lunedi` 15 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
07.02.2024 Se Israele cura i capi di Hamas nei suoi ospedali
Analisi di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 07 febbraio 2024
Pagina: 1
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «La figlia di Hamas»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 07/02/2024, a pag. 1, l'analisi di Giulio Meotti dal titolo "La figlia di Hamas"

Informazione Corretta
Giulio Meotti
Soroka suspends nurse asking to report 'terror supporters' among staff -  The Jerusalem Post
Il Soroka Medical Center, l'ospedale che ha preso in cura i famigliari di Ismail Haniyeh. Perché quasi nessuno nei giornali e nelle tv cita queste realtà che sono l'immagine di una democrazia quale Israele è?

Roma. Il Soroka Medical Center si trova a 25 chilometri da Gaza. E’ l’ospedale israeliano che il 7 ottobre ha curato 680 pazienti rimasti feriti nel pogrom di Hamas, fra cui una donna incinta. Le avevano sparato più volte all’addome. Due giorni fa al Soroka è arrivata a partorire la sorella di Ismail Haniyeh, leader politico di Hamas. Ha dato alla luce un bambino prematuro, ricevendo cure salvavita dall’équipe medica israeliana. A dare la notizia, il giornalista Almog Boker: “Una vicenda che riassume tutta la differenza tra l’umanità israeliana e la crudeltà di Hamas”. Anche la figlia tredicenne, la moglie e la nipotina di un anno (Amal Haniyeh) del leader di Hamas sono state ricoverate in ospedali israeliani. Una sorella del leader politico di Hamas Haniyeh, Suhila, è entrata in Israele insieme con il marito malato, che ha ricevuto cure mediche urgenti all’ospedale di Petah Tikva. Sono passati dal valico di Erez, lo stesso attaccato il 7 ottobre dagli uomini di Haniyeh. Lo sceicco Ikrima Sabri di Gerusalemme per anni ha incitato contro gli ebrei dal pulpito della moschea di al Aqsa, invocando “l’annientamento dei sionisti” e “la distruzione di Israele”. Ma quando ebbe urgentemente bisogno di un intervento al cuore, la sua prima scelta fu l’ospedale “Hadassah” di Gerusalemme. I medici ebrei salvarono la vita a Sabri, che tornò a incitare al terrore contro gli ebrei, con più fervore di prima. Nel 2014, la moglie del presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas è stata curata in Israele. Quattro anni dopo, un medico israeliano è stato inviato a Ramallah per curare lo stesso presidente Abbas. Anche un fratello di Abbas, Abu Louai, è stato curato all’ospedale “Assuta” di Tel Aviv. Senza considerare il tumore al cervello che i medici israeliani hanno curato a Yahya Sinwar, il leader di Hamas a Gaza. Come spiegare questo paradosso? Aryeh Eldad, medico dell’ospedale “Hadassah Ein Kerem” di Gerusalemme, anni fa ha fondato la Skin Bank in Israele, che è la più grande del suo genere al mondo. Una banca della pelle. “Un giorno mi è stato chiesto di inviare la pelle per una donna musulmana di Gaza, che era stata ricoverata nell’ospedale ‘Soroka’, dopo che i suoi familiari l’avevano bruciata” ha raccontato Eldad dopo il 7 ottobre. La donna era stata vittima di un “delitto d’onore”. “Abbiamo fornito tutto per il trapianto (cellule della pelle dei donatori) necessario per il trattamento. E’ stata curata con successo e rilasciata nella sua casa a Gaza”. E’ stata invitata a regolari visite di controllo all’ospedale di Be’er Sheva. “Un giorno è stata sorpresa al valico di frontiera con addosso una cintura esplosiva. La sua missione era quella di farsi esplodere nell’ospedale dove le era stata salvata la vita”. La famiglia le aveva promesso che se l’avesse fatto l’avrebbero perdonata. “Questa non è una disputa territoriale” scrive Eldad. “Questo è un conflitto culturale, o meglio una guerra tra civiltà e barbarie”. Due mesi prima del pogrom del 7 ottobre, il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite ha votato a favore di una risoluzione che condanna Israele. Adottata con 37 voti favorevoli (di cui nove paesi dell’Unione europea, tra cui l’Italia), la risoluzione delle Nazioni Unite accusava Israele di costituire un “grande ostacolo” per le donne palestinesi. La figlia, la moglie, il cognato e la nipotina di Ismail Haniyeh forse avrebbero qualcosa da ridire.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT