domenica 21 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
02.04.2024 Damasco, il colpo di Israele
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 02 aprile 2024
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Il colpo di Israele»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 02/04/2024, a pag. 1, con il titolo "Il colpo di Israele" l'analisi di Micol Flammini.

Micol Flammini
Micol Flammini

A Damasco, Israele ha colpito un edificio presso l'ambasciata iraniana, uccidendo uno dei leader della Guardia Rivoluzionaria all'estero. Il bombardamento è stato effettuato come risposta a un attacco con un drone iraniano su Eilat

A Damasco è stato colpito un edificio vicino all’ambasciata iraniana, mentre al suo interno si teneva un incontro tra i membri delle Guardie della rivoluzione. L’edificio era la sede di queste riunioni assidue in cui sono spesso stati progettati attacchi contro Israele, e ieri al suo interno c’erano figure importanti, come Mohammad Reza Zahedi, che è stato a capo delle forze al Quds in Siria e in Libano, principale responsabile dei rapporti con Hezbollah in Libano e con le milizie filoiraniane in Siria. Nell’edificio c’era parte della struttura portante della guerra dell’Iran contro Israele. La Siria e l’Iran hanno subito accusato lo stato ebraico, che non ha smentito e non avrebbe ragioni per non essere interessato a un attacco tanto duro che ha portato all’eliminazione di una figura centrale e la cui importanza era anche superiore a quella di Razi Mousavi, il generale pasdaran ucciso a dicembre dello scorso anno, uomo fidato di Qassem Suleimani che di questa catena di comando è stato l’ispirazione. Zahedi era un pilastro delle forze al Quds, sanzionato dagli Stati Uniti, ha protetto il dittatore siriano Bashar el Assad, ha armato i gruppi che minacciano Israele, ha gestito le informazioni di intelligence fra Teheran e le sue milizie che per numero e arsenali ormai sono dei veri eserciti. La Siria e l’Iran, subito dopo l’attacco, hanno promesso una risposta dura contro l’“entità sionista”, e gli attacchi dal Libano contro Israele hanno cominciato a farsi intensi contro quel confine che da mesi è più pericoloso del sud a ridosso della Striscia di Gaza perché Hezbollah è ben armato, è organizzato, ha costretto lo stato ebraico a evacuare le città senza poter dare una prospettiva di ritorno ai suoi cittadini. 

Dopo l’attacco a Damasco, girava una foto che ritraeva Zahedi e Suleimani molto più giovani e in compagnia di un altro generale iraniano, Ahmad Kazemi, di un comandante di Hezbollah, Imad Mughniyeh, e del capo attuale dei miliziani del libano Hassan Nasrallah: sono tutti morti tranne l’ultimo, che vive in un bunker. Israele ha intensificato la sua politica di risposta contro l’Iran ed è la seconda volta in quattro giorni che colpisce in Siria. Gli attacchi si sono fatti più forti, frequenti e tutto è considerato un obiettivo. Nelle ultime settimane, gli israeliani avevano fatto capire che non avevano più intenzione di considerare gli attacchi dei gruppi armati che lo circondano come indipendenti dalla volontà iraniana: se Hezbollah colpisce è perché Teheran vuole; se un drone parte dall’Iraq contro la città israeliana di Eilat e danneggia una base navale, come accaduto domenica notte, è perché l’Iran lo ordina e Gerusalemme non vuole più ignorarlo. Venerdì, dopo l’attacco ad Aleppo che aveva colpito un quartier generale di Hezbollah, il ministro della Difesa Gallant aveva detto che Tsahal è pronto a espandere la sua campagna “dovunque”. Gli Stati Uniti lo sanno e probabilmente è anche di questo che ha parlato Gallant durante il suo viaggio a Washington la scorsa settimana. La guerra sta cambiando e cambiano anche le trattative con Hamas: secondo Axios, Israele è pronto ad ammorbidire le sue condizioni sul ritorno dei civili palestinesi a nord della Striscia di Gaza. 

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT