mercoledi` 24 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
31.05.2024 Ecco i carnefici dell’Occidente
Editoriale di Claudio Cerasa

Testata: Il Foglio
Data: 31 maggio 2024
Pagina: 1
Autore: Claudio Cerasa
Titolo: «La lettera di complimenti inviata da Khamenei agli studenti anti Israele ci ricorda cosa vuol dire trasformare in eroi i carnefici dell’Occidente»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 31/05/2024, a pag. 1, con il titolo "La lettera di complimenti inviata da Khamenei agli studenti anti Israele ci ricorda cosa vuol dire trasformare in eroi i carnefici dell’Occidente" l'editoriale del direttore Claudio Cerasa.

ClaudioCerasa
Claudio Cerasa

Khamenei si è complimentato con i collettivi studenteschi pro-Pal che occupano le università occidentali. Questo sia di lezione: protestare contro Israele, dice più o meno implicitamente Khamenei, aiuta a delegittimare l’occidente, aiuta a dare un colpo alle democrazie liberali

Si è discusso molto in Italia, negli ultimi giorni, sull’opportunità, o meno, di permettere a un imam di partecipare alle occupazioni pro Palestina nelle università italiane e di lasciargli usare frasi finalizzate, con il benestare del professor Alessandro Barbero, a evocare le virtù del jihad. L’imam in questione, dopo aver offerto lezioni sulla guerra santa nell’Università di Torino, è stato per fortuna respinto a Milano, dove avrebbe dovuto partecipare a un incontro organizzato da un collettivo studentesco alla Statale, e una volta chiuso l’incidente – si fa per dire – il tema della strumentalizzazione delle proteste pro Pal., da parte degli estremisti islamici, è stato infilato con cura sotto il tappeto dell’ipocrisia da tutti coloro che considerano le manifestazioni contro Israele, nelle università, come delle semplici occasioni in cui viene messa in mostra una sana, genuina e civile forma di libertà di espressione, che in nessun modo, così si dice, può essere confusa con una forma meno sana, meno genuina, meno civile di antisemitismo strisciante. A far vacillare questa tesi ci ha pensato ieri una lettera semplicemente perfetta diffusa sul proprio account ufficiale dalla Guida suprema iraniana, l’ayatollah Ali Khamenei, e rivolta agli studenti universitari americani, e forse non solo a loro, considerati da Khamenei dei preziosi alleati nel “ramo del fronte della resistenza”. Una lettera che se non fosse drammaticamente realistica suonerebbe come tragicamente comica. “Scrivo questa lettera ai giovani la cui coscienza risvegliata li ha spinti a difendere le donne e i bambini oppressi di Gaza”, scrive l’ayatollah, così interessato ai diritti delle donne nel suo paese da far torturare a morte le donne desiderose di non coprirsi il capo con il velo. E ancora: “Ora avete formato un ramo del Fronte della resistenza e avete iniziato una lotta onorevole nonostante la spietata pressione del vostro governo… il Fronte della resistenza più grande, che condivide le stesse comprensioni e sentimenti che avete voi oggi, è impegnato nella stessa lotta da molti anni in un luogo lontano da voi… L’élite sionista globale ha etichettato questo movimento di resistenza coraggioso e umano come terrorismo… Il Fronte della resistenza avanza grazie alla comprensione globale e alla pratica di questi e centinaia di altri comandi simili e otterrà la vittoria con il permesso di Dio”. La lettera di Khamenei rappresenta un contributo fondamentale per fare chiarezza su quelli che sono gli equilibri in campo quando si parla di Israele. Protestare contro Israele, dice più o meno implicitamente Khamenei, aiuta a delegittimare l’occidente, aiuta a indebolire le élite globali, aiuta a dare un colpo alle democrazie liberali, aiuta a mettere sotto accusa il sistema capitalistico, aiuta a far sentire ai finanziatori di Hamas il sostegno del mondo, aiuta a demonizzare chi considera Hamas semplicemente un gruppo di terroristi assetati di sangue e aiuta a “dare conforto” a chiunque nel mondo consideri la guerra a Gaza come il cuore pulsante di un nuovo e rivoluzionario movimento finalizzato a estirpare dal mondo, con l’aiuto della grande intifada globale, il virus del sionismo. Si potrebbe pensare che quello di Khamenei (e anche quello di al Qaida, che nelle stesse ora ha diffuso un messaggio identico per elogiare i resistenti delle università occidentali) sia una sorta di trollaggio, un modo subdolo di appropriarsi di una protesta altrimenti genuina. Ci piacerebbe pensarlo se non fosse che la Guida suprema iraniana non ha fatto altro che mettere in chiaro quello che è l’obiettivo forse involontario di tutti coloro che nelle università occidentali confondono sistematicamente l’aggredito con l’aggressore, trasfor-mano regolarmente i terroristi in resistenti, dimenticano costantemente di incoraggiare la comunità a compiere l’unico atto che permetterebbe di porre fine rapidamente alla guerra a Gaza: chiedere a Hamas di arrendersi e rilasciare gli ostaggi.

Ma meglio occuparsi di sionismo che di terrorismo, no?

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT