martedi` 25 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
03.05.2024 Statale contro Israele
Analisi di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 03 maggio 2024
Pagina: 1/9
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «Statale contro Israele»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 03/05/2024, a pag. 1/9, il commento di Giulio Meotti dal titolo: "Statale contro Israele"

Informazione Corretta
Giulio Meotti
Milano, blitz degli studenti alla Statale durante meeting europeo: «Strage  in Palestina, boicottare università di Israele» | Corriere.it
Alla Statale di Milano salta un convegno con un docufilm sul 7 ottobre. Le università italiane chiudono la via del dialogo e aprono quella del fondamentalismo islamico. Lo stesso sta avvendendo anche a Torino.

“Israele: storia di una democrazia sotto attacco. Terrorismo, propaganda e antisemitismo 4.0. La sfida all’occidente”. Era questo il titolo del convegno che si sarebbe dovuto tenere il 7 maggio all’Università Statale di Milano, con la proiezione del docufilm “#NOVA” sul massacro commesso dai terroristi di Hamas al Nova Festival lo scorso 7 ottobre. Ma in seguito alle minacce arrivate, non se ne farà niente. Organizzato da Cristina Franco, presidente dell’Associazione Italia-Israele di Savona, il convegno si sarebbe dovuto aprire con i saluti del rettore, Elio Franzini, per lasciare poi la parola a Hillel Neuer, direttore esecutivo di Un Watch; Marco Cuzzi della Statale, Alessandra Veronese dell’Università di Pisa, fino alla testimonianza di Alexandre Del Valle sulla Fratellanza musulmana in Europa. Niente da fare. Da giorni erano arrivate minacce e intimidazioni alla volta del convegno, dei convegnisti e dell’università da parte del solito giro di collettivi, anarchici e gruppi anti israeliani. La questura era pronta ad allestire un cordone di sicurezza e la minaccia era passata da “alta” ad “altissima”. Alla fine, Cristina Franco e gli altri organizzatori hanno deciso di annullare l’evento. “Il messaggio che è passato è che, mentre l’altra parte ha avuto il diritto persino di occupare le università italiane, a noi è stato impedito di poter discutere pacificamente del 7 ottobre e di Israele, se non a rischio di violenze”, ci dice Franco. All’organizzatrice era stato anche offerto di spostare online l’evento dai media della Statale. “Anche no, grazie”, taglia corto Franco. “O si ha la stessa possibilità data all’altra parte, oppure niente. La foglia di fico non la accetto”. La morale della storia sta tutta in quel titolo: “Israele: storia di una democrazia sotto attacco. Terrorismo, propaganda e antisemitismo 4.0. La sfida all’occidente”. La democrazia e la sua ancella che è la libertà di parola sotto attacco, la propaganda che dilaga nelle università, l’antisemitismo che ne è il rumore di fondo e l’occidente che è il nemico comune.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT