giovedi` 30 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
16.02.2024 Andrea’s Version
Commento di Andrea Marcenaro

Testata: Il Foglio
Data: 16 febbraio 2024
Pagina: 1
Autore: Andrea Marcenaro
Titolo: «Andrea's Version»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 16/02/2024, a pag. 1, con il titolo "Andrea's Version" il commento di Andrea Marcenaro.

Immagine correlata
Andrea Marcenaro


L'antisemitismo? oggi è soprattutto pacifista e di sinistra

Hamas è gestito da bestie, ma bestie non prive di talento. Si è mosso benissimo, Hamas. Ha scelto tempi e luoghi dell’offensiva, tempi e modi di reazione del nemico, tempi di massima debolezza interna di Netanyahu con difficili scenari moltiplicati: esiste infatti l’Ucraina. Hamas ha colto i tempi giusti per le lontane ma non troppo elezioni americane, protagonista l’amicissimo ma nemicissimo, il ruffiano ma indifferente Donald Trump. Senza alcun imbarazzo, Hamas ha scelto Teheran, il nemico sciita del se stesso sunnita, e sta con gli sciiti insieme a Russia e Cina mentre queste ultime sono impegnate allo spasimo nel gigantismo ulteriore del proprio ruolo per la riduzione a nulla dei paesi liberi. L’attacco a Israele è stato deciso quando l’Europa e l’occidente restano, certo, ostili a Hamas, ma molto più nei loro gangli istituzionali che nel giudizio spaventato e spaventoso delle loro opinioni pubbliche. Hamas ha saputo cogliere, con astuzia levantina, il momento dell’antisemitismo “progressista” più alto dal Dopoguerra. Dirige perfino, Hamas, esatto, Hamas, la questione degli ostaggi. Dirige l’Onu più di prima, Unrwa o non Unrwa, e più di prima ogni Amnesty e qualsiasi Médecins sans frontières. Ou avec. Sta perfino orientando quasi senz’aprir bocca il capo dei cattolici. E’ abile, Hamas, se sa ancora dirigere un popolo i cui figli non possono non passare sotto gli F-35 israeliani, ma vengono esposti in prima linea da madri e padri pur di evitare i colpi destinati ai combattenti. Figli esausti, eppure numerosi al punto da poter coprire gli ospedali e le scuole sotto cui la direzione di Hamas si conserva protetta fino a fuggire poi per la propaganda e per se stessa, coi corpicini sottobraccio da mostrare su al Jazeera. E preparando per quelli, davvero poverini, la figura di nuovissimi e gloriosi nano-martiri, con pensione reversibile già in arrivo da qualche Doha. Solo in due modi si può uscire da una sconcezza dove le madri palestinesi ancora aiutano i padri a divorare i figli: una, sganciare bombe che orrendamente fracassino, come in ogni guerra, pagando poi noi, con civili e ostaggi tecnicamente uccisi dalla nostra mano, il prezzo di un grande dolore e di una grande ma soltanto apparente disumanità. L’altra, colmando di piscio tutti i seicento chilometri di buchi, di fogne e di tunnel dove le bestie della setta di Gaza, i topi, si troverebbero altrimenti e per sempre a proprio agio.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT