martedi` 25 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
10.05.2024 Odissea israeliana allĺEurovision
Analisi di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 10 maggio 2024
Pagina: 1/4
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «Golan a Malm÷»

Riprendiamo daláFOGLIOádi oggi, 10/05/2024, a pag. 1/4, l'analisi di Giulio Meotti dal titolo: "Golan a Malm÷".

Informazione Corretta
Giulio Meotti
Eden Golan fischiata sul palco dell'Eurovision, passa in finale -  L'Eurovision - Ansa.it
Eden Golan sarÓ sul palco dell'Eurovision, e canterÓ in ricordo del 7 ottobre, nonostante le minaccie di morte, i tentativi di boicottaggio, i fischi e leákefiah

Roma. Il capo del servizio segreto israeliano Shin Bet, Ronen Bar, la scorsa settimana ha compiuto una visita segreta a Malm÷, in Svezia, per controllare la sicurezza della delegazione israeliana impegnata nell’Eurovision. Dopo il 7 ottobre, Bar aveva lasciato Israele soltanto per partecipare ai colloqui per il rilascio degli ostaggi israeliani in mano ad Hamas al Cairo e a Doha. La settimana scorsa, Israele ha anche innalzato il livello di allarme per i suoi cittadini che intendano andare a Malm÷ per l’Eurovision. La mattina del 7 ottobre, le strade di Malm÷ hanno celebrato il massacro. C’Ŕ chi la chiama “Ramallalmo”. Ieri la nave della ong Ship to Gaza ha ormeggiato nel porto di Malm÷ alla vigilia della partecipazione di Israele all’Eurovision Song Contest. Trentamila manifestanti sono arrivati per protestare contro la partecipazione della cantante israeliana Eden Golan, che ha giÓ ricevuto una raffica di minacce di morte. La polizia svedese ha chiesto rinforzi alle vicine Danimarca e Norvegia. In Belgio, due ministri avevano chiesto che Israele venisse trattato come la Russia, bandita dal 2022 in seguito all’invasione della Ucraina. Eden Golan, a cui lo Shin Bet ha chiesto di non lasciare mai l’hotel prima e dopo le esibizioni musicali, ha dovuto cambiare anche la canzone in gara. Si chiamava “October Rain”, chiaro riferimento al 7 ottobre. Via il tributo alle vittime dell’attacco terroristico di Hamas, compresi i quasi quattrocento giovani assassinati nel festival musicale Nova. “October Rain” Ŕ stata respinta dagli organizzatori del concorso, la European Broadcasting Union, per “motivi politici” (ma il cantante svedese Eric Saade si Ŕ esibito con una kefiah arafattiana al collo). La rete televisiva statale israeliana Kan, che ha fornito la canzone, ha detto che preferiva che Eden abbandonasse la competizione piuttosto che cambiare il testo. ╚ stato solo dopo l’intervento del presidente israeliano Isaac Herzog, che ha chiesto i “necessari aggiustamenti”, che la situazione si Ŕ placata. “Hurricane”, questo il nuovo titolo, ora racconta la storia di una donna che emerge da una crisi personale. La “pace” Ŕ salva. Nel 2016, la canzone vincitrice dell’Ucraina, “1944”, denunciava la deportazione della minoranza etnica tatara dalla Crimea da parte di Stalin. Mosca all’epoca si lament˛ dicendo che la canzone era “troppo politica”, ma l’Eurovision lo permise comunque. Con Israele, doppio standard. Israele ha giÓ partecipato due volte all’Eurovision Song Contest a Malm÷. La prima fu nel 1992, con “It’s Just Sport” eseguita da Dafna Dekel. Allora le caratteristiche della cittÓ erano completamente diverse. “Ricordo che quando stavo partendo per Malm÷, mi sono messo un tefillin e mi hanno dato un dollaro per darlo a un povero, ma non siamo riusciti a trovare poveri a Malm÷”, ricorda Kobi Oshrat, il compositore della canzone e direttore d’orchestra. “Non c’era alcuna questione musulmana. L’atmosfera era meravigliosa. Non c’era personale di sicurezza. Andavamo in giro liberamente”. La volta successiva fu nel 2013, con la canzone israeliana “Rak Bishvilo” cantata da Moran Mazor. E Malm÷ era giÓ completamente diversa. “Eravamo accompagnati da almeno cinque membri dello Shin Bet e da altri trenta poliziotti locali, non potevamo muoverci liberamente”, ricorda Alon Amir, che allora era il portavoce della delegazione. Il punto di svolta, per quanto riguarda il rapporto di Malm÷ con gli ebrei e Israele, Ŕ stato alla Coppa Davis di Malm÷ del 2009, alla quale ha partecipato anche Israele. Il timore di disordini ha spinto le autoritÓ a decidere di chiudere la partita al pubblico. E se Eden Golan tra qualche giorno tornerÓ in Israele, gli ebrei di Malm÷ rientreranno nel loro “bunker”, come chiamano l’edificio al Kamrergatan 11. La facciata Ŕ rivestita con lastre di metallo. Le finestre sono piccole come feritoie, le telecamere puntano sull’ingresso. Premendo il pulsante si attiva l’intercom: “Benvenuto nella comunitÓ ebraica di Malm÷”. Blocchi stradali sono eretti attorno alla sinagoga. Lo scopo Ŕ impedire ai veicoli di avvicinarsi. Nella scuola materna, i bambini giocano dietro a un vetro antiproiettile. “Gli ebrei lasciano Malm÷”, scrive il quotidiano Nyheter Idag. Erano tremila, oggi meno di cinquecento. La congregazione ebraica fu fondata nel 1871 e ora cosý tanti ebrei vogliono lasciare la cittÓ che “non ci sarÓ una popolazione ebraica a Malm÷ entro dieci anni”.

Per inviare aláFoglioála propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT