sabato 25 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
19.04.2024 A Teheran arresti, a Venezia tutti contro Israele
Analisi di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 19 aprile 2024
Pagina: 1/7
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «Mullah e arte»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 19/04/2024, a pag. 1/7, l'analisi di Giulio Meotti dal titolo: "Mullah e arte".

Informazione Corretta
Giulio Meotti
Biennale di venezia: centinaia in protesta contro lo stand di israele –  Rivoluzione Anarchica 🏴
Manifestazione pro-palestinese sul ponte di Rialto. Mentre a Teheran arrestano e fanno “test della verginità” per una vignetta. A Venezia, tutti contro Israele

“Stranieri ovunque”, recita il titolo della Biennale della diversity voluta dal “curatore queer”, il brasiliano Adriano Pedrosa. E straniera in patria è sicuramente l’artista iraniana Atena Farghadani, arrestata il 13 aprile con l’accusa di “blasfemia”, “disturbo dell’ordine pubblico” e “propaganda contro la Repubblica islamica”. Non è la prima volta che viene portata nel carcere di Evin. Farghadani è stata accusata di “relazioni sessuali illegittime” per aver stretto la mano al suo avvocato. Gli ayatollah fecero seguire anche la visita ginecologica per verificare la verginità di Atena, le cui vignette hanno irriso la Guida suprema in persona Khamenei. Atena Farghadani è stata bendata, malmenata e trascinata in carcere. Come le studentesse dell’Università d’arte di Teheran, che quando hanno ricevuto l’ordine di “indossare un maqna’a (velo) se vogliono frequentare le lezioni” hanno iniziato un sit-in di protesta, per finire anche loro picchiate e arrestate. L’Iran negli scorsi giorni ha iniziato a intensificare la repressione sull’hijab in diverse città con il “Progetto Nour”, volto a “far fronte alle anomalie” (un velo che non copre i capelli) e che ha comportato una massiccia presenza della “polizia della moralità” in diverse città. Anche la moglie e la figlia di Ahmad Reza Abedzadeh, l’ex portiere di calcio iraniano, sono state arrestate a Teheran con l’accusa di aver violato le norme sull’hijab in vigore dal 1979. Nei video che circolano in queste ore, si vede la polizia morale iraniana che compie agguati alle donne che camminano per strada indossando il velo in maniera irregolare, picchiandole davanti a tutti e arrestandole. A Teheran ci sono dei posti di blocco con agenti della polizia per fermare solo le donne. Il padiglione di Israele alla Biennale di Venezia sarà anche chiuso, dal momento che la sua curatrice ha deciso di non voler esporre i lavori fino a quando non ci sarà la liberazione degli ostaggi a Gaza, ma ieri è stato teatro di un sit-in di protesta. “Viva, viva Palestina!”, hanno cantato i manifestanti mentre marciavano attraverso i giardini dove si svolge la Biennale, per la fortuna degli ayatollah che hanno indetto l’al Quds Day. La protesta è stata organizzata da artisti coinvolti nella Biennale e attivisti non affiliati all’evento. “Ci riuniamo come operatori artistici per rifiutare il silenzio”, ha gridato un manifestante alla folla di spettatori. “Penso che sia il posto giusto per protestare”, ha detto Maj Hasager, il rettore dell’Accademia d’arte di Malmö in Svezia, che ha preso parte alla protesta. Sarah Rifky, una curatrice, si è unita al coro: “E’ estremamente liberatorio poter cantare ‘Palestina libera’ davanti ai padiglioni di Israele, Stati Uniti e Germania”. Nessuno invece cantava niente davanti al padiglione iraniano. E per trovare un gesto di solidarietà con la libertà delle donne iraniane si doveva guardare al cappio appeso ieri al ponte dell’Accademia di Venezia da parte dell’Associazione Italia-Iran per la democrazia e la libertà, in segno di protesta per la presenza della Repubblica islamica alla Biennale. L’iniziativa è stata promossa dagli artisti iraniani dell’associazione, per rimarcare che “la guerra del dittatore Khamenei non è la guerra del popolo iraniano, che desidera vivere in pace con le altre nazioni e che vuole al contempo uscire dall’isolamento internazionale provocato dal regime oscurantista nato dalla rivoluzione islamica del 1979”. Viva Palestina? Viva Atena! E viva “Gabrielle con la camicetta aperta”, il grande olio su tela di Pierre-Auguste Renoir, che nessuno può vedere perché fa parte della collezione del Museo di arte contemporanea di Teheran, lascito dei Pahlavi ma che dal 1979 non è visibile al pubblico a causa della camicetta della modella. La “polizia della moralità” vada alla Biennale.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT