lunedi` 20 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
12.04.2024 La nostra libertà passa dall’Ucraina
Analisi di Paola Peduzzi

Testata: Il Foglio
Data: 12 aprile 2024
Pagina: 1/4
Autore: Paola Peduzzi
Titolo: «La nostra libertà passa da Kharkiv»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 12/04/2024, a pag. 1/4, l'analisi di Paola Peduzzi dal titolo "La nostra libertà passa da Kharkiv".

Risultati immagini per paola peduzzi
Paola Peduzzi

Kharkiv viene continuamente bombardata dai russi in queste settimane. Non essendo riusciti a conquistarla, nell'offensiva del 2022, i russi puntano a renderla invivibile per la sua popolazione, vendicandosi per lo smacco subito

Durante l’Holodomor, la grande carestia voluta da Stalin all’inizio degli anni Trenta in cui morirono milioni di ucraini, Kharkiv era “la città in cui si andava a morire”, dice lo storico Timothy Snyder, l’ultimo posto in cui cercare qualcosa da mangiare, senza trovarlo. Poi Kharkiv, che si trova a meno di quaranta chilometri dal confine con la Russia, nel nord-est dell’Ucraina, è diventata la città dell’arte, della letteratura, della musica, della poesia, della convivenza, degli studenti e infine del grande equivoco: quando Putin cercò di conquistarla nei primi giorni dell’invasione su larga scala del febbraio del 2022, pensava di trovarla pronta alla sottomissione, anzi, quasi desiderosa della sottomissione. I consiglieri del presidente russo gli avevano fatto credere che cuori e menti di buona parte dell’Ucraina fossero già dalla sua parte – è la stessa ragione per cui, quando dieci anni fa Putin annesse la Crimea, qui da noi si diceva, abbeverandoci a volte in modo inconsapevole alla propaganda russa: in fondo a loro va bene così, sono più russi che ucraini. Invece qui si consumò l’umiliazione dell’esercito russo. 

Serhiy Zhadan, uno dei poeti più famosi dell’Ucraina che vive a Kharkiv, scrisse su Facebook il 27 febbraio del 2022, la domenica successiva all’invasione putiniana: “Venite uccisi dai russi, che vi piaccia o no. Probabilmente non vi va bene, penso”. Non basta parlare russo, fare affari con i russi al di là del vicinissimo confine, avere scambi culturali, economici e molte affinità per volersi sottomettere all’occupazione dei russi. Il grande equivoco era svelato, le forze russe fecero una breve incursione nella città – la seconda più popolosa dell’Ucraina – ma furono cacciate indietro, occuparono una porzione della regione di Kharkiv dove fecero razzie, torture, uccisioni, fosse comuni e poi, nel settembre del 2022, nella controffensiva a sorpresa guidata dall’attuale capo delle Forze armate ucraine, il generale Oleksandr Syrsky, scapparono senza quasi combattere, e non tornarono a riprendersi i loro corpi. 

Oggi i propagandisti del Cremlino dicono: Kharkiv deve essere cancellata dalla mappa. Il metodo di Putin è lo stesso da sempre: quel che non conquista distrugge. Da dicembre, la città e la regione vengono colpite ogni giorno, l’accanimento quotidiano di droni e missili ha distrutto le centrali, le strade, i palazzi, le vite delle persone, uno stillicidio che i giornalisti e i fotografi documentano con racconti e immagini da assedio. In quarantasette aree nella regione di Kharkiv più vicine al confine le famiglie con bambini saranno evacuate. 

Nei commenti internazionali ritornano i paragoni che si facevano quando fu uccisa di fame e bombe Mariupol: Grozny, Aleppo, i teatri della violenza terroristica dei russi. 

Corpi ricoperti dai teli, uomini e donne piegati dalle lacrime, bambini uccisi, bambini messi in salvo, incendi, macerie, trolley pronti per la partenza, quando si riesce: nel 2022, scapparono circa trecentomila persone, sono tornate a migliaia, ora si dividono tra l’urgenza di ripartire e l’urgenza di restare per difendere la città, per darsi una mano, per urlare in faccia ai russi che l’idea di trasformare una città che aveva due milioni di abitanti in “una zona grigia” come lascia trapelare il Cremlino è una fantasia, un’altra. 

Putin vuole piegare Kharkiv non soltanto perché è strategicamente importante per rubare pezzetti di terra e accerchiare le truppe ucraine che difendono il Donbas, ma anche perché è il simbolo al contempo della sua illusione espansionistica e della sua iniziale disfatta. Kharkiv è l’ossessione e il riscatto, l’occasione per approfittare dei ritardi e delle divergenze tra gli alleati occidentali di Kyiv, dove risuonano ancora, dopo tutto questo tempo, più allarmanti gli attacchi ucraini in territorio russo che gli sciami di droni iraniani e missili russi su tutta l’Ucraina, da est a ovest, indiscriminati. Il sindaco di Kharkiv e il presidente Volodymyr Zelensky dicono che ancora una volta i piani di Putin saranno sfasciati, ma denunciano anche l’accanimento russo, costante e brutale. Continuiamo a fissare linee rosse agli ucraini (“dobbiamo combattere con una mano dietro la schiena, a volte due”, ci ha detto una soldatessa), continuiamo a negare la copertura aerea che, fin dal 2022, è la protezione più efficace per respingere l’aggressione russa, continuiamo a cianciare di concessioni e di pace impedendo all’Ucraina di difendersi e lasciando che Putin consumi già una sua vendetta.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT