lunedi` 15 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
06.02.2024 Le vite appese degli ostaggi di Hamas
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 06 febbraio 2024
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Per liberare gli ostaggi, Hamas vuole fuori dal carcere gli uomini che servono a ripetere il 7 ottobre»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 06/02/2024, a pag. 1, con il titolo "Per liberare gli ostaggi, Hamas vuole fuori dal carcere gli uomini che servono a ripetere il 7 ottobre", l'analisi di Micol Flammini.

Micol Flammini
Micol Flammini

Roma. Ogni sera le voci di ottimismo riguardo alla rapidità con cui si potrebbe concludere un accordo tra Israele e Hamas per la liberazione degli ostaggi si soffocano un po’. Ogni sera si conclude con una risposta non data e Hamas, così amano dire i suoi portavoce, “studia la proposta”. Mentre studia, la guerra continua, i soldati israeliani si muovono a sud, Hamas fa capolino a nord per dimostrare di non essere sconfitta, ma sono apparizioni dimostrative: la sua infrastruttura non è distrutta, i suoi uomini non sono eliminati, ma la sua capacità di resistenza è compromessa. La sua forza non sta nei razzi che può lanciare contro Tel Aviv, non sta nella rete di tunnel, non sta neppure nelle imboscate. La sua forza continua a essere tutta nei centotrentasei ostaggi israeliani che tiene prigionieri. Il peso negoziale di Hamas sta ancora nelle vite appese e comunque distrutte, nella pressione dei loro famigliari che protestano ogni sera contro il governo di Israele.

I terroristi alzano il prezzo dell’accordo e anche se il premier Benjamin Netanyahu ha detto che non accetterà un compromesso a qualsiasi costo, è di questo che si sta parlando. La sopravvivenza di Hamas sta in questi negoziati e i terroristi insistono sul numero di palestinesi che Israele dovrebbe liberare dalle sue carceri per veder tornare a casa gli ostaggi. I nomi che vengono fuori sono quelli di leader legati all’organizzazione o al compimento di atti terroristici, sono tutti uomini che hanno giurato di odiare Israele e di combattere per la sua fine. Hamas vuole la liberazione di terroristi di alto profilo e Keshet 12, Canale 12, ha riferito che l’elenco non include uomini legati agli attentati compiuti tra il 2000 e il 2005. Abdullah Barghouti è stato ritenuto responsabile della morte di sessantasei israeliani, mentre Ahmad Saadat, attualmente in isolamento, ha organizzato nel 2001 l’assassinio di Rehavam Ze’evi, ministro del turismo israeliano. Fra i terroristi citati da Keshet 12 c’è anche Ibrahim Hamed, che viene considerato il prigioniero più pericoloso nelle carceri israeliane, è stato il comandate di Hamas in Cisgiordania ed è stato condannato per l’omicidio di 46 civili. Nella lista ci sono anche Abbas al Sayed e Muhammad Arman, il primo pianificò l’attentato al Park Hotel di Netanya nel 2002 e il secondo era il comandante della squadra Silwan che effettuò gli attacchi al Café Moment e all’Università ebraica di Gerusalemme.

Chiedere la liberazione di questi terroristi per nulla pentiti equivale alla promessa di ripetere il 7 ottobre, è una storia che torna dallo scambio per la liberazione di Gilad Shalit. Yahya Sinwar, che è stato nelle carceri israeliane e ben conosce la mentalità dello stato ebraico, sa che sta portando avanti un ricatto che riscriverà la storia del futuro di Israele. Il ricatto è semplice, in sé porta la minaccia di ripetere il 7 ottobre e suona così: o liberate i terroristi pronti a riorganizzarsi per un nuovo attacco, o noi terremo gli ostaggi e la ferita per la vostra democrazia sarà profonda.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT