mercoledi` 24 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
31.05.2024 Al valico di Kerem Shalom
Cronaca di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 31 maggio 2024
Pagina: 1/4
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Davanti alla bocca di Gaza»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 31/05/2024, a pag. 1/4, con il titolo "Davanti alla bocca di Gaza" la cronaca di Micol Flammini.

Micol Flammini
Micol Flammini

Il valico di Kerem Shalom, punto di accesso della Striscia di Gaza da Israele. Il primo sforzo per rifornire Gaza di cibo inizia qui. Ogni giorno transitano fino a quattrocento camion, alcuni sono aiuti umanitari, altri sono prodotti che vengono venduti dentro alla Striscia. Eppure all'ONU vogliono condannare Israele perché "affama" i palestinesi di Gaza.

Kerem Shalom, dalla nostra inviata. Il valico di Kerem Shalom è piuttosto frequentato per essere un posto nel mezzo del nulla che tocca l’Egitto e la Striscia di Gaza. Da qui passa la maggior parte degli aiuti umanitari per i palestinesi, ha la forma di una bocca aperta. Rafah è vicina, se ne sente il rumore ogni tanto, i camion carichi di aiuti arrivano, stazionano, ripartono, vanno verso la Striscia. Il primo sforzo per rifornire Gaza di cibo inizia qui. Ogni giorno transitano fino a quattrocento camion, alcuni sono aiuti umanitari, altri sono prodotti che vengono venduti dentro alla Striscia e i camionisti, quando si trovano a scegliere cosa portare, se aiuti o beni da vendere, scelgono i secondi: le compagnie private pagano almeno il triplo per il trasporto e, indipendentemente da come Israele decida di far funzionare il valico, cosa consegnare è a discrezione di chi possiede i camion.

Secondo le Nazioni Unite, da quando è incominciata l’operazione a sud della Striscia e Israele ha preso il controllo della parte palestinese del valico di Rafah, la consegna dei beni è diminuita di due terzi, secondo Shimon Friedman, portavoce del Cogat, l’unità che si occupa del coordinamento del valico, il problema è oltre, nel momento in cui Kerem Shalom smette di essere un affare israeliano e diventa una questione dell’Unrwa, ogni sforzo si perde, il tempo passa, le merci rimangono nel vuoto. A presidiare la punta israeliana del valico ci sono i soldati, che controllano i camion assieme a uomini della sicurezza che rispondono al ministero della Difesa, non hanno insegne, non parlano, uno di loro indica: “Lì, lì, lo tzir filadelfi è lì”. Distrae gli occhi intenti a guardare il fumo di Gaza e mostra l’Egitto e il corridoio che avanza lungo il confine con Israele sotto al quale scorre tutto il non detto tra il Cairo e Gerusalemme: i tunnel scavati da Hamas che arrivano alla Striscia. Kerem Shalom è lo scontro fra tre mondi che ha provato a farsi incontro, il punto di contatto obbligato fra tre vicini che hanno rinunciato a comprendersi, al massimo si sono avvicinati per convenienza, parlati per necessità.

Ma Kerem Shalom tra i suoi muri alti di cemento armato, sotto a un sole impietoso, tra i razzi di Hamas che volano contro e volano attraverso, tra gli attacchi di Tsahal a Rafah è il posto in cui Israele sa che si misura il suo impegno per sfamare Gaza, qui si sfida l’isolamento internazionale, qui si mostra che Israele è impegnato a mandare cibo, carburante e medicinali nella Striscia. Mentre i camion sfilano l’uno dietro l’altro, rombando forte, cigolando sotto il peso dei loro scatoloni, di là si combatte, c’è Rafah, la città considerata l’ultimo avamposto di quattro battaglioni di Hamas. Alcuni degli ostaggi sono lì, a una manciata di chilometri di distanza e per questo la famiglia di uno di loro ha raggiunto questo punto nel nulla. Hanno portato una torta azzurra, come fosse la festa di un bambino, sopra ci sono due candeline: 2 e 4, Eitan Mor, preso in ostaggio il 7 ottobre compie gli anni. Quando Hamas ha fatto irruzione in Israele, Eitan lavorava come guardia al Nova Festival, è originario di Kiryat Harba, un insediamento vicino a Hebron, dall’altra parte di Israele rispetto a Kerem Shalom. I suoi parenti vengono al valico quasi ogni giorno. La famiglia è numerosa, hanno portato bandiere israeliane, le sventolano e cantano, stringono il ritratto di Eitan, si avvicinano al cancello del valico, mentre i soldati cercano di chiuderlo. Il padre porta un fucile e una cesta con dentro un vasetto di Nutella, dentifricio, spazzolino, una mela, una busta di caffè, carta igienica: “Noi ai palestinesi mandiamo gli aiuti, mio figlio non ha nulla, questo è quello che dovrebbe avere”. Non sono qui per fermare i camion, sicuramente non oggi, oggi c’è la torta, c’è il ricordo, ogni tanto gridano “Eitan!”, con una “a” lamentosa, allungata per mandarla fino al di là del valico. Non sono qui per rivedere il ragazzo, quasi non sperano neppure di rincontrarlo, loro con le famiglie che chiedono al governo di portare a casa gli ostaggi neppure ci parlano, loro chiedono il contrario: di fare tutto senza pensare agli ostaggi, senza pensare al loro figlio. “Dobbiamo eliminare Hamas, un accordo? – domanda il padre stralunato – non possiamo parlare con i terroristi, dobbiamo sconfiggerli. Tutta questa barbarie raggiungerà anche voi, arriverà anche negli altri paesi se non la fermiamo qui”. Non cede, guarda dritto negli occhi mentre lo dice e dietro alle sue parole vuole spiegare che tra il futuro di suo figlio e quello del suo paese lui ha già scelto ed è talmente sicuro di avere ragione che sente che pure suo figlio la pensa come lui. Anche sua moglie ha scelto tra Eitan e il paese. Eppure quell’Eitaaaan di lamento che si sente ogni tanto è il suo, guarda Gaza e grida “Mazal tov, Eitan, Mazel tov”. La seguono i fratelli, la segue il marito: “Eitaaan, mazel tov”. Alza la torta per il compleanno di un bambino, ha gli stessi colori della bandiera di Israele: loro hanno scelto, dicono.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT