sono sentine di antiamericanismo. Biden individua la Cina come il suo maggior rivale, e tuttavia essa diventa sempre più forte. Anche l'incubo nordcoreano persiste intatto. L'Iran si rafforza e umilia gli Usa, neanche ammessi ai colloqui. La Russia ammassa 175mila soldati sul confine ucraino. Ma è chiaro un fatto: l'America non combatterà. Non c'è causa giusta per cui Biden userà le armi. L'Europa assiste attonita.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT