lunedi` 24 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
18.05.2024 Porti spagnoli chiusi a Israele
Redazione de Il Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 18 maggio 2024
Pagina: 3
Autore: Redazione de Il Foglio
Titolo: «Porti spagnoli chiusi a Israele»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 18/05/2024, a pag. 3, l'editoriale dal titolo "Porti spagnoli chiusi a Israele".

Pedro Sanchez punta sulle europee. Il nodo catalano può attendere | Il  Foglio
Sánchez nega l’attracco alle navi che trasportano armi per eliminare Hamas, e si dice pronto a riconoscere uno stato palestinese. Così facendo la Spagna difende Hamas, e dimostra di non aver imparato niente dai suoi anni passati a combattere l'ETA

Il governo di Pedro Sánchez ha deciso di rifiutare l’attracco nei porti spagnoli alle navi che trasportano armi destinate a Israele. E’ già accaduto quando la Marianne Danica ha chiesto il permesso di fare scalo nel porto di Cartagena con un carico di 27 tonnellate di materiale esplosivo in viaggio dall’India verso il porto di Haifa (lo scalo era previsto per il 21 maggio). “Questa è la prima volta che lo facciamo perché è la prima volta che abbiamo individuato una nave che trasporta un carico di armi verso Israele e che vuole fare scalo in un porto spagnolo”, ha detto il ministro degli Esteri, José Manuel Albares. “Questa sarà una politica coerente con qualsiasi nave che trasporta armi verso Israele che voglia fare scalo nei porti spagnoli. Il ministero degli Esteri rifiuterà sistematicamente questi scali per una ragione ovvia: il medio oriente non ha bisogno di più armi, ha bisogno di più pace”. La politica interna non è estranea alla scelta di Sánchez, abituato a usare cinicamente la politica estera per calmare dispute domestiche. I partiti di estrema sinistra Sumar e Podemos, essenziali alla sua maggioranza, avevano preso di mira un’altra nave, la Borkum, che secondo gruppi filopalestinesi sta trasportando armi verso Israele. In realtà, il ministero dei Trasporti ha chiarito che il materiale militare della Borkum è per l’Ucraina. La Spagna ha già imposto un embargo sulle armi a Israele dopo l’avvio della guerra contro Hamas a Gaza. Il governo Sánchez si prepara a riconoscere la Palestina e ha arruolato altri paesi europei come Irlanda e Slovenia. Il premier spagnolo è stato il leader europeo meno deciso nel condannare il pogrom del 7 ottobre e, al contrario, quello più attivo nel promuovere fantasiose conferenze di pace. Sánchez ha scelto di chiudere gli occhi sulla natura totalitaria e genocidaria di Hamas. Così non solo perde ogni credito di fiducia nei confronti di Israele, essenziale a una mediazione, ma danneggia le due cause che dice voler sostenere: la pace e uno stato palestinese.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT