lunedi` 20 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
23.04.2024 Armi a Taiwan
Analisi di Giulia Pompili

Testata: Il Foglio
Data: 23 aprile 2024
Pagina: 1/5
Autore: Giulia Pompili
Titolo: «Armi anche a Taiwan»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 23/04/2024, a pag. 1/5, con il titolo "Armi anche a Taiwan" l'analisi di Giulia Pompili.

Immagine correlata
Giulia Pompili

Esercito di Taiwan. Nel pacchetto di aiuti votato in Congresso ci sono anche armi per l'isola cinese assediata dalla Repubblica Popolare.

Dei tre pacchetti di aiuti approvati sabato scorso dalla Camera dei rappresentanti del Congresso americano, oltre a quelli per Ucraina e Israele, il budget meno sostanzioso è andato all’Indo-Pacifico. E’ stata quella però la legge votata da una maggioranza più ampia, con 385 deputati a favore e 34 contrari (quello sull’Ucraina ne ha visti 311 a favore e 112 contrari), segnale, secondo gli analisti, di un riconoscimento bipartisan dell’Indo-Pacifico come una regione cruciale per l’ordine globale, soprattutto per il contenimento della Cina. E’ in questo clima che ieri Pechino ha confermato la missione del segretario di stato americano Antony Blinken, che arriverà domani in Cina per incontrare il suo omologo Wang Yi. 

Washington vuole mettere a disposizione oltre 8 miliardi di dollari per Taiwan, i suoi equipaggiamenti militari e l’addestramento dei suoi soldati, e una parte per i paesi della regione che ne faranno richiesta e che contribuiranno alla stabilità dell’area. Nel pacchetto di leggi approvato sabato c’è anche quella molto discussa su TikTok, che se dovesse passare anche al Senato imporrà al colosso cinese ByteDance di vendere il social network, considerato una minaccia alla sicurezza nazionale per i suoi legami con Pechino. Secondo i media americani, la legge dovrebbe arrivare al Senato già oggi, dopo più di due mesi di stallo. Il governo taiwanese ha espresso apprezzamento per il pacchetto di finanziamenti, che serve a “rafforzare la cooperazione alla sicurezza tra America e Taiwan e il mantenimento della pace e della stabilità nell’Indo-Pacifico”, che avviene “in un momento critico, in cui l’espansione autoritaria minaccia la comunità democratica”. Ieri da Pechino il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin ha detto che il comunicato finale dei ministri degli Esteri del G7 – che menziona la militarizzazione cinese nel Mar cinese meridionale e la destabilizzazione nello Stretto di Taiwan, oltre al problema dei diritti umani nello Xinjiang – è “una manipolazione”. Ieri sono iniziate le esercitazioni militari congiunte fra America e Filippine nel Mar cinese meridionale, alle quali per la prima volta partecipano anche Francia e Australia. I colloqui fra Washington e Pechino però vanno avanti, e secondo il Financial Times Blinken porterà a Wang un avvertimento (l’ennesimo) preciso: se non smetterà di inviare tecnologia legata agli armamenti in Russia, l’America è pronta a sanzionare aziende e istituzioni finanziarie cinesi. Il sostegno cinese alla guerra di Putin è una minaccia per l’Europa, ha detto il vicesegretario di stato Kurt Campbell al quotidiano inglese. In Asia la Cina è sempre più aggressiva nel Mar cinese meridionale e protegge politicamente e finanziariamente il regime di Kim Jong Un in Corea del nord – che ieri pomeriggio ha sparato diversi missili balistici verso il Mar del Giappone. Ma l’operazione destabilizzatrice di Pechino arriva in Europa anche più concretamente del sostegno secondario alla guerra di Putin contro l’Ucraina: ieri la Germania ha arrestato tre cittadini tedeschi sospettati di aver lavorato per il ministero della Sicurezza di Pechino e di aver fornito segreti tecnologico-militari alla Cina. Nelle stesse ore, il Crown Prosecution Service inglese ha annunciato di aver formalizzato le imputazioni contro l’ex assistente parlamentare Chris Cash e un suo collaboratore, Christopher Berry, accusati di aver fornito informazioni sensibili alla Cina.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT