giovedi` 02 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il popolo palestinese non esiste (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
04.11.2021 Usa: Biden sempre più giù, con il Midterm rischio paralisi
Commento di Gian Micalessin

Testata: Il Giornale
Data: 04 novembre 2021
Pagina: 15
Autore: Gian Micalessin
Titolo: «Rischio di paralisi con il Mid term»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 04/11/2021, a pag.15, con il titolo 'Rischio di paralisi con il Mid term' il commento di Gian Micalessin.

Immagine correlata
Gian Micalessin

Cop26: accordo a Glasgow, stop alla deforestazione entro il 2030. Biden:  'Abbiamo fatto molto ma molto ancora da fare' - COP26 - ANSA.it
Joe Biden

La sveglia dopo i dolci pisolini di Glasgow è brutale. La sconfitta del governatore democratico Terry McAuliffe e la vittoria del repubblicano Glenn Youngkin in una Virginia dove, un anno fa, Donald Trump perse con dieci punti di scarto rappresentano una spada di Damocle sospesa sulla testa di Joe Biden. Una spada pronta a precipitare dopo il voto di «mid term» del novembre 2022 paralizzando una presidenza già compromessa dagli insuccessi dei primi nove mesi. Insuccessi evidenziati da un indice di gradimento al 42 per cento, uno dei livelli più bassi degli ultimi 75 anni, secondo solo al 36 per cento registrato, nell'analogo periodo, da Trump. Glenn Youngkin, insomma, è stato sicuramente bravo a riconquistare il voto dei cosiddetti elettori «indipendenti», non legati ideologicamente a uno dei due schieramenti, ma colmare i dieci punti di scarto subiti - solo un anno fa - da Trump sarebbe stato impossibile senza i fallimenti inanellati dal presidente. In tutto ciò il devastante dietrofront afghano è solo la punta dell'iceberg. La fallimentare cancellazione delle politiche migratorie di Trump con pressioni senza precedenti al confine con il Messico, il ritorno della pandemia dopo i successi vaccinali dei primi cento giorni e l'incapacità di riunificare un paese lacerato dallo scontro ideologico fanno il paio con l'inettitudine esibita nel guidare un fronte democratico bloccato da faide e lotte intestine. Proprio i veti incrociati di un partito dove Biden non controlla le ali radicali bloccano la manovra da 1750 miliardi destinata a sanare le ineguaglianze sociali, avviare la transizione energetica e diventare il simbolo del quadriennio Biden. Dunque il ribaltone è già alle porte. Il voto di «mid term» potrebbe restituire ai repubblicani il controllo di Camera e Senato e paralizzare definitivamente l'Amministrazione democratica. Anche perchè nell'illusione di riunificare un'America lacerata Biden ha tentato di concordare le sue riforme con l'opposizione repubblicana. Ma ora la resurrezione della Virginia, seguita dal testa a testa del candidato repubblicano Jack Ciattarelli negli scrutini del New Jersey, potrebbero spingere il Gop ad evitare ogni compromesso con la Casa Bianca. In questa situazione anche un diktat presidenziale capace di cancellare le divisioni democratiche e garantire l'immediata approvazione delle riforme rischia di rivelarsi insufficiente. I dodici mesi da qui al «mid-term» sono un tempo troppo breve per vedere gli effetti delle riforme sociali e ambientali garantite dall'investimento di 1750 miliardi. Mentre resta evidente agli occhi di tanti americani l'ideologizzazione di un dibattito politico che sfrutta l'immagine di Trump per demonizzare ogni proposta repubblicana. Un'ideologizzazione, simile allo sbandierato antifascismo del Pd italiano, che ha allontanato l'elettorato dalle prediche del governatore democratico della Virginia favorendo la concretezza politica di Youngkin.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT