giovedi` 02 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il popolo palestinese non esiste (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
14.11.2021 Turisti israeliani arrestati a Istanbul
L'accusa: 'Sono spie'

Testata: Il Giornale
Data: 14 novembre 2021
Pagina: 12
Autore: la redazione del Giornale
Titolo: «Selfie al palazzo di Erdogan, arrestata coppia di israeliani: 'Non sono turisti ma spie'»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 14/11/2021, a pag. 12, la breve "Selfie al palazzo di Erdogan, arrestata coppia di israeliani: 'Non sono turisti ma spie' ".

Erdogan è un leader autoritario, non un dittatore | L'HuffPost
Recep Tayyip Erdogan

Altro che turisti, sono spie. Con questa motivazione una coppia israeliana sposata, entrambi autisti di bus per lavoro, è stata arrestata venerdì con l'accusa di «spionaggio politico e militare» dopo avere scattato foto della residenza del presidente turco Recep Tayyip Erdogan a Istanbul. Un caso che rischia di incrinare ulteriormente le relazioni tra i due Paesi. È l'agenzia di stampa ufficiale turca, Anadolu, a riportare la notizia aggiungendo che insieme a marito e moglie è stato arrestato anche un cittadino turco. L'arresto da parte della polizia è avvenuto a seguito di una soffiata da parte di un impiegato che lavora nella torre radio televisiva Camlica nel lato asiatico di Istanbul. L'impiegato sostiene che la coppia abbia scattato foto della vicina residenza di Erdogan dal ristorante della torre questa settimana, anche se il palazzo non è più da tempo la residenza ufficiale del presidente ma un museo. Un museo che non si può fotografare, però. Il giudice non li ha lasciati andare ed ha prolungato la custodia per altri venti giorni perché i due avrebbero documentato anche i posti di blocco intorno al palazzo. Informazioni che, si sospetta, avrebbero girato a terzi. Il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid ha negato che la coppia lavori per una «agenzia israeliana». Il suo dipartimento è in regolare contatto con i due e sta provando a organizzare il loro rilascio. Il quotidiano israeliano Haaretz identifica la coppia come Natalie e Mordi Oknin. Citando i loro avvocati, scrive che hanno scattato foto del palazzo Dolmabahce di era ottomana mentre erano su un traghetto. Alcune parti dell'edificio, che si trova sul lato europeo della città, vengono usate come ufficio di lavoro del presidente.

Per inviare al Giornale la propia opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT