lunedi` 27 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
29.09.2021 Milano: Maryan Ismail, prima imam donna
Commento di Alberto Giannoni

Testata: Il Giornale
Data: 29 settembre 2021
Pagina: 7
Autore: Alberto Giannoni
Titolo: «Ecco la prima imam donna (liberale)»
Riprendiamo dal GIORNALE - Milano di oggi, 29/09/2021, a pag. 7, con il titolo 'Ecco la prima imam donna (liberale)', il commento di Alberto Giannoni.

Immagine correlata
Alberto Giannoni

Maryan Ismail lascia il Pd:
Maryan Ismail

La prima donna imam africana e liberale. Maryan Ismail fa un altro passo avanti. Orgogliosamente musulmana e tenacemente ostile agli integralisti, sorella di un diplomatico ucciso dalle forze locali qaediste, dopo annidi impegno civile questa coraggiosa italo-somala milanese ora ha in mano il «diploma» di «imama» rilasciato dall'Università di Padova. Molto più di un attestato formale. Pochi giorni fa, Maryan Ismail ha superato a pieni voti - con lode - l'esame finale del «corso per imam e ministri di culto musulmani», riconosciuto dal ministero dell'Interno nell'ambito della tanto invocata preparazione dei ministri del culto italiani, per evitare gli «imam fai da te», più facilmente veicolo di discorsi d'odio e radicalizzazione. «L'ho fatto - spiega al Giornale - perché, come previsto dal patto col Viminale, è necessario uscire dalla improvvisazione di questi personaggi che non si capisce bene da dove arrivino e come». Maryan non è la prima «imama» in assoluto, ma è la prima che in Italia ambisce a guidare la preghiera. «Il divieto della preghiera non è contemplato - spiega - ma le donne sono state via via escluse. Eppure oggi abbiamo esempi di donne imam in America e in Germania. L'Italia è un laboratorio interessante, possiamo costruire qualcosa di importante e iniziare a cambiare, ed è essenziale che ci sia una partecipazione delle donne. Le donne vanno già in moschea, ma oggi sono invisibili. Una moschea co-gestita potrebbe anche essere più rispettosa di tutti. Radicalizzazione e jihadismo sono anche l'effetto perverso della separazione, del purismo, delle suggestioni sull'uomo forte musulmano».

Quella di Maryan Ismail è una figura importante. Cinque anni fa ha lasciato il Pd, accusandolo di aver scelto un islam «oscurantista». «La gestione dei rapporti con l'islam a Milano - riflette ancora - negli ultimi anni è stata fallimentare. L'approccio è stato divisivo: è improponibile un dialogo solo con una parte, occorre aprirsi, mettere al centro le donne, le minoranze, la laicità dello Stato». Quella di Maryan è una battaglia senza strappi con la fede, anzi è ostinatamente orientata a tessere la possibilità di un islam rispettoso dello stato di diritto e della Costituzione. Un'imam donna incarna la speranza di questo cambiamento. «Sul tavolo - dice oggi - ci sono ancora questi temi e le linee guida per la formazione di un islam europeo sono uno strumento per risolvere i problemi che conosciamo: la poligamia, una lettura contraria ai diritti delle donne, compreso il fatto che possano esser picchiate - perché la tradizione di una lettura distorta questo insegna - e poi i matrimoni combinati e forzati, la negazione del diritto all'istruzione e altro ancora». «C'è il mio impegno perché si cambi - conclude - da qualche parte bisogna pur iniziare. Non basta dire che l'islam è una religione di pace rimuovendo i problemi, tiriamo fuori questa pace, accettiamo la realtà e dialoghiamo con la realtà cercando la via giusta nella pratica».

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT