domenica 16 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
25.05.2024 Il caos dell’Aja, a Rafah solo cadaveri di ostaggi
Analisi di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 25 maggio 2024
Pagina: 1/XVI/20
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «Il caos dell’Aia su Rafah»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 25/05/2024, a pag. 1/XVI/20, il commento di Giulio Meotti dal titolo: "Il caos dell’Aia su Rafah".

Informazione Corretta
Giulio Meotti
L'ordine a Israele dalla Corte dell'Aia: “Fermate subito l'offensiva a Rafah”  - la Repubblica
Mentre all'Aja Israele viene trattato come Hamas, a Rafah si continuano a trovare corpi di ostaggi, anche sotto gli edifici dell'UNRWA, l’agenzia dell’Onu per i palestinesi. Per quanto tempo ancora dobbiamo assistere a processi faziosi?

Roma. Dopo la richiesta di arresto di Benjamin Netanyahu da parte del procuratore della Corte penale dell’Aia, la Corte internazionale di giustizia dell’Aia ha ordinato a Israele di fermare le operazioni militari a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, che “possono infliggere” ai palestinesi “distruzione fisica, totale e parziale”. Il risultato della votazione è stato di 13 a 2. I due voti contrari sono Julia Sebutinde, rappresentante dell’Uganda presso la Corte, e di Aharon Barak, ex presidente dell’Alta corte israeliana e nominato da Gerusalemme presso il comitato della Corte di giustizia. Altri tre giudici sostengono che la clausola operativa della decisione della corte non limita Israele nell’immediato, ma solo nel caso che l’operazione a Rafah dovesse contravvenire alla Convenzione di Ginevra. Intanto Israele continua a trovare corpi di ostaggi a Rafah. La scorsa settimana sono stati ritrovati i corpi di tre civili, fra cui quello di Shani Louk, la ragazza simbolo del 7 ottobre. L’esercito israeliano ieri ha recuperato i corpi di altri tre ostaggi, fra cui il cadavere del fidanzato di Shani, Orión Hernández Radoux, e quelli di Hanan Yablonka e Michel Nisenbaum. Erano al festival Supernova quando è stato attaccato dai terroristi di Hamas. Il gabinetto di guerra di Israele ha intanto approvato la ripresa dei colloqui indiretti con Hamas per il rilascio degli ostaggi dopo settimane di stallo. La priorità assoluta è la restituzione degli ostaggi catturati da Hamas. Oltre 240 ostaggi sono stati presi il 7 ottobre. Ufficialmente ci sono 124 rapiti ancora a Gaza. Ma ogni giorno che passa, Israele trova sempre più solo ostaggi morti e diminuiscono le possibilità di trovarne di vivi. E il numero di vivi o morti è fondamentale per le proposte di cessate il fuoco, che prevedono lo scambio con terroristi palestinesi detenuti in Israele. Gli ostaggi vivi sarebbero solo trenta, secondo l’intelligence di Israele. Hamas non fornisce informazioni su quanti siano vivi, perché sa che lasciare gli israeliani all’oscuro sulla sorte dei rapiti li mette nella condizione di non sapere per cosa stanno negoziando. Nel campo di Jabaliya è stato trovato il corpo di Louk. Il pozzo da cui sono stati estratti i corpi sembrava normale. Cemento, scala e gola di dieci metri. Salvo che l’edificio dove si trova il pozzo è stato costruito dall’Unrwa, l’agenzia dell’Onu per i palestinesi. E con i finanziamenti europei, come rivela l’insegna sulla porta: “Con il generoso sostegno della Repubblica federale tedesca”. Hamas ha un macabro senso dell’ironia: Shani Louk, il cui corpo era conservato sotto quell’edificio, era anche una cittadina tedesca.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT