domenica 21 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
02.04.2024 Israele più si mette in discussione più si rafforza
Editoriale de Il Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 02 aprile 2024
Pagina: 3
Autore: Redazione de Il Foglio
Titolo: «Un popolo, due piazze»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 02/04/2024, a pag.3, l'editoriale dal titolo "Un popolo, due piazze"

La piazza contro Netanyahu, un esercizio di democrazia che non indebolisce Israele. Anzi, lo rafforza

Fino alla scorsa settimana c’erano due piazze in Israele, comunicanti, ma diverse. Domenica si sono mescolate, unendosi in un’alchimia non condivisa da tutti all’interno di una società che assieme lotta, assieme protesta, assieme si rivoluziona e mette in discussione quel che ormai era consuetudine tanto radicata da diventare legge, come la fine dell’esenzione dal servizio militare per gli studenti delle yeshivot. Una piazza era quella sopita dopo il 7 ottobre, ma poi tornata in forze, che chiede le elezioni anticipate e le dimissioni del premier Benjamin Netanyahu. L’altra piazza era quella delle famiglie degli ostaggi, arrabbiate con il governo perché gli oltre centotrenta rapiti rimasti nella Striscia ancora non tornano e i negoziati non si sbloccano ma che mai avevano desiderato di tingere con colori politici le loro richieste vitali. L’unione delle due piazze non è piaciuta a tutti, alcuni famigliari hanno paura della strumentalizzazione, credono che non sia giusto trasformare in politico qualcosa che ha a che fare con la vita e la morte di chi è stato rapito. Qualcuno invece ritiene che così la protesta assumerà più forza e se i negoziati non si sono sbloccati è colpa del premier onnipresente, che litiga con gli americani, che teme che la sua sopravvivenza politica sia ormai legata alla guerra. Ieri delle fonti anonime vicine ai negoziatori israeliani hanno detto ai media che ci sono stati dei progressi nei colloqui. Netanyahu avrà pur legato la sua sopravvivenza alla guerra, come sarebbe capitato a qualsiasi leader di guerra, ma finora le speranze di avere un accordo si sono infrante tutte contro i “no” di Hamas, che nonostante militarmente sia sfinito nella Striscia, non ha intenzione di soccombere. Le divisioni israeliane per i terroristi sono sempre una buona notizia. Quello che Hamas non coglie però è che lo stato ebraico più si mette in discussione più si rafforza.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/ 5890901, oppure ciccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT