martedi` 28 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
14.05.2024 Ritratto di Sinwar
Redazione de Il Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 14 maggio 2024
Pagina: 3
Autore: Redazione de Il Foglio
Titolo: «Consigli di lettura ai filopalestinesi. L’inchiesta del Nyt sulla Stasi di Hamas, l’oppressione segreta»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 14/05/2024, a pag. 3, l'editoriale a cura della redazione dal titolo: "Consigli di lettura ai filopalestinesi. L’inchiesta del Nyt sulla “Stasi di Hamas”, l’oppressione segreta".

Who is Yahya Sinwar, Hamas' leader in ...
Yahya Sinwar, capo politico di Hamas nella striscia, architetto degli attacchi del 7 ottobre, ora si troverebbe nascosto nei tunnel sotterranei assieme ai rimanenti 4 battaglioni del gruppo terroristico islamico fra Rafah e Khan Younis. Dai Bibi, trovalo e fallo fuori!
Hamas is searching for members of elite ...
Alcuni membri della formazione Nukhba, le forze speciali di Hamas. Per mantenere saldo il proprio controllo a Gaza, Hamas attua una vera e propria politica del terrore anche contro la stessa popolazione palestinese.

Consiglio di lettura per le brigate filopalestinesi: ieri un articolo del New York Times, uno scoop, ha rivelato che i terroristi di Hamas non dominano come predoni sui palestinesi soltanto con la forza bruta. Secondo numerosi documenti ottenuti dall’intelligence israeliana e visionati dal New York Times, il capo dell’organizzazione Yahya Sinwar ha organizzato e dominato per anni un distaccamento di polizia segreta che sorvegliava gli abitanti dell’exclave e compilava dossier su giovani, giornalisti e persone che mettevano in discussione il governo. Non soltanto molti residenti della Striscia sono finiti sotto la repressione di questo corpo segreto per aver partecipato a proteste o criticato Hamas. Sinwar era interessato anche ai sospettati di intrattenere relazioni romantiche fuori dal matrimonio. Una specie di Stasi islamica. “Questo Servizio di sicurezza generale è esattamente come la Stasi della Germania est”, ha commentato Michael Milshtein, un’ex ufficiale dell’intelligence militare israeliana specializzato negli affari palestinesi. “Ha sempre un occhio nelle strade”. Prima della guerra in corso, l’unità aveva un budget mensile di 120mila dollari ed era composta da 856 persone, 160 delle quali erano pagate per diffondere la propaganda di Hamas. Noto come il “macellaio di Khan Younis”, Sinwar ha assassinato con le proprie mani dodici palestinesi, accusati di “collaborare” con Israele. Nel 1988, durante un interrogatorio, Sinwar ha spiegato di aver arrestato un uomo mentre era a letto con la moglie. “Dopo averlo strangolato, l’ho avvolto in un sudario e chiuso la tomba” ha detto Sinwar. Micha Koubi, che ha interrogato personalmente Sinwar, ha ricordato la confessione che lo ha colpito di più. Sinwar ha raccontato di aver costretto un uomo a seppellire vivo suo fratello perché sospettato di lavorare per Israele. “I suoi occhi erano pieni di felicità quando ci ha raccontato questa storia”. Liberiamo Gaza da Hamas.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT