venerdi 30 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
14.04.2021 Iran contro Israele, gli Stati Uniti come si schiereranno?
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 14 aprile 2021
Pagina: 14
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «L'Iran provoca e colpisce nave israeliana. Usa: pazienza»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 14/04/2021, a pag. 14 con il titolo "L'Iran provoca e colpisce nave israeliana. Usa: pazienza" l'analisi di Fiamma Nirenstein.

Immagine correlata

Fiamma Nirenstein

Gerusalemme L'Iran ha ripreso ad arricchire l'uranio al 60 per cento: l'ha annunciato, e non è un caso che sia stato proprio lui a farlo, il capo negoziatore nucleare Abbas Araqchi, una sfida lanciata agli altri negoziatori. Il limite stabilito dal Jcpoa, il patto del 2015, è sotto il 5%. Le riserve di uranio sono state in buona parte arricchite al 20%, da cui è facile raggiungere, con centrifughe avanzate come quelle di Natanz, il 90% per la bomba atomica. II 60% è la risposta iraniana agli attacchi ben riuscito alla centrale di Natanz. Quello di lunedì fermerà per mesi le centrifughe. L'imbarazzo che il maggiore sito atomico sia stato danneggiato gravemente è rimasto per poche ore fonte di incertezza politica: far finta di niente o denunciare al mondo «un attacco terroristico», accusare il Mossad e giurare vendetta, come ha scelto di fare il regime? E un atteggiamento contraddittorio rispetto al tono accattivante con cui gli iraniani vorrebbero presentarsi a Vienna a riprendere il dialogo e convincere Biden. La sua scelta di ricostruire il patto è sostenuta con entusiasmo da tutti i vecchi funzionari di Obama.

Netanyahu says he has 'proof' of secret Iranian nuclear programme
Benjamin Netanyahu denuncia il programma nucleare iraniano

Alla fine l'elemento culturale mediorientale del regime degli Ayatollah ha prevalso con l'affermazione della forza e dell'onore, e adesso vedremo come giocherà insieme alla proposta finora presentata: smettete con tutte le sanzioni e noi torniamo al patto. A Biden si sa che non piace molto («avanti nonostante le provocazioni» ha detto a sera) e meno ancora gli piacerà che ieri sia stata attaccata una nave di proprietà israeliana, l'Hyperion, lungo la costa dell'Emirato del Fujairah, in coincidenza con le minacce di vendetta delle scorse ore. La nave è stata colpita da un missile iraniano ed è associata con l'Israeli Ray Shipping, la stessa compagnia proprietaria della nave colpita da un attacco iraniano a febbraio. La nave iraniana Saviz, una piattaforma militare delle Guardie della Rivoluzione, era stata danneggiata nel Mar Rosso da un sospetto attacco israeliano. Sono ormai innumerevoli le operazioni israeliane di contenimento di una strategia di assedio a Israele che prevede la costruzione di una mezzaluna sciita dall'Iran allo Yemen. Netanyahu ha giurato che non consentirà la costruzione di una bomba atomica che ha sulla testata un indirizzo tanto chiaro. D'altra parte, l'Iran sa che se alle operazioni che si sospetta siano di. Israele rispondesse con una vendetta che richiede una guerra, non avrebbe molto da guadagnarne. Tuttavia a volte le svolte drammatiche giungono non invitate.

Per inviare al la propria opinione al Giornale, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT