lunedi` 03 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
17.08.2021 Il coraggio di un no collettivo allo jihadismo
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 17 agosto 2021
Pagina: 3
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Il disastro dell'America in fuga dalla Storia. E Cina e Russia ridono»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 17/08/2021, a pag. 3 con il titolo "II disastro dell'America in fuga dalla Storia. E Cina e Russia ridono", l'analisi di Fiamma Nirenstein.

A destra: il tentativo disperato di fuga di civili afghani all'aeroporto di Kabul

Immagine correlata

Fiamma Nirenstein

Il disastro della defezione americana è insieme immenso, e ridicolo. Immenso nelle sue conseguenze umanitarie e geopolitiche. Quelle creature appese agli aerei siamo tutti noi, qui ci sono solo lacrime, solo il terrore di fronte al male assoluto. Ma è anche ridicolo, perché ciò che si ripete è una caricatura, una farsa: gli americani che, come un sorriso di Clint Eastwood, rappresentano il migliore dei mondi possibili per poi, invece, indietreggiano per mettersi a correre dietro l'angolo come Il disastro della defezione americana è insieme immenso, e ridicolo. Immenso nelle sue conseguenze umanitarie e geopolitiche. Quelle creature appese agli aerei siamo tutti noi, qui ci sono solo lacrime, solo il terrore di fronte al male assoluto. Ma è anche ridicolo, perchè ciò che si ripete è una caricatura, una farsa: gli americani che, come un sorriso di Clint Eastwood, rappresentano il migliore dei mondi possibili per poi, invece, indietreggiare per mettersi a correre dietro l'angolo come Stanlio e Ollio, sono ormai diventati il replay di un vecchio film. Anzi, di diverse pellicole ingiallite: viene in mente il 75 a Saigon, naturalmente, con l'elicottero di disperati che si alza in volo portando in salvo i suoi mentre avanza il regime comunista vittorioso; e viene anche in mente il disastro dell'ambasciata iraniana del 79, con gli americani ostaggio degli ayatollah; e il rinculare di Obama dopo una terribile minaccia di guerra se fosse stata violata la "linea rossa" per cui Assad seguitava lieto a gasare i ribelli; e l'Iraq post Saddam; e la Libia, la Somalia, Haiti, Panama.... Dimenticavamo l'antica Baia dei Porci, persino...L'America manda i suoi, sempre valorosi, decisi, armati con gli ultimi ritrovati, soldati e emissari carichi di sincero spirito democratico, e poi non gliene va veramente bene una. Le Forze Democratiche Siriane che hanno aiutato a liberare Raqqa dall'Isis hanno visto gli USA definirli un'alleanza "temporanea transitoria". In Iraq, nella regione dei curdi, la paura che gli USA adesso li pianti in asso è molto concreta... insomma questo ultimo abbandono nasce da una storia di protagonista assoluto che però non sa decidersi fra l' aspirazione morale e gli interessi politici immediati, zigzagante, sensibile oggetto di continue critiche, sempre meno sicura del proprio ruolo primario nel mondo. Così che adesso l'America risulta ammantata da un cumulo di vergogne, con questo rapidissimo e semi incomprensibile abbandono di Biden, la cui figura stessa adesso resta incatenata alle immagini dei poveri cittadini alla rincorsa degli aerei per volare via dalla persecuzione jihadista, dall'assassinio, dalla lapidazione, dal taglio della mano, dalla schiavizzazione delle donne che è già cominciata con l'invito a presentarsi per "sposare" i nuovi padroni. Biden ha pensato che, come Trump, fosse il caso di parlare agli americani di "interessi" più che di compiti storici, dato che i miliardi spesi sono tanti, e che comunque, come gli inglesi nell'800 e i russi il secolo scorso, anche gli americani dopo vent'anni fra quelle montagne non sanno più che fare. Il disinvestimento ha prima di tutto implicato lo stop al necessario largo uso dell'aviazione da parte delle truppe regolari afghani. Questo, impediva di inseguire i talebani fra i monti, e il resto è venuto automaticamente, e molto in fretta. Ma se la gente comune in America può voltarsi dall'altra parte, la sua elite, di destra e di sinistra, non sarà altrettanto indifferente allo spregio che qui vien fatto ai diritti umani, religione del nostro tempo. Inoltre come ignorare il favore che si fa a Mosca e a Pechino?

I talebani hanno visitato la Russia almeno tre volte in questi anni, e il commento dell'ambasciatore Dimitri Jirnov adesso è stato: "Occorre che i talebani consentano un passaggio ordinato dei poteri". Tutto qui. Anche i cinesi gioiscono, per non parlare degli iraniani, nonostante gli sciiti non siano i migliori amici dei talebani. Ma la loro bandiera è identica: jihad! legge islamica per tutto il mondo. Non a caso Hamas si è gi congratulato, e ieri ha già tirato un paio di missili su Israele. La Jihad di tutto il mondo, a tutte le latitudini, si ringalluzzisce: per vent'anni, comunque, l'Afghanistan era stato quieto, Bin Laden era stato eliminato, al Qaeda non è tornata a colpire gli USA. Intanto, la mortalità infantile si dimezzava e l'aspettativa di vita aumentava di 4 anni per le donne e di 3 per gli uomini, e i laureati passavano da 20mila a 31mila l'anno. Adesso, è finita. Adesso, la mossa di Biden ,mentre distrugge la dimensione morale e strategica americana, ne fa a pezzi la deterrenza, fa piacere all'Iran. Le uniche sentinelle sono i Paesi Arabi moderati, Egitto, Giordania, i membri del Patto di Abramo insieme a Israele, Grecia, Cipro, all'Arabia Saudita, all'India che è adesso il primo obiettivo dei poveri fuggitivi. Il mondo è in preda a un trauma che sfascia insieme alla pace anche i nostri film, le canzoni, i sogni. Ormai salverà il mondo non lo zio Sam, ma una gran forza d'animo, il coraggio di un no collettivo allo jihadismo.

Per inviare la propria opinione telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail del Giornale

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT