mercoledi` 19 gennaio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La guerra dei sei giorni: Israele si difende e vince (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
02.09.2021 Afghanistan: tutti gli errori dell'Occidente
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 02 settembre 2021
Pagina: 13
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «L' atlantismo da recuperare nel disordine post ritiro»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 02/09/2021, a pag. 13, l'analisi di Fiamma Nirenstein dal titolo "L' atlantismo da recuperare nel disordine post ritiro".

A destra: Joe Biden

Immagine correlata

Fiamma Nirenstein

La ritirata vergognosa da Kabul, non Ŕ l'America. ╔ una mossa mal concepita, noncurante, anche crudele, dell'amministrazione Biden. Ogni parola sprezzante o ironica nei confronti della storia, della natura, del significato stesso del gigante di lÓ dall'Oceano si chiama antiamericanismo. Per noi europei Ŕ una malattia cronica e ricorrente, una febbre autolesionista di cui soffriamo seriamente, che mette in sottordine le essenziali caratteristiche degli Stati Uniti e di quanto esse ci siano state e ci siano preziose, il loro indubitabile peso nel mondo che vogliamo difendere; Alexis de Tocqueville, che aveva previsto che l'America e la Russia avrebbero dominato il mondo, spieg˛ che la prima l'avrebbe fatto con la bandiera della libertÓ, e la seconda con quella della repressione. Esatto. Il disprezzo o l'odio per gli USA criminalizzano il sistema liberaldemocratico in genere (in senso europeo, di destra e di sinistra) in nome di confuse istanze internazionali e sociali. Purtroppo spesso lo si fa in nome dell'Europa, della nostra cultura che immaginiamo elegante e raffinata quanto la loro superficiale e brutale, anzi, un po’ stupida! Della nostra politica umanitaria e pacifista quanto la loro Ŕ imperialista e muscolare. Si tratta di un contrasto antico, che indossa panni sempre nuovi, e che molto spesso si Ŕ associato, nella storia, all'antisemitismo. Gli USA sono stati sempre l'antagonista culturale dell'Europa, il contendente morale e spirituale supremo. E quando si autobiasimano all'impazzata, come al tempo della guerra del Vietnam, o adesso coi movimenti wap nelle strade a dire che tutti sono razzisti e a buttare gi¨ il movimento di George Washington, noi ci inzuppiamo il pane. Nel dolore, nella preoccupazione per gli afghani in massa vittime dei talebani, nel biasimo per la maniera inconsulta con cui l'amministrazione Biden ha realizzato lo sgombero, comincia a infastidire la cacofonia per cui gli americani "armarono loro i talebani ai tempi della Russia", "hanno sbagliato a condurre la guerra al terrorismo in quelle plaghe","non dovevano inseguire e poi uccidere Bin Laden","hanno ucciso volontariamente civili, sono assassini (come Hollywood ci ha insegnato) di donne e bambini". Insomma, hanno in definitiva agito non per combattere il terrorismo ma per affermare la loro politica di potere imperialista. Oltretutto, seguita la poesiola che sentiamo alla tv e leggiamo sui giornali europei, nei vent'anni che sono stati sul terreno, non hanno combinato niente. Non Ŕ vero.

Taliban conducting 'targeted door-to-door visits': UN document | Taliban  News | Al Jazeera

La realtÓ smentisce questi pregiudizi, anche se resta, giustamente, la rabbia per la politica di Biden, come per la fuga da Saigon, o per il disastro iraniano. Tuttavia l'antiamericanismo, come dice Paul Hollander, Ŕ sempre "un'incontenibile predisposizione all'ostilitÓ". Adesso si discute molto della necessitÓ di un esercito europeo, ed Ŕ giusto: l'Europa ha bisogno di difendersi dal pericolo terrorista-islamista, e gli USA non hanno saputo fermarlo. Ma gli scontri interni all'Europa sono tali e tanti, i protagonismi francese e tedesco inconciliabili, la comoditÓ di buttare le spese militari sugli USA (mentre la si biasima) parte della storia. Cosý, la giusta istanza diventa parte dell'"incontenibile predisposizione": prima era filocomunista; poi Ŕ costata poco, da quando con la caduta sovietica gli USA divennero l'obiettivo gigante di tutti gli strali. La guerra post 11 settembre, anche se sostenuta da alcuni, esalt˛ l'antiamericanismo dell'"appeasement" europeo, scritto nella stessa definizione di UE. Strano a chi non ha trascorso molto del suo tempo in Medio Oriente, ma l'odio terrorista per gli USA Ŕ stato una serra di antiamericanismo. Atlantismo Ŕ una bella parola: giustamente, la ama Mario Draghi. Pu˛ benissimo ispirare il nuovo impegno militare dell'Europa, se davvero lo cerca, tanto senza gli USA non farÓ nulla. Il rapporto fra Unione Europea e Stati Uniti Ŕ ancora l'unico che pu˛ garantire benessere e sicurezza. Adesso, alla luce della nuova situazione internazionale, la punta di diamante della difesa antiterrorista e palesemente la pi¨ importante, mentre gli USA hanno un presidente debole. Sono tutti dati di fatto: si pu˛ pensare a dare pi¨ forza all'Europa proprio perchŔ l'America Ŕ debole, e quindi impegnarsi in una scelta atlantica che la rafforzi. Quanto a noi europei, mi Ŕ capitato entrando a visitare la tomba di Napoleone a Les Invalides che la poliziotta di guardia al santuario mi abbia risposto che lei, a chi chiede in inglese dov'Ŕ la tomba non avrebbe risposto.

Per inviare la propria opinione telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail del Giornale

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT