martedi` 17 maggio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I musulmani sono infelici nei paesi in cui vivono, in uno solo sono felici, quale? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
19.04.2021 Francia: il caso del 'rider' algerino antisemita: 'Non consegno a ebrei'
Cronaca di Francesco De Remigis

Testata: Il Giornale
Data: 19 aprile 2021
Pagina: 13
Autore: Francesco De Remigis
Titolo: «'Non consegno a ebrei'. Espulso a tempo record un fattorino algerino»

Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 19/04/2021 a pag.13 con il titolo " 'Non consegno a ebrei'. Espulso a tempo record un fattorino algerino" l'analisi di Francesco De Remigis.

Il caso di cui Francesco De Remigis rende conto, tutt'altro che isolato, rientra nella definizione Ihra di antisemitismo e andrebbe perseguito come tale. Continua a crescere l'odio antiebraico e anti-Israele in Francia.

Ecco l'articolo:

45% of French Muslims would 'react negatively' if daughter married a Jew |  The Times of Israel

L'odio antisemita stavolta correva su due ruote. Anzi, le ha bloccate. Quelle di un «rider» algerino 19enne, espulso sabato dalla Francia dopo essere stato condannato dal tribunale di Strasburgo a quattro mesi di reclusione per discriminazione basata su motivi religiosi. La vicenda comincia a gennaio: fino a pochi giorni prima, il 19enne era uno dei ragazzi annoverati tra gli «eroi» della pandemia che, in bicicletta o monopattino, consegnano cibo a domicilio. A un tratto, però, si trova di fronte delle ordinazioni in due ristoranti kosher. A quel punto il rider chiede cosa avrebbe dovuto trasportare. «Specialità israeliane», dice il primo ristoratore. «Non consegno agli ebrei», la sua risposta secca. E con un click rifiuta l'asporto. In tribunale, l'algerino ha ammesso la cancellazione, negando però di aver detto «non consegno agli ebrei», come i due ristoratori di Strasburgo hanno dichiarato nella denuncia il 7 gennaio: «Avevamo già preparato i cibi, lui ha annullato la consegna con questa motivazione». Si attivano le indagini. La polizia scopre che il ragazzo era arrivato in Francia da circa un anno con un visto turistico, e che il documento era scaduto. Si era quindi improvvisato «rider», appoggiandosi all'account di un amico che consegnava per conto di Deliveroo. Apriti cielo. Il ministro dell'Interno Gérald Darmanin comunica immediatamente d'aver «preso la decisione di espellere il fattorino dal territorio nazionale». Ma la cosa (in un clima di nervi a fior di pelle tra Parigi e Algeri per la riscrittura dei libri di storia sul colonialismo) apre un altro vulnus. I ristoratori citano anche Deliveroo (che in Francia opera con Carrefour, Casino, Picard, Marks and Spencer), e il governo è costretto a muoversi per tempo per mantenere l'impegno di cacciare dal Paese il rider antisemita: affinché, una volta uscito di prigione, potesse essere allontanato senza rimbalzi. L'avvocato Raphaël Nisand, che difende i due ristoratori ed è legale presso l'organismo nazionale di vigilanza contro l'antisemitismo (Bnvca), rivela la necessità di una speciale cooperazione tra Francia e Algeria. Quando l'espulso arriva nel Paese d'origine non sempre viene infatti accolto. Emmanuel Macron rompe ogni indugio e il ministro Darmanin, sabato, comunica via Twitter il rimpatrio «con successo». «Mi ero impegnato a farlo - scrive Darmanin - il rider che aveva dichiarato di non voler servire clienti ebrei è stato espulso dal territorio nazionale dopo aver scontato la pena detentiva.

Natan Sharansky: There is no future for Jews in France | The Times of Israel
Una manifestazione in sostegno di Israele in Francia

L'odio antisemita non ha posto in Francia». Deliveroo ha avviato un'indagine interna dopo le accuse di antisemitismo, con la «ferma intenzione» di lasciare a piedi colpevoli. E annuncia tolleranza zero. «E inaccettabile che i rider che lavorano per Deliveroo osino praticare apertamente la discriminazione antisemita», commenta però il presidente del concistoro israelita del Basso Reno Maurice Dahan. Il caso non sembra sporadico. Un altro simile già segnalato. Nuove forme d'odio che, nella banlieue di Strasburgo, trovano terreno fertile: 107 tombe nel cimitero ebraico di Westhoffen profanate a dicembre 2019 con svastiche; altre 96 a Quatzenheim pochi mesi prima. Sabato anche un altro uomo, di origine pachistana, è stato messo su un aereo, incriminato per aver aggredito tre giovani di fede ebraica in una banlieue a nord di Parigi. E mentre si condannano ancora le scritte antisemite trovate lunedì sui muri d'ingresso della scuola di alti studi politici di Parigi, la Francia continua a registrare allarmi. Domani il governo convocherà gli «Stati generali della laicità».

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT