mercoledi` 24 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
13.06.2024 Zelensky al Bundestag
Il discorso del presidente ucraino: Kyiv come Berlino

Testata: Il Foglio
Data: 13 giugno 2024
Pagina: I
Autore: Volodymyr Zelensky
Titolo: «Kyiv come Berlino»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 13/06/2024, a pag. I, il discorso di Zelensky al Bundestag "Kyiv come Berlino".


Zelensky durante il discorso al Bundestag

Caro popolo tedesco! Tutti coloro che ritengono che la guerra sia sbagliata. Tutti coloro che, come gli ucraini, sono convinti che la guerra sia un crimine contro la vita e che desiderano con tutto il cuore che l’Ucraina raggiunga la pace il prima possibile, che ci sostengono – il nostro popolo, le famiglie ucraine, lo stato ucraino, la nostra difesa. Prima di tutto, voglio ringraziare tutti voi oggi – grazie per l’umanità che prevale nei vostri cuori. E’per questo che la Germania non è rimasta in disparte di fronte al dolore e alla sofferenza degli ucraini. Gente comune, diverse città, stati e comunità tedesche: ci avete aiutato e ci state aiutando. Grazie, Germania! Il mio discorso di oggi è rivolto a tutti voi. A coloro che esercitano il potere e a coloro che lo conferiscono. A tutti coloro che hanno l’umanità nel cuore e che quindi restano fedeli al sogno di un’Europa pacifica. Un’Europa che è più grande di tutti noi. Un’Europa che ricorda l’esperienza di centinaia di generazioni che hanno vissuto sul nostro continente, la maggior parte delle quali, purtroppo, non erano destinate a vivere in pace. Ecco perché il sogno di un’Europa che deve essere un continente di cultura, deve essere un continente di popoli, deve essere un continente senza guerre, ha acquisito tanta forza. Personalmente ho fiducia in questo tipo di Europa. Un’Europa che sarà sicuramente una casa felice per i nostri figli e per i loro figli. Un’Europa che non permetterà all’odio di attecchire. Un’Europa che farà tutto ciò che è in suo potere per correggere questo errore della storia europea, questa guerra che è in corso nel nostro continente e che minaccia di degenerare in uno scontro molto più ampio. Non la lasceremo in eredità. Metteremo fine a questa guerra. Metteremo fine a tutto ciò nell’interesse dell’Ucraina e di tutta l’Europa. Di tutti noi. E di tutti coloro che verranno dopo di noi. La finiremo alle nostre condizioni. Termini che sono chiari a qualsiasi persona, qualsiasi persona comune su questa terra. Signor presidente! Signor cancelliere! Signora presidente del Bundestag e signora presidente del Bundesrat! Signore e signori! Cari parlamentari! Cari partecipanti! Cara Germania! Un’Europa divisa non è mai stata pacifica. E una Germania divisa non è mai stata felice. Tutto questo non lo sapete da me, ma dalla vostra esperienza personale. Pertanto, potete capire noi ucraini. Potete capire perché stiamo lottando così duramente contro i tentativi della Russia di dividerci, di dividere l’Ucraina, perché stiamo facendo di tutto – assolutamente di tutto – per impedire la formazione di un muro tra le diverse parti del nostro paese. Nessun paese dovrebbe essere condannato ad avere il filo spinato che gli attraversa il corpo per decenni. Le nazioni europee umiliate non hanno mai veramente conosciuto la pace. Alcune hanno dovuto lottare contro l’umiliazione anche dopo aver sconfitto l’occupante. Ecco perché ora – dopo questa guerra – ci impegniamo a non lasciare alcuna umiliazione sulla terra che è stata segnata dagli attacchi. Nessuna umiliazione nell’anima del popolo. Gli ucraini meritano la pace, semplicemente la pace dopo questa guerra. E tutti coloro che hanno difeso la propria casa; tutti coloro che hanno perso i propri cari; tutti coloro i cui fratelli e sorelle in armi sono rimasti per sempre sui campi di battaglia – tutti loro meritano una degna fine della guerra, che non lasci dubbi su chi ha vinto. E chi ha portato la guerra dovrebbe, al contrario, dimenticare la pace. Per sempre. I colpevoli della guerra devono essere chiamati a rispondere. Devono rispondere giustamente di ogni crimine di questa guerra. Solo una giusta responsabilità può dare la possibilità storica di guarire dall’aggressione. La Russia deve affrontare questo processo – assumersi una responsabilità completa e basata sui princìpi della guerra scatenata. La Russia deve anche ripulire le rovine che si è lasciata alle spalle. Deve pagare per tutti i danni causati da questa aggressione – sia al nostro paese sia al nostro popolo. Se ci sono rovine da qualche parte, un giorno la guerra tornerà lì. Questo non deve accadere. Mai più. Dobbiamo ricostruire una vita normale. Tutti insieme. Tutti coloro che danno valore alla vita. E ogni risorsa russa che può essere utilizzata a questo scopo deve essere utilizzata. Senza alcun compromesso con l’aggressore. Il tempo dei compromessi è finito. Tutto è finito esattamente quando Putin ha iniziato a bruciare città e a premiare i suoi assassini. Quando ha preferito gli omicidi agli accordi. L’esercito russo si lascia alle spalle decine di nuovi cimiteri, e questo significa che nessuno di noi ha il diritto di lasciarsi alle spalle una carenza di protezione da parte dell’esercito russo. La parola di qualcuno a Mosca non può essere tale protezione. L’Europa deve essere un continente sufficientemente forte per essere uno spazio di pace sufficientemente solido. Altrimenti, non funzionerà. E anche se qualcuno provasse a fare diversamente, Putin stesso cancellerebbe ogni speranza di stringere un accordo con lui. Lui cerca di conquistare, non solo i vicini della Russia. Gli assassini russi erano ad Aleppo e sono in Africa. Hanno imparato la guerra distruggendo Grozny e distruggendo la Georgia. Hanno lasciato la Moldavia divisa. Hanno messo in ginocchio la Bielorussia. Permetteremo alla Russia di continuare questa marcia attraverso l’Europa? Questa marcia di disprezzo per la vita e le nazioni? Assolutamente no. E questo è il nostro interesse comune. Un interesse comune che Putin perda personalmente. Che perda questa guerra. Che Putin perda il suo tentativo di trascinare l’Europa a un livello in cui non c’è più via d’uscita dalla guerra. Signore e signori! Probabilmente ricorderete che solo un anno o due prima della caduta del Muro di Berlino, nessuno avrebbe potuto prevedere la rapidità con cui sarebbe avvenuta. Alcuni pensavano che il muro sarebbe rimasto lì per sempre. Ma non c’era più. E dipendeva dalla leadership dei politici e dalla volontà della gente. Solo da questo. Allo stesso modo, alcuni ora pensano che Putin rimanga lì per sempre e che non ci sia fine alla guerra. Ma non è vero, tutto questo è un’illusione. Un’illusione che può essere dissipata dalla leadership. Può essere dissipata dalle decisioni. Può essere dissipata dal successo. E noi lo stiamo facendo! Insieme a voi, Germania! Gli ucraini vi saranno sempre grati per questo. L’Ucraina resiste da più di ottocento giorni contro un’aggressione su larga scala: 839. Il 24 febbraio, all’inizio di questa invasione, nessuno avrebbe creduto che fosse possibile, ma ora è un dato di fatto. Abbiamo dimostrato che la Russia può fallire ed essere sconfitta. Abbiamo dimostrato che, insieme ai nostri partner, abbiamo tutto il necessario per proteggere la vita. Abbiamo dimostrato che, grazie alla nostra cooperazione, possiamo espandere lo spazio di sicurezza. E lo spazio di sicurezza non cresce da solo: si espande solo attraverso decisioni comuni e coraggio collettivo. Tutti questi sono fatti. Sono tutte manifestazioni di leadership – dell’Ucraina, della Germania e di tutti i nostri alleati e partner. In particolare, la vostra leadership – quella presente in quest’aula del Bundestag. Vi ringrazio – ognuno di voi personalmente. E vi sono particolarmente grato per la vostra leadership nel fornire all’Ucraina i Patriot – avete salvato migliaia di vite. Grazie! Abbiamo qualche altro obiettivo oltre alla pace? No. Abbiamo qualche altro sogno continentale oltre a un’Europa pacifica? No. Abbiamo qualche altro dovere se non quello di proteggere le nostre nazioni, la nostra Europa e l’ordine internazionale basato sulle regole? No. La Russia ha altri obiettivi e sogni. E’ sola contro tutti noi. Ed è per questo che tutti noi dobbiamo costringerla a cambiare. Ed è possibile. Perché non esistono muri che non cadano. Signore e signori! Tra pochi giorni incontreremo il cancelliere della Germania e altri leader europei e mondiali in Svizzera per la conferenza di Pace. La Russia ha cercato di interrompere questo vertice. Ma avrà luogo. Si tratta di un successo congiunto dell’Ucraina e di decine di paesi. Di solito, dopo una guerra, le circostanze erano determinate dai vincitori o da pochi forti che potevano intervenire e imporre qualcosa a tutti gli altri. Anche contro la loro volontà. Ora offriamo un formato fondamentalmente diverso. Uno in cui nessuno può manipolare e far deragliare gli accordi, come ha fatto ripetutamente la Russia, e in cui tutte le voci vengono ascoltate – le voci del mondo. Al Vertice per la pace saranno rappresentati gli stati di ogni parte del mondo, ognuno dei quali potrà dimostrare il proprio carattere e la propria leadership nello sforzo collettivo. Tutti hanno un obiettivo comune: iniziare, passo dopo passo, a ripristinare pienamente la sicurezza e a muoversi verso una vera pace. Iniziare, passo dopo passo, a ripristinare l’efficacia della Carta delle Nazioni Unite e le norme fondamentali del diritto internazionale che garantiscono la sovranità e l’integrità territoriale degli stati, nonché i diritti delle persone e delle nazioni. Vogliamo dare una possibilità alla diplomazia – e a tal fine abbiamo riunito un centinaio di stati. L’Ucraina non si è mai affidata alla sola forza delle armi. Certo, sappiamo contro quali assassini dobbiamo combattere oggi e non dimenticheremo che solo le armi possono fermarli efficacemente e proteggere le nostre vite. Ma ricordiamo anche che la pace non nasce dagli spari, ma dalle garanzie – garanzie affidabili che non ci saranno più spari e che il male non arriverà più nella terra del popolo che voleva distruggere. Cosa può dare tali garanzie all’Ucraina ora? L’unità del mondo, ed è per questo che la conferenza di pace è importante. L’unità degli amici, ed è per questo che la nostra cooperazione deve essere il più efficace possibile. L’unità dell’Europa, ed è per questo che l’Ucraina deve diventare una parte a pieno titolo dello spazio politico e di sicurezza europeo. Così come è il motivo per cui voi e i vostri vicini avete vissuto per decenni senza la minaccia che qualcuno vi portasse via il paese. Cari amici! Spetta a noi, insieme a tutti i nostri partner e a tutti coloro che apprezzano la vita e contribuiscono a proteggerla ora, determinare quale sarà l’eredità di questo periodo per l’Europa nei tempi a venire. Ci sarà sicurezza? Ci sarà rispetto? Ci sarà pace? Sono sicuro che sceglieremo la risposta giusta. Sceglieremo di porre fine a questa guerra. Alle nostre condizioni. Ed elimineremo completamente il deficit di sicurezza in Europa che ha dato a Putin l’illusione che le sue azioni aggressive avrebbero avuto successo. E’ la nostra leadership e la volontà degli ucraini che devono avere successo – per il bene della pace, per il bene dell’Europa, per il bene della vita. E così sarà. Ci sarà l’Europa, un continente senza guerre. Grazie per l’invito, grazie mille per la vostra attenzione! Grazie per il vostro atteggiamento nei confronti del nostro popolo, che avete protetto dall’inizio della guerra. Non lo dimenticheremo mai. Grazie mille, Germania! Gloria all’Ucraina!

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT