martedi` 17 maggio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I musulmani sono infelici nei paesi in cui vivono, in uno solo sono felici, quale? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
30.04.2021 Francia: proibito dire la verità sull'islamismo
Puniti quelli che la dicono

Testata: Il Giornale
Data: 30 aprile 2021
Pagina: 14
Autore: la redazione del Giornale
Titolo: «Saranno puniti i militari dell'appello anti-islam»

Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 30/04/2019, a pag.14, la breve "Saranno puniti i militari dell'appello anti-islam".

Auteur Jean-Pierre Fabre-Bernadac
Jean Pierre Fabre-Bernadac

Non solo la condanna verbale, arrivata dal primo ministro di Francia, Jean Castex. Il gruppo di militari, compresi ufficiali e generali, che hanno firmato una lettera aperta in cui si ipotizza il rischio di una «guerra civile» in Francia, andranno incontro ad azioni disciplinari che vanno dal pensionamento forzato alla comparsa davanti a un consiglio militare. Lo ha annunciato il Capo di stato maggiore delle forze armate francesi, Francois Lecointre, in un colloquio con il quotidiano Le Parisien. «Più alto è il grado più gravi saranno le sanzioni», ha aggiunto, senza specificare la natura delle punizioni. Nella lettera, pubblicata la scorsa settimana dalla rivista di destra «Valeurs Actuelles» da parte di 20 generali in pensione (ma firmata da 1500 persone, tra cui diciotto militari attivi identificati dall'esercito e venticinque generali in pensione) si sottolinea il fallimento delle misure prese per controllare le aree suburbane del Paese, quelle a maggior densità di immigrati.

Paris attacks: France has long been a target of extreme terror factions

Si evoca, come conseguenza, una futura «disintegrazione» della Francia, «attraverso un certo antirazzismo», con il rischio di avere presto una «guerra civile, con migliaia di morti, che porrà fine a questo caos crescente». L'invito, rivolto all'Eliseo e al presidente Emmanuel Macron, è quello di far cessare il «disagio che si è creato in Francia, se non un odio fra le comunità». Parole per nulla gradite ai vertici del potere francese. Il primo ministro Castex ha detto di aver condannato «con la massima fermezza» l'iniziativa dei generali che è «contraria a tutti i nostri principi repubblicani, all'onore e alle responsabilità dell'esercito». Ha sottolineato che i generali in pensione «rappresentano solo sé stessi», e non l'esercito francese. «Sarebbe stato un affare insignificante se non fosse stato sfruttato politicamente ... come possono le persone, e in particolare Madame Le Pen» candidata alla presidenza, «a giustificare un'iniziativa che non esclude la rivolta contro lo Stato?», ha aggiunto Castex.

Per inviare la propria opinione al Giornale, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT