lunedi` 24 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
20.05.2024 Abe Greenwald su Commentary: I nemici dell’Occidente
Analisi di Abe Greenwald

Testata: Il Foglio
Data: 20 maggio 2024
Pagina: II
Autore: Abe Greenwald
Titolo: «Il Jihad del risveglio»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 20/05/2024, a pag. II, l'articolo di Abe Greenwald dal titolo: "Il Jihad del risveglio".

Abe Greenwald (@AbeGreenwald) / X
Abe Greenwald
Hezbollah flags at Princeton University. Hezbolla deemed terrorist by 26+  countries, EU &Arab League : r/pics
Non siamo in un'università islamica, ma nel cuore degli Stati Uniti, gli studenti dicono di cantare per la pace, con la bandiera dei terroristi di Hezbollah 

Ad aprile, un figlio dei fiori dai capelli lunghi nel campus dell’Università di Princeton è stato catturato dalla telecamera” scrive Abe Greenwald su Commentary. “La foto, pubblicata sui social, lo mostra seduto sulla custodia della chitarra, con la chitarra in mano, pronto a suonare. Sull’erba davanti a lui, a completare questo ritratto altrimenti fedele dell’hippie, non c’è un segno di pace, ma la bandiera dell’organizzazione terroristica Hezbollah. Guardate più da vicino e vedrete la kefiah attorno al collo. Questo sostenitore del terrorismo che abbraccia gli alberi è il volto idiota di un matrimonio armonioso. Nel primo decennio del XXI secolo, gli Stati Uniti furono attaccati dai jihadisti che trascinarono il paese in una guerra su più fronti durata anni. All’inizio del terzo decennio siamo stati attaccati in modo molto diverso, dall’interno. I radicali di sinistra hanno intrapreso una campagna violenta per sovvertire l’ordine culturale e politico della nazione. Entrambi gli attacchi ci hanno cambiato in modo significativo, ma nessuno dei due ci ha spezzato. Nel 2023, approfittando del massacro degli israeliani compiuto da Hamas il 7 ottobre, i jihadisti e i radicali di sinistra hanno esplicitamente unito le forze. Per prima cosa hanno lanciato una campagna di strada contro Israele e a sostegno del terrorismo jihadista. Poi hanno occupato i campus universitari, dove hanno iniziato a molestare gli studenti ebrei, continuarono a invocare la morte di Israele e dell’America e amplificarono il loro elogio alla jihad. Il tutto, naturalmente, in nome della pace. Non sappiamo cosa farà dopo questo nemico ibrido dell’occidente. Ma sappiamo che non si fermerà presto, poiché è ben finanziato e organizzato in modo impressionante. Inoltre, le sue due metà godono di un prezioso rapporto simbiotico. Hanno bisogno l’uno dell’altro. Khymani James, una figura di spicco dell’accampamento pro-Hamas della Columbia University e un afroamericano gay in ottima posizione nella sinistra impegnata nella giustizia sociale, afferma: ‘I sionisti non meritano di vivere’. Alla UCLA, Eli Tsives, uno studente ebreo che indossa una collana di Magen David, viene bloccato fisicamente mentre va a lezione da manifestanti vestiti di kefiah. All’Università di Stanford, un manifestante viene fotografato con indosso una fascia di Hamas mentre scorre il telefono. Alla George Washington University, una statua di Washington è avvolta in una kefiah e in una bandiera palestinese. In altre parti del campus, gli studenti tengono un ‘tribunale popolare’e condannano a morte il presidente della scuola e altri tra gli applausi di ‘Ghigliottina, ghigliottina!’.” In un campus dopo l’altro, gli attivisti di sinistra invocano la ‘rivoluzione dell’Intifada’ o proclamano ‘Noi siamo Hamas’ sotto striscioni che recano il grido di battaglia jihadista per lo sterminio degli ebrei, ‘Dal fiume al mare’, o l’inno islamista al santo suicidio. bombardieri: ‘Gloria a tutti i nostri martiri’. L’unione della sinistra radicale e del jihadismo in mostra nei campus americani è un matrimonio nato dalla necessità e dall’amore. La necessità è reciproca. Più di tre anni dopo la rivoluzione di George Floyd, la sinistra si era trovata alla deriva. Con la base liberale non più interessata al taglio dei finanziamenti alla polizia, l’opinione pubblica che si rivolta contro i programmi ‘DEI’, gli informatori che rivelano gli orrori delle ‘cure che affermano il genere’ per i bambini trans, e il termine che ha risvegliato una fonte di imbarazzo liberale, cosa c’era da fare? Un rivoluzionario non può vivere solo di microaggressioni. La sinistra aveva bisogno di un nuovo tema animato, e la furia jihadista si sarebbe rivelata più che sufficientemente incoraggiante. Da parte loro, i jihadisti avevano bisogno della sinistra americana per scopi tattici: fare propaganda per la loro causa e inserire i terroristi antisemiti – insieme ai gay, ai transgender e agli afroamericani – nel pantheon delle vittime della sinistra intersezionale. Come ha consigliato a marzo agli studenti della Columbia University un coordinatore di un’organizzazione ‘filo-palestinese’ con sede a Vancouver: ‘Non c’è niente di sbagliato nell’essere un membro di Hamas, essere un leader di Hamas, essere un combattente di Hamas. Queste sono le persone che sono in prima linea a difendere la Palestina’. Se gli americani medi sono scioccati dall’ardore con cui i militanti hanno aderito al pensiero islamista, è perché non conoscono la sinistra così bene come la conoscono gli jihadisti. L’amore tra i due schieramenti, però, non è reciproco. La sinistra ama i jihadisti. Li amano per la loro ferocia ed esotismo tanto quanto per la loro sconfinata autocommiserazione. Questi sono gli elementi costitutivi della giustizia sociale. È per questo che vediamo i manifestanti che cercano di trasformarsi in palestinesi devastati dalla guerra, chiedono aiuti umanitari, rivendicano attacchi chimici contro gli studenti, cercando di crogiolarsi nel bagliore riflettente dei nobilmente oppressi. Ma nessun jihadista sciovinista potrebbe provare altro che disgusto per le donne incontrollate, i libertini sessuali, i pagani e persino gli ebrei che è stato costretto a strumentalizzare nella causa della dominazione islamica. Tuttavia, sebbene l’amore non sia reciproco, sotto altri aspetti è condiviso. Sia la sinistra che i jihadisti amano la violenza e il vittimismo. Entrambi amano distruggere le cose buone dell’occidente. Ed entrambi amano l’antisemitismo. Fino a poco tempo fa, gran parte della sinistra antisemita era incline a mascherare il proprio odio verso gli ebrei con l’antisionismo. La loro alleanza con jihadisti chiaramente sterminazionisti ha cambiato la situazione. Questo cambiamento può essere ascoltato nel comune canto di protesta ‘Non vogliamo due stati. Vogliamo tutto’. Nel perseguire queste passioni condivise, è noto che i manifestanti hanno trovato guida in un opuscolo intitolato ‘De-arrest Primer’”, che li incoraggia ad aggredire gli agenti di polizia e a creare la propria ‘micro-intifada che può diffondersi e ispirare gli altri finché non potremo finalmente scrollarci di dosso questo nocivo ordine dominante’. Forse non siete convinti. Forse siete propensi a concordare con l’ex ambasciatore americano in Russia Michael McFaul, che a maggio ha twittato: ‘Hamas non ha nulla in comune con i valori liberali o progressisti’. Se pensate che abbia ragione, guardate più da vicino coloro che protestano in sintonia con Hamas. Troverai tutti i colori nell’arcobaleno dell’identità. Black Lives Matter, i gruppi LGBTQ, le organizzazioni femministe intersezionali e altri salutano il 7 ottobre come giusta resistenza e condannano la risposta israeliana come genocidio. Se trovi ancora strano che persone nominalmente impegnate nella difesa delle minoranze, delle donne e dei transgender sostengano un regime terrorista razzista, suprematista maschile e anti-gay, hai mancato lo scopo della giustizia sociale: ‘scuotere finalmente fuori da questo nocivo ordine dominante’. Ciò significa necessariamente distruggere lo Stato ebraico, devastare gli Stati Uniti come li conosciamo e divinizzare i nemici di entrambi. La prima cosa da capire riguardo a qualsiasi movimento di protesta di sinistra è che la sua causa nominale è irrilevante. Black Lives Matter non riguarda il salvataggio di vite nere. L’attivismo trans non riguarda la protezione dei bambini trans. E l’intersezionalità non riguarda la sofferenza dei diversi disamorati. Non lo sono mai stati, non lo saranno mai. Dietro i loro marchi particolari, i movimenti per la giustizia sociale sono fronti assortiti in una guerra radicale contro il bene. E lo stesso vale per gli accampamenti ‘filo-palestinesi’. Consideriamo Rose Montoya, l’attivista trans che è rimasta in topless nel South Lawn della Casa Bianca durante una celebrazione del Pride Month. In che modo questa trovata virale protegge i bambini trans o suscita empatia per un gruppo demografico emarginato? Ogni aspetto del movimento è progettato per annullare il nostro comune apprezzamento per uno stile di vita sano e sicuro. Negare una solida realtà biologica, gettare i bambini nel caos emotivo, spaventare a morte i genitori, approvare procedure mediche rovinose per i minori e trollare chiunque non sia convinto: questo è il gioco. E proprio come i leader del BLM si sono arricchiti, le star trans sono dotate di sponsorizzazioni e accordi con i media una volta che hanno fatto la loro parte per abbattere l’edificio della stabilità. L’ideologia intersezionale si è infiltrata nelle nostre vite principalmente attraverso i programmi di formazione sulla diversità, l’equità e l’inclusione sul lavoro e a scuola. Per conquistare bisogna prima dividere. Questo è il compito del formatore del DEI: dividere i gruppi precedentemente coesi in campi razziali, etnici e di genere, evidenziando le loro differenze e inducendo a uscire i brutti risentimenti. Non sorprende che il lavoro del DEI aumenti il fanatismo. Sì, ci sono persone ben intenzionate che sostengono i diritti civili, i diritti dei gay e l’uguaglianza di genere. E se queste persone ben intenzionate continuano a sostenere campagne di giustizia sociale perché credono nei loro obiettivi dichiarati, allora sosterranno chiunque. Ma i pazzi che hanno trasformato il fanatismo identitario in un passatempo nazionale sono nemici di Israele, degli ebrei, degli Stati Uniti e della stessa decenza umana. Ciò li rende alleati naturali dei terroristi, qualunque siano le loro storie di beneficenza. Come nel caso delle precedenti campagne di sinistra, il movimento ‘filo-palestinese’ non offre nulla a sostegno del suo presunto scopo. Si schiera con i terroristi al governo di Gaza. I sostenitori americani di Hamas cantano ‘Cessate il fuoco adesso’ mentre Hamas rifiuta ogni offerta di cessate il fuoco che Israele e gli Stati Uniti mettono sul tavolo. Perché? Perché un cessate il fuoco significa non più morti a Gaza, e i morti a Gaza sono la principale risorsa naturale di Hamas. E’ ciò che porta i miliardi di aiuti in denaro che vengono utilizzati per costruire i tunnel dove Hamas si nasconde, mentre i civili assorbono i colpi in alto. Se Israele dovesse fermarsi prima di sradicare Hamas, come vogliono i manifestanti, molti più abitanti di Gaza morirebbero nelle future guerre che Hamas ha promesso di istigare” (Traduzione di Giulio Meotti)

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT