venerdi 23 febbraio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
10.02.2024 Netanyahu contro Biden
Cronaca di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 10 febbraio 2024
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Bibi annuncia l’operazione a Rafah per far cedere Hamas»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 10/02/2024, a pag. 1, con il titolo "Bibi annuncia l’operazione a Rafah per far cedere Hamas", la cronaca di Micol Flammini.

Micol Flammini
Micol Flammini
BIden sempre più critico contro Israele
BIden sempre più critico contro Israele

Roma. L’esercito israeliano è pronto a dirigersi verso Rafah, l’ultimo avamposto in cui crede possano trovarsi le brigate resistenti di Hamas, l’ultimo punto su cui fare pressione per portare il gruppo ad accettare un accordo che porti alla liberazione degli ostaggi senza dichiarare un cessate il fuoco permanente e senza la scarcerazione dei leader palestinesi condannati all’ergastolo per terrorismo. Dopo Rafah, però, c’è il muro, inizia l’Egitto, è l’ultima zona ritenuta sicura, dove si sono affollati profughi su profughi, civili su civili. Portare la guerra lì sarebbe un massacro, non c’è un altro posto dove andare. Prima di iniziare l’operazione a Rafah, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha detto all’esercito di mettere in sicurezza i civili. Gli alleati americani sono stati chiari, non vogliono che Tsahal vada a sud e il presidente Joe Biden ha parlato di reazione esagerata. A lungo si è dibattuto a chi si riferisse, se a Hamas o all’esercito israeliano, qualche giorno fa aveva definito “esagerata” la proposta di accordo dei terroristi, ma secondo una fonte vicina al presidente che ha parlato con Axios, questa volta parla delle intenzioni di Netanyahu e del suo esercito. E’ la prima volta che il presidente americano parla e giudica con nettezza l’operato israeliano. A Rafah, secondo le parole del premier israeliano, ci sono quattro battaglioni di Hamas ancora intatti, la speranza degli annunci israeliani è che il gruppo ceda prima che l’operazione a ridosso del confine egiziano si faccia grande. Secondo al Arabiya, il Qatar sta lavorando con gli Stati Uniti per aiutare a espellere i leader di Hamas che sono a Doha: l’esilio e la via d’uscita per quelli rimasti nella Striscia sono l’offerta di Israele al gruppo per finire la guerra.  

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT