domenica 17 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Io sono Israele (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
10.10.2021 Milano: Maryan Ismail, prima imam donna
Commento di Alberto Giannoni

Testata: Il Giornale
Data: 10 ottobre 2021
Pagina: 1
Autore: Alberto Giannoni
Titolo: «Vuole essere 'innovativo'? Sindaco chiami l'imam donna»
Riprendiamo dal GIORNALE - Milano di oggi, 10/10/2021, a pag. 1, con il titolo "Vuole essere 'innovativo'? Sindaco chiami l'imam donna", il commento di Alberto Giannoni.

Immagine correlata
Alberto Giannoni

Maryan Ismail lascia il Pd:
Maryan Ismail

Milano «innovativa e inclusiva». Chi amministra questa città, da anni si riempie la bocca con formule di questo genere. Dopo le ultime elezioni comunali poi, si è conquistato il diritto di continuare a farlo per un lustro, vedremo con quale costrutto. Ma adesso, su un tema preciso, c'è la possibilità di riempire di significato questi slogan. Il sindaco di Milano, ora, ha una chance concreta per innovare davvero, su un fronte cruciale per definire l'identità della città: la convivenza, la tolleranza, la lotta contro l'odio politico e religioso. Su questo, oggi, Beppe Sala ha la possibilità di dare un segnale in grado di collocare finalmente la sua Milano al posto che le spetta in Europa: all'avanguardia. Può farlo con un gesto semplice e rivoluzionario, destinato ad andare oltre la cronaca: il sindaco può scegliere una imam donna per sbrogliare la matassa dei luoghi di culto. Può affidare il tema moschee a una donna, alla prima vera imam donna d'Italia. Maryan Ismail è una donna libera e predica - spesso nel deserto - per un islam libero dall'oppressione di retaggi arcaici e integralisti. È una socialista-liberale, è italo-somala ed è la sorella di un diplomatico ucciso da una banda qaedista a Mogadiscio. Ismail viene da sinistra ma è stata costretta a uscirne quando il Pd milanese, prendendo un abbaglio, ha scelto altri interlocutori e altri profili. Ora, all'università di Padova, Ismail è appena diventata guida spirituale e «imama». Non è lei che chiede qualcosa al sindaco, lo facciamo noi: Sala la chiami, si confronti con lei, le si affidi nell'impresa che gli si para davanti. E provi così a ricucire quella ferita. In campagna elettorale se ne è parlato poco, ma questa amministrazione potrebbe dare alla città la prima, vera, grande, ufficiale moschea della sua storia. Nessuno nega ai musulmani milanesi il diritto di avere un luogo dignitoso in cui pregare, ma molti - avvedutamente - mettono in guardia sugli interlocutori prescelti per questa operazione. Ora Palazzo Marino ha due possibilità: la prima è perseverare nell'errore, scegliere l'islam egemone, accreditare i soliti interlocutori poco credibili, con relazioni e affiliazioni ideologiche ambigue e imbarazzanti, a partire dal nazionalismo islamista turco. Altra possibilità sarebbe aprire porte e finestre, svoltare, compiere un gesto che riconosca la pluralità anche etnica del mondo islamico, i sufi, l'islam africano, gli arabi che stanno costruendo la pace con Israele. Questa, sindaco, è la via dell'innovazione. Sarebbe fra i gesti più importanti del suo mandato. E passa anche da un incontro con Maryan Ismail.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT