mercoledi` 19 gennaio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La guerra dei sei giorni: Israele si difende e vince (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
02.09.2021 Afghanistan: chi è Hibatullah Akhundzada, 'successore di Bin Laden'
Commento di Gian Micalessin

Testata: Il Giornale
Data: 02 settembre 2021
Pagina: 12
Autore: Gian Micalessin
Titolo: «Al Qaeda chiama alle armi il jihadismo globale. E incorona il capo talebano nuovo Bin Laden»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 02/09/2021, a pag.12 con il titolo "Al Qaeda chiama alle armi il jihadismo globale. E incorona il capo talebano nuovo Bin Laden" l'analisi di Gian Micalessin.

Immagine correlata
Gian Micalessin

Afghanistan: il Covid19 colpisce i vertici dei Talebani

Il governo inclusivo tanto atteso da chi crede alle promesse dei «tale- buoni» sembra lontano dal veder la luce. Intanto, però, arriva la benedizione di Al Qaida che saluta la vittoria dei combattenti talebani, irride alla sconfitta di America ed Europa e riconosce a Hibatullah Akhundzada, invisibile ed enigmatico leader supremo del movimento, la qualifica di Emiro dei Credenti. Tre passaggi sufficienti a far capire che i legami tra gli eredi del Mullah Omar e il gruppo terrorista sono ancora ben saldi. Il comunicato, in inglese e arabo diffuso lunedì da Al Sahab, il dipartimento media di Al Qaida, saluta la vittoria «scritta da Allah Onnipotente grazie alla paziente comunità della jihad afghana che ha sconfitto gli imperi invasori». Il senso è chiaro. La vittoria afghana deve servire da esempio per tutti i combattenti della jihad chiamati ad «espellere gli infedeli dalle terre dei musulmani». Al Qaida promette, infatti, che Allah non mancherà di appoggiare la lotta dei palestinesi «per affrancarsi dei sionisti», del Maghreb islamico «per mettere fine all'occupazione francese» e quelle di Siria, Yemen, Somalia e Kashmir. «Il fango afghano - scrive il comunicato - ha sepolto l'arroganza di americani ed europei e l'ingordigia di quanti pensano di poter invadere le nazioni musulmane». Il messaggio punta a far capire che la guerra è solo agli inizi e il successo dei talebani servirà da sprone alle guerre condotte dagli altri gruppi jihadisti.

Leader talebano:
Hibatullah Akhundzada

La parte da cui emerge con chiarezza il legame simbiotico tra terroristi e talebani è quella in cui Al Qaida ringrazia Hibatullah Akhundzada, il leader talebano rimasto fin qui nell'ombra. «Ci congratuliamo - scrive il comunicato - con la guida dell'Emirato Islamico affidata all'Emiro dei Fedeli Hibatullah Akhundzada che ha sconfitto gli imperi invasori espellendoli dalla terra dei musulmani». L'utilizzo del titolo di Amir ul-Muminun, Emiro di tutti i fedeli, è altamente simbolico perchè riconosce ad Akhundzada il ruolo di «guida spirituale» non solo sui militanti talebani, ma anche su quelli di Al Qaida e gruppi collegati. Ricalcando il giuramento di fedeltà rivolto ad Akhundzada quando venne nominato leader supremo e riconoscendogli lo stesso titolo di «Emiro dei Fedeli» che fu del Mullah Omar Al Qaida sembra ammettere un ruolo di subalternità nei confronti dei talebani. Per questo molti si interrogano sulla loro effettiva disponibilità a non permetterne la presenza in Afghanistan. Una disponibilità già smentita dal ritorno nel paese natale di Amin Ul Haq. Storico collaboratore di Bin Laden e responsabile della sua scorta quando il capo di Al Qaida abbandonò il rifugio di Tora Bora Amin Ul Haq era in libertà dal 2011 quando venne scarcerato dalle autorità di Islamabad e, nei giorni scorsi, ha attraversato il confine afghano seguito da un folto gruppo di collaboratori. Del resto gli accordi di Doha, firmati da americani e talebani, non sembrano richiedere l'espulsione del movimento terrorista dai confini afghani. Nell'accordo Al Qaida viene menzionata solo due volte e - a dar retta al testo - l'unico effettivo impegno assunto dai talebani sembra quello di «non permettere» a qualsiasi gruppo «inclusa Al Qaida di usare il suolo dell'Afghanistan per minacciare la sicurezza degli Stati Uniti e dei loro alleati». Insomma i terroristi possono tranquillamente risiedere e pascolare in Afghanistan. L'importante è che non facciano nulla per colpire gli Usa e gli alleati. Ma chi lo verificherà e lo garantirà non è chiaro.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT