lunedi` 24 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
23.05.2024 Putin contro l'Ucraina
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 23 maggio 2024
Pagina: 1/V
Autore: Micol Flammini
Titolo: «La “pace” di Mosca»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 23/05/2024, a pag. 1/V, con il titolo "La pace di Mosca" l'analisi di Micol Flammini.

Micol Flammini
Micol Flammini

Vladimir Putin, pur senza dichiararlo ufficialmente, cambia i confini europei. Unilateralmente, il ministero della Difesa ha iniziato a spostare a Ovest i confini marittimi, a danno di Finlandia e Lituania. La Russia aveva fatto la stessa cosa con la Georgia. Che nel 2008 è stata invasa.

Martedì, sul sito del ministero della Difesa russo, era comparso un piano per espandere i confini marittimi di Mosca a danno della Lituania e della Finlandia. La decisione unilaterale è stata interpretata dai paesi interessati eda tutta l’Alleanza atlantica come un’operazione per diffondere “paura, incertezza e dubbio” nel Mar Baltico. Il piano è poi scomparso dal sito del ministero, il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov si è presentato alla conferenza stampa quotidiana raccontando ai giornalisti ansiosi di sapere se il territorio russo si stesse espandendo nel Baltico, che il piano non aveva nulla di politico e ha detto: “Si può vedere come le tensioni si stanno intensificando, il livello di confronto, in particolare nella regione baltica, richiede passi necessari da parte delle nostre agenzie competenti per garantire la sicurezza”. Secondo il ministero della Difesa i confini attuali nelle acque vicine all’enclave russa di Kaliningrad “non corrispondono pienamente alla situazione attuale geografica”.

La pratica di cambiare la geografia e di spostare i confini non è iniziata con l’invasione dell’Ucraina, la Georgia sa bene cosa vuol dire avere delle frontiere che cambiano. La regione georgiana dell’Ossezia del sud occupata dai russi si estende in modo strisciante, tanto da dividere famiglie, case, campi. E’ un fenomeno che va avanti da anni a danno della Georgia che ha già il venti per cento del suo territorio sotto occupazione, manon riesce a fermare questa avanzata lenta che prende il nome di borderizzazione. Nel Mar Baltico la Russia vuole decidere quali acque sono russe e quali no, imponendo le conseguenze della sua scelta. La decisione di cambiare i confini marittimi è un atto ostile e aumenta la tensione tra la Russia e i paesi della Nato, la provocazione è unilaterale, dall’altra parte ci sono soltanto le possibili risposte e la necessità di sicurezza. In una lettera indirizzata al Corriere della Sera, undici personaggi del mondo politico e intellettuale scrivono che è arrivato il momento di negoziare e l’Unione europea dovrebbe chiamare le due parti, Ucraina e Russia, e condurle verso una trattativa. I firmatari dicono che l’Ue anziché impegnarsi per la pace ha deciso di armarsi, e invitano la popolazione a mettere in pratica una diplomazia dal basso perché “non è scritto da nessuna parte che la pace e la sicurezza comune siano una responsabilità soltanto dei governi”. Se l’Ue in questi mesi si è trovata nella necessità di ripensare ai suoi arsenali, di riscrivere le sue politiche di sicurezza, di difendere l’Ucraina è perché la Russia ha invaso un paese sovrano che si trova ai confini dell’Europa.

In un’intervista fosca al New York Times il presidente ucraino Volodymyr Zelensky dice di non capire perché la Nato non voglia aiutare l’Ucraina a fermare i bombardamenti di Mosca. Parlando dei missili russi dice: “Quindi la mia domanda è: qual è il problema? Perché non possiamo abbatterli? E’ difesa? Sì. E’ un attacco alla Russia? No. Stiamo abbattendo aerei russi e uccidendo piloti russi? No. Allora qual è il problema nel coinvolgere i paesi della Nato nella guerra? Non esiste un problema del genere”. L’escalation è già iniziata e la ragione non è il rifiuto dell’Ucraina a negoziare né quello dell’Ue di costringere a negoziare. Vladimir Putin preparail paese per una guerra lunga che arrivi fino al cedimento di Kyiv e dei paesi dell’Alleanza atlantica.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT