mercoledi` 17 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
23.02.2024 Zelensky sfida Trump
Editoriale del Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 23 febbraio 2024
Pagina: 3
Autore: Redazione del Foglio
Titolo: «L’intervista di Zelensky al fronte»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 23/02/2024, a pag.3, l'editoriale dal titolo "L’intervista di Zelensky al fronte".

Zelensky: il Presidente ucraino e la metamorfosi da Woody Allen ad Allende  - la Repubblica
Volodymyr Zelensky invita Donald Trump al fronte per discutere lì della pace

Volodymyr Zelensky ha rilasciato un’intervista a Bret Baier di Fox News a due chilometri dalla linea del fronte vicino a Kupyansk, nel nord-est dell’Ucraina. E’ la prima intervista del presidente ucraino a due passi dai soldati russi e le due seggioline piazzate tra la legna e il fuoco, con gli scoppi a scandire la conversazione sono in netto – e voluto – contrasto con la recente intervista, in una sontuosa e silenziosa sala del Cremlino, che Vladimir Putin ha dato a Tucker Carlson, ex conduttore di punta di Fox News che ora lavora in proprio, anche questa una prima volta: da due anni, il presidente russo non parla con i giornalisti occidentali. Sul perché Putin si sia concesso a Carlson non c’è bisogno di dilungarsi, basta guardare Jon Stewart, tornato a condurre il “Daily Show” dopo dieci anni di assenza, che ha ripreso un piccolo frammento dell’intervista, quando Putin dice che i polacchi hanno costretto Hitler a invaderli perché si sono rifiutati di dargli Danzica, e Carlson lo guarda perplesso (!) e poi dice: “Of course”. Lo stesso Putin ha avuto modo di farsi beffe di Carlson, dicendo che si aspettava domande un po’ più ficcanti alle quali naturalmente avrebbe risposto volentieri. Baier segue Zelensky in un ospedale, dove un soldato mutilato dice che i russi possono togliergli una gamba ma non la sua anima e la sua resistenza. Il presidente ucraino dice che in questi due anni il suo paese è rimasto in piedi, che continua a combattere, che non ha piani B, che i soldi che non arrivano dall’America non sono soldi, sono ucraini che muoiono. E’ un messaggio chiaro al mondo trumpiano, lo stesso che Zelensky ha rivolto a Donald Trump, il più grande ostacolo ai fondi vitali per Kyiv: vieni a dirmi come pensi di fare la pace in pochi minuti, ti porto a vedere la linea del fronte, ne parliamo lì.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT