martedi` 28 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
13.05.2024 Jeffrey Herf spiega il successo di Hamas in Occidente
Commento di Jeffrey Herf

Testata: Il Foglio
Data: 13 maggio 2024
Pagina: 10
Autore: Jeffrey Herf
Titolo: «La primavera di Sinwar. Lo storico Jeffrey Herf spiega il grande sostegno di cui gode Hamas in occidente»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 13/05/2024, a pag. 10, il commento dal titolo "La primavera di Sinwar. Lo storico Jeffrey Herf spiega il grande sostegno di cui gode Hamas in occidente".

Jeffrey Herf | Department of History
Lo storico Jeffrey Herf
2024 Columbia University pro ...
Accampamento pro Hamas presso la Columbia University

La sera del 29 aprile 2024, i manifestanti hanno occupato la Hamilton Hall della Columbia, si sono barricati all’interno rifiutandosi di andarsene finché la Columbia non accetterà di disinvestire da Israele” scrive lo storico Jeffrey Herf su Quillette. “Un video pubblicato dalla Free Press mostra una persona mascherata che usa un martello per rompere il vetro delle porte dell’edificio, prima di utilizzare quello che sembra essere un lucchetto per bicicletta per fissarle. Altri manifestanti mascherati costruiscono una barricata improvvisata fatta di sedie. Quella sera, i manifestanti fuori dall’edificio occupato ne applaudirono la ‘liberazione’ e denunciarono il ‘genocidio’ israeliano. Si può vedere una giovane donna con indosso una felpa della Choate Rosemary Hall, uno dei collegi privati più costosi ed esclusivi degli Stati Uniti. È una scuola della Ivy League e l’alma mater del presidente Kennedy. In un inglese americano senza accento, il pubblico canta: ‘Israele cadrà! Mattone dopo mattone, muro dopo muro! Lo vogliamo tutto! Coloni, coloni tornate a casa! La Palestina è solo nostra!’. Questi giovani americani alla Columbia e ad altre manifestazioni di questa primavera chiedono apertamente – e con orgoglio – la distruzione dello stato di Israele. Sostengono i ‘martiri’ di Hamas che mirano a creare un paese etnicamente e religiosamente pulito. ‘Palestina’ libera dagli ebrei. Queste scene vergognose sono il risultato dell’emergere, nel corso dell’ultimo decennio, di una sinistra pro-Hamas tra i docenti e gli studenti delle università americane. Da quando il massacro di oltre milleduecento israeliani del 7 ottobre è stato orchestrato dal leader militare di Hamas a Gaza, Yahya Sinwar, questo contingente è apparso alla vista del pubblico in modo totale e impenitente. Anche se molti docenti negherebbero strenuamente di essere sostenitori di Hamas, il loro ostinato rifiuto di chiedere la resa dell’organizzazione e le loro veementi denunce della risposta militare di Israele forniscono un sostegno morale oggettivo al gruppo terroristico durante il conflitto in corso. In un certo senso, questo sviluppo non sorprende: l’antagonismo verso Israele è stato a lungo un elemento distintivo dell’ideologia di sinistra, e non c’è nulla di nuovo da sentire nei canti e negli slogan dei manifestanti. La calunnia secondo cui Israele è uno stato coloniale razzista e genocida è stata parte dell’assalto contro Israele nella politica mondiale dalla fine degli anni ’60. Per la maggior parte di quel tempo, la sinistra decoloniale americana ed europea – compresi professori, studenti, attivisti e giornalisti – sostenne quello che consideravano un progetto altrettanto di sinistra e decoloniale rappresentato dall’Organizzazione per la Liberazione della Palestina. Di conseguenza, hanno addotto scuse per il terrorismo e hanno insistito sul fatto che il suo tentativo di distruggere lo stato di Israele con la forza delle armi non era motivato dall’antisemitismo. Yassir Arafat entrò nel romantico pantheon dei rivoluzionari globali del Terzo Mondo e divenne un visitatore abituale di Mosca e Berlino Est. Questi decenni di antagonismo laico verso Israele hanno creato le basi per la volontà della sinistra di difendere Hamas nonostante il suo fanatismo religioso reazionario. Ma da un altro punto di vista, l’entusiasmo della sinistra accademica per Hamas è notevole. L’entusiasmo dei professori e degli studenti di sinistra per il Movimento di Resistenza Islamica a Gaza non ha precedenti nella storia della sinistra moderna. Lo scetticismo e persino il rifiuto totale di ciò che Marx chiamava ‘l’oppio dei popoli’ è stato un tema saliente della sensibilità della sinistra sin dalla Rivoluzione francese. Eppure il fondamentalismo punitivo di Hamas non ha impedito alla sinistra americana laica di abbracciare quello che ho definito ‘fascismo dal volto religioso’. Negli ultimi dieci anni ho attirato l’attenzione sull’emergere della sinistra pro-Hamas e sul fatto bizzarro che intellettuali e studenti laici stiano ora sostenendo un’organizzazione nata dai Fratelli Musulmani e dai collaboratori nazisti. Oggi, l’islamizzazione della sinistra è diventata evidente nei campus universitari. Come chiarito dal suo Patto fondamentale nel 1988, la natura reazionaria di Hamas risiede in una lettura selettiva degli antichi testi islamici che definisce la religione come intrinsecamente antisemita. Questa interpretazione dell’Islam legittima la guerra religiosa di Hamas per distruggere lo stato di Israele, il suo rifiuto della democrazia liberale, il suo uso del terrore come arma politica e il suo conservatorismo sociale che richiede la subordinazione delle donne e l’ostilità letale verso l’omosessualità. Tutto ciò dovrebbe rendere Hamas un anatema per i progressisti sociali della sinistra accademica. Ma l’entusiasmo con cui gli antisionisti laici si sono uniti alla causa dei guerrieri religiosi di Hamas – o almeno li hanno protetti dalle critiche – suggerisce che la solidarietà nel loro odio condiviso verso un nemico comune, Israele, supera tutte le altre differenze politiche. Adottando il linguaggio della moderna politica progressista – diritti umani, anticolonialismo rivoluzionario e antirazzismo – l’Olp e i suoi sostenitori cercarono di negare che la loro campagna di terrore contro Israele fosse semplicemente l’ultima iterazione di un odio paranoico. Insistevano di non avere alcun disaccordo con l’ebraismo o con il popolo ebraico e che l’accusa di antisemitismo era semplicemente un tentativo di diffamare la legittima critica delle politiche israeliane. Dagli anni ’60 – prima nella politica mondiale alle Nazioni Unite e poi nelle università americane – gli antisionisti laici hanno attribuito la colpa dell’assenza di pace in medio oriente esclusivamente a Israele. Durante gli anni ’70 e ’80, i propagandisti sovietici paragonarono Israele alla Germania nazista e i membri delle organizzazioni terroristiche radicali della Germania occidentale come la Raf ridescrissero il sionismo come fascismo. Quando i leader palestinesi rifiutarono le offerte israeliane di una soluzione a due Stati alla fine degli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000, gli intellettuali antisionisti occidentali concordarono tutti che le offerte erano da prendere in considerazione. Quando l’Olp e i suoi vari affiliati risposero a queste offerte uccidendo e mutilando civili israeliani in campagne terroristiche, i sostenitori in Europa e negli Stati Uniti semplicemente ridefinirono il terrorismo come giustificabile resistenza all’ingiustizia israeliana. E quando Israele reagì a quegli attacchi terroristici, gli antisionisti occidentali denunciarono quella ritorsione come un’aggressione ingiustificata. La sinistra antisionista nelle università britanniche e americane sosteneva che il progetto sionista e lo stato di Israele fossero anacronismi etnico-religiosi in un mondo multiculturale moderno, reliquie di un nazionalismo razziale che prevaleva in un’epoca meno illuminata. Per l’accademia di sinistra, i leader arabi dell’Olp erano compagni leninisti paragonabili al Che, a Castro e a Mao, non fanatici dei Fratelli Musulmani o seguaci di islamici che odiavano gli ebrei come Haj Amin el-Husseini e Sayyid Qutb. L’abbraccio di Yassir Arafat da parte di Berlino Est e Mosca – per non parlare del flusso di risoluzioni Onu simpatizzanti dell’Olp che denunciavano Israele – ha trasmesso l’idea che l’Olp e i suoi sostenitori globali erano parte di un movimento rivoluzionario moderno e laico. Quattro decenni di guerra non dichiarata contro Israele da parte dei comunisti e dei loro apologeti occidentali hanno contribuito a sostenere l’antisemitismo dopo che sembrava essere stato decisamente screditato dai nazisti e dal loro Olocausto. I comunisti hanno messo il prestigio dell’antifascismo al servizio di un progetto antisemita – la distruzione dello stato ebraico – e hanno così dato nuova vita e rispettabilità all’odio più antico del mondo. La Carta di Hamas del 1988 ha rappresentato un netto allontanamento da questi sforzi volti a distinguere l’antisemitismo dall’antisionismo. 

Gli attivisti della sinistra pro-Hamas nei campus occidentali parlano chiaro sia con i loro silenzi che con le loro dichiarazioni. Fanno riferimento con riluttanza, se non del tutto, alla Carta fondativa di Hamas e rifiutano di riconoscere il suo collegamento con gli eventi genocidi del 7 ottobre. Non dicono nulla della spesa di Hamas di centinaia di milioni di dollari in aiuti internazionali per un’elaborata rete di tunnel sotterranei, l’unica Il loro scopo è quello di dichiarare guerra a Israele e proteggere i militanti di Hamas mentre la popolazione civile di Gaza subisce le conseguenze militari del terrorismo del gruppo. Gli antisionisti occidentali si sono rifiutati di chiedere ad Hamas di arrendersi o addirittura di rilasciare gli ostaggi civili che aveva sequestrato – atti che, come ha sottolineato il segretario di Stato americano Antony Blinken, avrebbero posto fine alla guerra e risparmiato la vita di migliaia di persone a Gaza. Attraverso le sue dichiarazioni e le sue omissioni, la sinistra pro-Hamas ha di fatto appoggiato la spietata strategia di Hamas di massimizzare le vittime civili palestinesi in modo che Israele venga condannato dalla corte dell’opinione mondiale. I redattori delle più grandi organizzazioni mediatiche americane hanno deciso di eufemizzare le manifestazioni della primavera 2024 come ‘pro palestinesi’ o ‘contro la guerra’ quando oggettivamente non sono nessuna delle due. Si tratta, infatti, di manifestazioni a sostegno di Hamas e della sua guerra in corso contro Israele. Si scopre che, per molti accademici e studenti, la decisione di schierarsi dietro Hamas non è stata difficile. Negli Stati Uniti oggi, alcuni dei nostri concittadini cantano ‘Gli ebrei non ci sostituiranno!’, mentre altri esprimono il desiderio di vedere Tel Aviv bruciare. Tuttavia, gli odiatori antisemiti di destra non godono della rispettabilità conferita dal mandato nelle principali università, mentre quelli di sinistra sì. E’ tempo che la maggioranza degli americani, finora fin troppo silenziosa, sconvolta dal recente sfogo di odio verso gli ebrei, si unisca. La verità e la decenza non richiedono niente di meno”.

(Traduzione di Giulio Meotti)

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante.


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT