lunedi` 18 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Io sono Israele (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
21.09.2021 Russia: Putin controlla il Paese (e le elezioni)
Commento di Roberto Fabbri

Testata: Il Giornale
Data: 21 settembre 2021
Pagina: 16
Autore: Roberto Fabbri
Titolo: «Il risultato del voto? Quello gradito al Cremlino»

Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 21/09/2021, a pag.16, con il titolo "Il risultato del voto? Quello gradito al Cremlino", l'analisi di Roberto Fabbri.

Immagine correlata
Roberto Fabbri

Putin thanks Russians for their 'trust' after United Russia election win |  Reuters
Vladimir Putin

 Mai come questa volta, in una Russia inquieta per la stagnazione economica e stanca del suo ventennio al potere che minaccia di durare altri 15 anni, Vladimir Putin ha fatto ricorso a un intero arsenale di pressioni e brogli per garantirsi una larga vittoria elettorale. Le consultazioni per il rinnovo della Duma (il Parlamento di Mosca) non sono state eque né prima né dopo le operazioni di voto. Perché prima è stata fatta piazza pressoché pulita dei candidati della vera opposizione, con in testa Aleksei Navalny che è in carcere dallo scorso gennaio, lasciando spazio (salvo rarissime eccezioni) solo a un'opposizione addomesticata a colpi di privilegi ai deputati di partiti veri o posticci in cambio dell'impegno a limitarsi a chiacchiere di facciata; mentre durante e dopo si è assistito a pressioni senza precedenti nei confronti degli osservatori del voto e perfino di Google e Apple, che hanno scandalosamente ceduto alla pretesa di togliere dalla circolazione alcune app sgradite, oltre a brogli talmente sfacciati da spingere il partito comunista (che di quella opposizione tollerata di fatto fa parte da vent'anni) a rifiutarsi di accettare il verdetto ufficiale, insieme a note figure dell'opposizione democratica come l'ex sindaco di Ekaterinburg Evgeny Roizman. I risultati, immancabilmente, sono stati quelli desiderati dal Cremlino: oltre due terzi dei seggi al partito putiniano Russia Unita, che potrà così continuare a spadroneggiare modificando a piacimento la Costituzione. Ma non tutto si è svolto in modo ottimale per Putin. Perché perfino dalla prigione in cui è rinchiuso, Navalny è riuscito a farsi ascoltare da una parte di quel 40% dell'elettorato russo che ha dichiarato in uno dei sempre più rari sondaggi indipendenti di non trovare sulla scheda un partito che lo rappresenti. La sua campagna per il «voto utile», lanciata dopo che le liste navalniane erano state bocciate per «estremismo», suggeriva di scegliere circoscrizione per circoscrizione il candidato d'opposizione con le migliori chance di successo, a qualsiasi partito appartenesse. Di fatto, questo ha favorito soprattutto i comunisti, che non pochi hanno scelto come male minore - e che paradossalmente odiano il filoccidentale Navalny almeno quanto Putin. Nel pomeriggio di ieri, le schede conteggiate attribuivano a Russia Unita qualche decina di seggi in meno - finiti all'opposizione - rispetto al 2016. Poi sono arrivati i voti espressi online, modalità che le autorità avevano caldeggiato per mesi, e uno dopo l'altro i candidati sostenuti dal «voto utile» sono risultati sconfitti. Perfino a Mosca, dove l'opposizione è fortissima, Russia Unita è stata proclamata vincitrice in tutti i 15 distretti elettorali: secondo i dati ufficiali, nella capitale avrebbe votato addirittura il 90% degli aventi diritto, il doppio che nel resto del Paese dove votare online non è possibile. Il partito comunista (che peraltro quando comandava ai tempi dell'Urss non tollerava la minima opposizione e spediva i dissidenti in Siberia o negli ospedali psichiatrici) ha gridato allo scandalo, respingendo la validità del voto online e annunciando proteste di piazza per la sera stessa. Immediatamente l'ufficio del sindaco moscovita le ha vietate, giustificandosi con le restrizioni per il Covid. Difficile che agli eventuali contestatori dei risultati di ieri vada a finire diversamente da quelli che nei mesi scorsi erano scesi in strada a sostegno di Navalny finendo arrestati a migliaia: la polizia antisommossa è pronta a occuparsi anche di loro, naturalmente per «far rispettare la legge».

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT