martedi` 19 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Io sono Israele (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Giornale Rassegna Stampa
30.01.2020 Pace in Medio Oriente: dettagli e conseguenze del piano di Trump
Analisi di Fiamma Nirenstein

Testata: Il Giornale
Data: 30 gennaio 2020
Pagina: 15
Autore: Fiamma Nirenstein
Titolo: «Pace in Medioriente: la rivoluzione di Trump il sì di Netanyahu e le incertezze palestinesi»
Riprendiamo dal GIORNALE di oggi, 30/01/2020, a pag. 15 con il titolo "Pace in Medioriente: la rivoluzione di Trump il sì di Netanyahu e le incertezze palestinesi" l'analisi di Fiamma Nirenstein.

A destra: Benjamin Netanyahu con Donald Trump

Immagine correlata
Fiamma Nirenstein

Martedì alla Casa Bianca il presidente Trump e Benjamin Netanyahu hanno festeggiato una rivoluzione storica nell'idea di pace in Medio Oriente; da ieri, dopo l'entusiasmo, comincia il lavorio, il che fare, i dissensi. Una commissione congiunta studia quando e come debba essere realizzato l'accordo, la destra israeliana protesta e così parte della sinistra, ambedue sostengono che lo scopo dei due protagonisti sia elettorale; mentre per alcune ore è sembrato che l'annessione della Valle del Giordano dovesse esser immediata, adesso la prudenza rallenta le mosse di Israele. Netanyahu è volato con tutti i giornalisti e il suo gruppo a Mosca certo per discutere con Putin la novità, ma anche a riprendere sul suo aereo la giovane Na'ama Issacharov che, oggi, dopo essere stata condannata a sette anni perchè aveva in valigia 90 grammi di marijuana sarà finalmente graziata. Quindi sarà per Bibi un ritorno coronato da due grandi successi, mentre in questi giorni dopo il suon rifiuto della immunità parlamentare è stato ufficialmente incriminato. L'opposizione di Abu Mazen, urlata e amplificata dall'invito a Hamas e alla Jihad islamica a Ramallah, sembra smorzata. Rallenta per ora il rogo di bandiere e di foto di Trump, sia perchè alla fine può avvantaggiarsene solo Hamas, e a causa dell'Arabia Saudita, Baharain, Emirati, Oman e a modo suo anche dell' Egitto, che hanno dichiarato rispetto e sostegno per il tentativo di pace e sono disposti a sostenerlo. Forse, anche, anche alla Muqata'a si comincia a leggere meglio il progetto. Trump rivoluziona il concetto base delle trattative fallite: "Pace in cambio di terra". La formula, dal 1948, al ‘67, fino a Oslo nel '93, a Camp David nel 2000 e Annapolis nel 2007, ha visto solo rifiuti, concessioni sempre più larghe, e, piuttosto continui rilanci terroristici, fino alla terribile Intifada e poi allo sgombero di Gaza nel 2005. La terra sgomberata nell'West Bank e poi a Gaza è diventata base dell'incitamento e di ondate terroriste. Trump riconoscerà uno Stato palestinese cui attribuisce il doppio dello spazio attuale, a Gerusalemme Est capitale palestinese stabilirà l'Ambasciata americana. Sancisce che nessuno sarà sgomberato dalla sua casa, né ebrei né palestinesi. I Territori non saranno destinati allo sgombero come stabiliscono i vecchi piani. Al primo posto, come del resto anche l'ONU stabilisce, il riconoscimento della necessità di una ignorata sicurezza Israeliana, che vuol dire Valle del Giordano (e come altrimenti, visto che divide dalla Giordania, e poi dalla Siria, dall' Iraq, fino all'Iran) e delle zone del West Bank della Giudea e della Samaria, a salvaguardia del corrugamento costale dove si trovano tutte le città israeliane. Questa annessione Trump intende ricompensarla con la cessione di una zona agricola importante (gli abitanti ebrei sono in agitazione) del sud, e con la cessione anche del Triangolo di Wadi Ara, israeliano anche se la maggioranza dei cittadini è palestinese. Infine 80 miliardi di dollari sono la somma in investimenti che potrebbe lanciare la nuova Palestina. Ma Trump chiede in modo fondamentale e tassativo di smontare la macchina di propaganda e di finanziamento del terrorismo, con lo smantellamento di Hamas e un'unica Autorità palestinese che lavori per costruire, finalmente, un vero Stato nel giro di quattro anni. Il piano promette contiguità, ma gli sta a cuore la sicurezza di Israele e anche il rifiuto dell'idea di origine sovietica che gli ebrei siano usurpatori di una terra altrui: non è così, essi sono indigeni tornati nella culla della loro storia. Questo dice il piano di Trump, e dalla spartizione del 1948 che tutto questo avrebbe potuto essere detto. Allora, cinque eserciti arabi assalirono Israele. Stavolta, i Paesi Moderati non sembrano disposti a farlo. L'Iran è isolato nella condanna feroce.

Per inviare al Giornale la propria opinione, telefonare: 02/85661, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria@ilgiornale.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT