mercoledi` 24 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
01.06.2024 Francia: Israele non gradita alla fiera delle armi
Editoriale de Il Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 01 giugno 2024
Pagina: 3
Autore: Redazione de Il Foglio
Titolo: «Israele non è gradito alla fiera francese»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 01/06/2024, a pag. 3, l'editoriale dal titolo "Israele non è gradito alla fiera francese" 

Eurosatory, la Fiera delle armi di Parigi: sì agli espositori dei paesi arabi, ma Israele non è gradita. Come per le manifestazioni culturali, Israele, la parte lesa, viene trattato come aggressore e bandito. La decisione viene dall'alto, dal presidente Macron, che vorrebbe imporre lo stop alle operazioni israeliane a Rafah. E così ha fatto una scelta di campo, dalla parte sbagliata.

Ieri il governo francese ha deciso di vietare alle aziende israeliane di partecipare a Eurosatory, fiera di importanza mondiale dedicata alla difesa e alla sicurezza, che si terrà dal 17 al 21 giugno a Villepinte (Seine-Saint-Denis), a causa della situazione nella Striscia di Gaza. “Su richiesta delle autorità francesi, le aziende israeliane non saranno presenti a Eurosatory”, ha fatto sapere Coges Events, società organizzatrice del salone che dipende dal ministero della Difesa francese. Eurosatory accoglierà 2 mila espositori. Tra questi, erano attese 74 aziende israeliane, dieci delle quali avrebbero esposto armi, compresi i tre principali fornitori delle Forze armate israeliane, Elbit, Iai (Israel Aerospace Industries) e Rafael. “Non ci sono più le condizioni per ricevere aziende israeliane alla fiera francese, in un momento in cui il presidente della Repubblica chiede la fine delle operazioni israeliane a Rafah. In accordo con le dichiarazioni del presidente della Repubblica, è urgente ottenere un cessate il fuoco che garantisca la protezione della popolazione di Gaza, il rilascio di tutti gli ostaggi e il pieno accesso agli aiuti umanitari”, ha affermato il ministero della Difesa francese in un comunicato. Contattata dall’Afp, l’ambasciata israeliana in Francia non ha reagito nell’immediato. In questi giorni, le associazioni Action Sécurité Éthique Républicaines, Stop Arming Israel, Urgence Palestine e l’Association France Palestine Solidarité hanno messo in guardia contro i profitti della fiera che “rafforzano il potere economico delle aziende che potrebbero partecipare ai crimini” commessi a Gaza. Coges Events ha specificato che si tratta di “una fiera esclusivamente destinata alla presentazione di attrezzature per la difesa e la sicurezza e in alcun modo un luogo per stipulare accordi”. Quella del governo francese è una decisione molto forte dal punto di vista politico, figlia delle pressioni insistenti delle ultime settimane e degli ultimi fatti di Rafah.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT